mercoledì 31 dicembre 2014

La presenza di Dio in noi!

La presenza di Dio in noi!

Gli esseri umani credono che Dio debba chiedere il permesso per entrare in noi, o che noi umani dobbiamo credere in Lui, o che dobbiamo aderire ad una fede perché Egli sia presente in noi! Invece questo è un errore perché in realtà Dio è già presente in noi fin dal primo istante della nostra vita nel ventre materno e per tutta la nostra esistenza, così che Dio nasce con noi ed è in noi.

Ma allora perché ci dice che dobbiamo accettarlo, quando esso nasce con noi ed è in noi?
Siamo noi che lo cacciamo da noi, per nostra volontà, con l’uso del peccato, della ragione, dello scetticismo ecc, ecco che l’uomo diviene figlio del peccato, quando esso caccia Dio  da se stesso per volontà propria.

Ma questo allontanamento è reale o temporaneo?
E’ temporaneo essendo che l’anima è creatura di Dio, e parte di Dio stesso, di conseguenza quando noi siamo, come Dio ci vuole, Esso abita in noi, e noi Lo allontaniamo volontariamente da noi, anche se l’anima non può lasciare il corpo, pena la morte di questo. Quindi in breve tutti gli esseri umani hanno in se Dio, non solo i cristiani, non solo gli ebrei, non solo i mussulmani, gli induisti, ma anche tutti gli altri, tutti coloro che sono nati e hanno visto la luce del sole.

Ma allora come fa Dio a scegliere chi salvare e chi non salvare, se è in tutti gli esseri umani, è presente allo stesso modo?
Dio Padre nella sua lunga eternità, ha dato al mondo, delle possibilità per salvarsi, prima in un modo poi in un altro, prima con i profeti, dell’antico testamento e poi con suo figlio Gesù, aspettato dagli Ebrei come il Messia. Ancora oggi taluni pensano che debbano aspettare ancora … quando in realtà è già venuto, ma gli ebrei vorrebbero un Figlio di Dio fatto a loro misura, non come Dio vuole e ha voluto.
Dio ci ha inviato un figlio, suo primo unigenito, che per volontà stessa del Padre Celeste, ha portato un segno distintivo per valutare chi vuol essere di Dio realmente e chi invece vuol rimanere solo umano. Cristo per volontà del Padre Celeste ci comanda ci battezzarci, e di accogliere in noi, il messaggio che egli porta da Dio

Ma allora perché Cristo Gesù, ci comanda di battezzarci e di accogliere in noi il messaggio che Egli porta del Padre celeste?
Perché l’anima può anche divenire sede di satana, per nostra volontà e il battesimo impedisce di fatto  a Satana di possederla, ma questo passaggio di proprietà avviene solo e solamente per volontà diretta del nascituro quando esso volontariamente, ma anche involontariamente, allontana da se Dio, con atto di peccato determinato, contrario alle leggi che Dio stesso ha posto, spesso a causa della ragione, in pratica l’uomo diviene “figlio” di satana, per volontà diretta e ciò può avvenire opponendosi nettamente a Dio e a suo Figlio Gesù Cristo che il Padre Celeste ha inviato a noi; come fanno e hanno fatto molti scienziati, studiosi, ecc, ma anche opponendosi dal punto di vista religioso, con altre fedi avverse a Cristo, e Dio Padre, perché l’opposizione a Cristo è opposizione al Padre Celeste, sono la medesima cosa, così l’opposizione anche alla Madre di Dio, si traduce in opposizione al Creatore stesso. Basta che l’uomo non desideri di riconoscere che l’anima che lo fa vivere, è di proprietà di Dio, ecco che in quel preciso istante, esso diviene preda di satana, e il demone abiterà in esso. L’anima di conseguenza soffre enormemente questa condizione ad essa avversa, e l’uomo coscientemente la uccide e la fustiga, facendola soffrire, per cui l’essere umano che nega Dio, nel Figlio e nella Madre, e nello Spirito Santo, negando se stesso e la sua divinità di figlio di Dio, fa peccato mortale contro Dio che abita in quell’anima. In pratica satana diviene proprietario di quel corpo, ma non ancora dell’anima, che rimane incarcerata in quel corpo. Solo mediante una volontà estrema l’anima può divenire preda vera e propria di satana, fortunatamente sono casi rarissimi … che Dio permette per ragioni a noi non comprensibili.  Solo con la morte se l’essere umano non ha deciso e desiderato da che parte porsi. Quest’anima diverrà figlia di satana totalmente per l’eternità. Per questo Gesù ha comandato per volontà del Padre Celeste, di battezzare e farsi battezzare, per non essere preda e figli di satana, il battesimo è un sigillo indelebile che nessun uomo può togliere mediante chi gliel’ha elargito, la chiesa non possiede questa autorità, può solo amministrare, cioè conferire il battesimo ma non può più toglierlo, per questa ragione Gesù lo fa praticare da adulto, perché l’essere umano deve essere cosciente di quanto fa, proprio perché esso non può essere più rimosso, da un essere umano, neppure la morte fisica toglie il battesimo, neppure la decapitazione. Quindi il sigillo che Dio pone in chi desidera essere battezzato, è indelebile, salvo il fatto che la persona  commetta un peccato gravissimo contro il Dio vivente, Padre-Figlio-Spirito Santo, esso può rimuovere per accettazione diretta volontaria, il sigillo del Dio vivente cioè il battesimo. Ma ciò non può avvenire per costrizione, ma per vera e sincera accettazione, volontaria e presa di coscienza, allora in quel momento satana diverrà padrone di quell’anima eternamente. Perché un anima non può rimanere senza un padrone, o essa è Dio o essa è Satana. L’anima non dispone di energia sufficiente per vivere da sola, per cui abbisogna di una fonte di energia che sta in uno spirito superiore, non esistono vie di mezzo, come disse Gesù o sei freddo o sei caldo, o sei luce o sei tenebre, o sei destra o sei sinistra, il tiepido e l’ombra e la sinistra vengono rigettati come se fossero tenebra.

Quindi l’essere umano che accetterà, per volontà propria e non per costrizione di altri, di sbattezzarsi, deve sapere che diviene figlio di satana, che è condannato alla morte eterna nello stesso luogo dove vive ed è recluso satana, perché reo di grave peccato contro il Padre Celeste. Quindi in sostanza Gesù porta la salvezza al popolo ebraico in primis, perché nasce presso questo popolo, ma essi non l’hanno accolto, ma da quel popolo uscirono 12 stelle che fecondarono con la parola di Cristo il mondo, portando con se il Battesimo, come elemento di unione e appartenenza a Cristo stesso, quindi al Padre Eterno. Chi liberamente non accetta e si oppone a Cristo in ogni modo, non può pretendere di essere salvato, perché quel sigillo che Dio Padre mandò mediante suo figlio, era prima di tutto per il popolo eletto, gli Ebrei, e per tutti. Anche se, Cristo ha voluto seguire le profezie, ma cmq sia, la casta sacerdotale non lo ha accettato.
Quindi tutti i popoli che abbracciano o che desiderano abbracciare la fede in Cristo Gesù e accetteranno di portare su di loro indelebilmente il sigillo del Dio vivente, sappiamo che essi potranno seguendo le regole poste dal Padre dei padri prima e dal figlio Suo poi, essere salvati, dalla seconda morte, cioè la morte dell’anima. Questo fa capire che tutte le altre fedi e religioni, che non contemplano e non riconoscono ed anzi osteggiano i figli che hanno in se il sigillo del Dio vivente, il Battesimo sono bandite dalla salvezza eterna, anche se le loro anime sono di proprietà di Dio.




Le lacrime e l’amore!

Le lacrime e l’amore!

Tutti noi siamo abituati a pensare che l’amore non si possa dire con precisione quale sia la sua più alta manifestazione e cosa lo caratterizzi, ed invece non è così.
Tutti pensano che l’amore si divida in sentimentale e sessuale, invece si sa bene che noi usiamo questa parola in modo errato ed erroneo, dicendo di amare per noi si intende fare sesso, quando invece l’amore è aulico, sublime, sentimentale e anche passionale, ma non sessuale. 

E allora il vero amore come si manifesta?

Esso si manifesta sia nella gioia che nel dolore, in entrambi i casi se è vero amore, sincero, sentimentale, profondo, che coinvolge anche l’anima, il nostro corpo risponde a questo Amore in un modo strano, insolito, sconvolgente, estremamente emotivo, a tal punto che più forte è il sentimento d’amore è maggiore è il suo effetto. Noi quando amiamo e siamo amati lo sentiamo lo percepiamo e lo manifestiamo sottoforma di lacrime. Si sono le lacrime che sgorgano dai nostri occhi che ci dimostrano se chi ci dona il suo amore, è vero amore o solo parole vuote. Anche quando si è toccati dall’amore di Dio, dai nostri occhi sgorgano lacrime, perché esse sono lacrime d’amore per Dio e lui dimostra il suo amore per noi, facendoci provare quello che Lui prova per noi; in sostanza Dio si commuove in noi e noi lo manifestiamo mediante i nostri occhi, e un enorme sentimento d’amore che prende tutto il nostro essere, che riempie il nostro petto. Così avviene se amiamo un nostro simile sinceramente, se i nostri e suoi occhi si riempiono di questo amore di lacrime sapremo che la persona che abbiamo innanzi ci ama. Ma come ho detto l’amore non si manifesta solo nella gioia, ma anche ne dolore, nella tristezza, perché si può essere pieni d’amore anche quando siamo tristi, e associamo l’amore al dolore. Questo però fa comprendere la sincerità della persona e la sua veridicità. L’amore nel dolore e l’amore nella gioia, sono espressi entrambi con la manifestazione delle lacrime, quindi quando troverete la vostra metà, se essa/o che sia esprimerà il suo amore per voi con lacrime nella gioia o nel dolore, saprete che il suo amore è sincero,vero da vivere. Ma se l’amore è solo vuoto, saranno tante belle parole ben ricamate e ben tessute, che potranno anche colpirvi ma nulla di più faranno …

Fatevi amare di Dio, se volete assaporare il suo Amore, che nessuna donna o nessun’uomo può dare!

Ispirazione dello Spirito Santo!

domenica 28 dicembre 2014

La vita e la morte eterna!

28 dicembre 2014, 14:12

La vita e la morte eterna!

Cari figli
Vi parlo ancora per supplicarvi di abbandonare la vita oscura nella tenebre del mondo.
Siete voi che salvate o condannate le vostre anime, con la vostra vita terrena, mediante le azioni, le parole , i pensieri che diventano, condanna o salvezza per ottenere la vita nella gioia eterna o la vita nella morte eterna. Perché entrambe sono una forma di vita, ma in opposizione l’una all’altra, perché l’anima è uno spirito ed esso è eterno.
La vita nella gioia eterna al cospetto dell’eterno Padre, nella amore e nella verità si ottiene con azioni, parole, pensieri verso la verità, la giustizia e nella volontà del Padre Mio celeste. Mentre la vita nella morte eterna è sempre una vita ma piena di dolore, di pianto, di stridore di denti, lontano dalla gioia e dell’amore Eterno del Padre Celeste, per causa dei vostri irrefrenabili peccati, che in quel luogo di eterno dolore si moltiplicheranno 70 volte 7, così come le gioie saranno moltiplicate per voi al cospetto della mia S.S. Trinità.  
Chiunque di voi, può ancora ambire alla vita eterna nella gioia del Padre Celeste. 
Abbracciate la mia croce, perché chi non l’abbraccia, non avrà la vita eterna.

Figli, io vi attendo alla soglia della vita. 

domenica 14 dicembre 2014

L'albero Maledetto!



Gesù maledice l'albero di fichi

Dal Vangelo di Marco 11,11-14...20:( In quel tempo, Gesù entrò a Gerusalemme, nel tempio. E dopo aver guardato ogni cosa attorno, essendo ormai l'ora tarda, uscì con i Dodici, diretto a Betania. La mattina seguente, Gesù con i discepoli, mentre usciva da Betania, ebbe fame. E avendo visto da lontano un fico che aveva delle foglie, si avvicinò per vedere se mai vi trovasse qualche cosa; ma giuntovi sotto, non trovò altro che foglie. Non era infatti quella la stagione dei fichi. Allora gli disse: "Nessuno possa mai più mangiare i tuoi frutti!". E i discepoli l'udirono... La mattina seguente, passando, videro il fico seccato fin dalle radici...).

Molti teologi hanno dato diversi sensi alla parabola sopratutto guardando a quello che era la tradizione e la storia, però nessuno ha osservato quali varietà  botanicamente parlando esistevano solo due o tre tipi di fichi, non come ora che esistono tutte le varietà derivate,. Il Fico selvatico, che produce fichi non buoni da mangiare adatti solo per gli animali, ma che ogni tanto produce anche dei fichi con un gusto migliore, poi c'è un altro tipo di fico, che produce fichi ottimi di egual sapore del fico attuale detto ficus carica, parliamo del Sicomoro o Ficus Sicomorus, il quale ai tempi dei faraoni era in grado di fruttificare anche 7 volte l'anno. Di quale fico parla Gesù nel suo racconto? del Sicomoro o del fico selvatico? Parla del Fico selvatico, perché come pianta non coltivata da frutti solo in certi periodi dell'anno, e al massimo due volte. Tra l'altro il fico che Gesù maledice si è seccato, ma Gesù ma lì anche gli altri fichi selvatici che non seccarono, ma i loro frutti rimasero maledetti, e lo sono ancora oggi, adesso il problema è che da questo fico selvatico esistente sulle terre d'Israele unito con altri fichi di altre terre più lontane, nel corso della storia fino ai tempi d'oggi vennero prodotte molte altre specie tra cui il Ficus Carica, ma che anche'esse rimangono maledette, perché originate dal ficus selvatico.... e non dal Sicomoro, che tra l'altro è l'albero detto della vita eterna. Tutti pensano che sia il fico selvatico l'albero della conoscenza del bene e del male, ma io dico che non lo è.  Il motivo che fu per la scelta come rappresentativo dell'albero sta nel fatto che alcuni artisti immaginarono questa pianta come simbolo, proprio per un errore d'interpretazione di questo passo dei vangeli, pensando che Gesù avesse maledetto il fico perché esso dovesse essere ricollegato a quell'evento, ma non è affatto vero che fu quella la ragione che Gesù maledisse quell'albero, lo fece per una ragione ben diversa... Moltissimi sacerdoti e teologi anche in tempi non recenti, consideravano e considerano Gesù non un Dio qual è, ma un semplice essere umano, per cui leggono le vicende con occhi umani, non con il pensiero che Gesù è, era e sarà un Dio incarnato, per cui ogni verità di riguardante Cristo era ed è svuotata del suo senso profondo di natura divina, tutta la sua storia fu vista solo sotto l'ottica di un semplice essere umano, pari ai suoi discepoli, non certo ad un Dio , figlio dell'Onnipotente, perché questa visione non era e non è accettata dalla chiesa, anche perché di difficilissima lettura, proprio perché interpretare l'idea e il pensiero di un Dio è quasi impossibile se non si è presi da questo Dio invisibile. Per tantissimo teologi, di un tempo e di oggi, essere presi dallo Spirito Santo e parlare per bocca sua era/è difficilissimo se non quasi impossibile e spesso se esso parlava per bocca dell'essere umano, non sempre la chiesa accettava la volontà di questo Dio. Per cui ogni singola parola dell'antico e nuovo testamento è stata letta ed interpretata alla luce della conoscenza umana, con alcuni spunti di spiritualità, ma era questo quello che Gesù voleva una chiesa molto umana e quasi per nulla spirituale, No! Gesù voleva l'esatto contrario.  Quel'era la vera ragione per cui Gesù maledice, il fico selvatico? Prima di tutto c'è da dire che neppure i suoi discepoli compresero la vera motivazione di quello strano comportamento di Gesù, che sapendo che non era il periodo giusto per la maturazione di quei frutti, essi non poteva nemmeno immaginare la vera ragione. Il motivo sta nel fatto che Gesù quanto era in terra, era realmente un Dio incarnato anche se egli stesso non voleva mostrarsi per quello che era, e teneva un profilo basso affinché nessuno sapesse la sua vera natura. Infatti neppure i suo discepoli mi capirono effettivamente chi fosse Gesù.  Ma la sua natura divina si applicava attorno a se per quanto egli potesse trattenere e non mostrare chi egli Era, ma tutta la natura attorno a Lui, dava Lui ogni suo bene, in qualsiasi momento Gesù chiedesse.

Gli uomini pensano che solo noi umani possediamo uno spirito detto anima, ma ciò non è vero, la nostra anima o soffio di Dio, è lo spirito più complesso tra tutti gli spiriti che vivono con noi su questa pianeta, dobbiamo sapere che anche gli animali hanno uno spirito, più semplice del nostro, ma c'è l'hanno altrimenti non sarebbero vivi, ma anche le piante secondo la loro specie hanno uno spirito, ma esso al contrario degli animali e degli esseri umani, hanno uno spirito comune per tipologia di specie e varietà, quindi uno spirito unico semplice  per tutte le piante di quella specie e varietà  ma uno spirito intelligente capace di relazionarsi con il suo creatore. Di conseguenza se Dio chiedesse ad un albero di dar frutto anche fuori stagione, la piante non darebbe la totalità dei frutti, ma una piccola quantità la darebbe in relazione alle sue risorse di quel momento... Così è accaduto al fico selvatico che non essendo nella sua stagione di fruttificazione, avrebbe potuto dare una piccola quantità di frutti se lo avesse voluto, ma siccome la natura fu liberata dalla condizione di dominio di Dio, proprio a causa del peccato originale di Eva e Adamo, ecco che quel fico selvatico  nel suo spirito, si rifiutò di concedere al figlio di Dio i suoi frutti anche fuori stagione. Si deve sapere che quando una divinità come è Dio o Gesù o Spirito Santo si avvicinano ad un qualsiasi essere irradiano il loro potere su di esso, per cui qualsiasi essere è in grado di produrre frutto anche in pochi istanti. Il Fico selvatico si rifiutò, per cui Gesù emise la sua condanna contro non solo la pianta specifica che secco!, ma contro lo spirito che dominava quella varietà di fico, per cui ogni fico nel futuro sarebbe stato maledetto e chi ne avesse mangiati i frutti avrebbe perpetrato in se la maledizione di Cristo. Maledizione che può essere rimossa solo con l'assunzione del corpo di Cristo!  Ora perché il Sicomoro, che appartiene alla stessa famiglia del Ficus o Fico è stato risparmiato da ciò, perché esso è l'albero della vita eterna e non è un vero fico, ha un portamento completamente diverso dai Fichi derivanti della specie selvatica, ha frutti simili ma foglie identiche a quelle gelso, ma questo tipo di Fico il Sicomoro, è stato volutamente dimenticato, dall'uomo, nella sua alimentazione, perché sia i suoi frutti che la sua linfa sono in grado di produrre effetti particolari sul corpo umano. Da quanto il Signore mi ha detto, il sicomoro contiene delle sostanze che riescono a riattivare certi geni. Quale sarebbe allora il vero albero raffigurante la conoscenza del bene e del male, anche se come già detto gli spiriti appartenenti a questi due alberi, hanno una natura diversa. E' infatti uno di questi spiriti che tradisce Dio... ma quale sarebbe l'albero della conoscenza del bene e del male? Anticamente anche al tempo dell'antica Grecia vi era un pianta conservata dai cosiddetti dei dell'olimpo e prima ancora da altri popoli, una delle piante più antiche. Di questa pianta le ninfe esperidi ne conservano un esemplare in un giardino segreto, pianta considerata "magica" la quale  fu poi considerata la causa scatenate di una guerra tra greci e troiani, parliamo del famoso pomo della discordia,
 frutto che scatena intensi profumi quando matura, ed è buono da mangiare solo se è perfettamente maturo ed è bello da vedere perchè simile all'oro per il colore giallo intenso forse un po aranciato che prende questo frutto, parliamo del Cotogno. Ma penso che in origine questa pianta  avesse delle peculiarità, ben diverse dal cotogno attuale e credo che fosse anche di un colore più intenso.  Per tanto non v'era alcun senso per Gesù maledire un Sicomoro se esso è l'albero della vita eterna che i due progenitori non attinsero, di conseguenza il vero albero doveva essere un altra specie, il Cotogno e Gesù maledisse quel fico selvatico solo perchè esso non volle concedere a Cristo i suoi frutti, Come dire non ti riconosco! Da ciò si comprende che anche la natura può scegliere se stare con Dio o contro, non solo gli esseri umani! 



venerdì 5 dicembre 2014

Atti d’amore!





Venerdì  5 dicembre 2014 ore 3:00

Atti d’amore!

S.S.ma Madre di Dio, Immacolata Concezione:
- Cari figli, miei amati, vi chiamo ancora una volta ad essere figli del Padre Celeste, accorrete a questa mia chiamata, affinché sia  per ognuno di voi ogni mia parola,  come oro per le vostre anime, ascoltatemi a accogliete le mie parole sono per voi.
Cari figli non dimenticatevi  degli atti d’amore verso il prossimo, molti uomini sono così presi dal fare le cose di questo mondo, che dimenticano gli atti d’amore disinteressati. Non rimanete indifferenti, innanzi ad essi, saranno per voi, la vostra moneta pensate per entrare nel regno dei cieli.
Quando donate, soffrite, sfamate, vestite, accudite, istruite,  gioite, perdonate, donate un sorriso, un conforto, qualsiasi cosa di voi, agli altri e al mio Signore senza chiedere, nulla in cambio, fate un atto d’amore, verso il vostro prossimo e verso mio Figlio Gesù e il Padre Celeste, allora io vi donerò lo Spirito Santo e voi sarete ripieni di esso, quello è il segno della gratitudine divina, che gli uomini avvertiranno in essi, quando una lacrima sgorgherà senza ragione dai vostri occhi e non potrete trattener il pianto, quanto il petto si riempirà di gioia, dolce e mite, ma impetuosa come un fuoco, ecco lo Spirito Santo è in voi.  Questo è il segno del cielo, di una madre che vi ama, e vi vuole tutti figli suoi.
Siate dolci e puri, pieni d’amore figli, perché così il Padre Celeste, il Figlio, lo Spirito Santo, vi amerà e io con Lui!


venerdì 28 novembre 2014

La S.S Madre Immacolata Concezione chiede 3 Novene prima di Natale

Cari figli, miei amati....

Cari e dolci figli vi invito alla preghiera assidua, alle preghiera santa, alla preghiera piena di dolcezza e amore, alla preghier semplice e candida,  mettetevi inpreghiera e nel silenzio delle vostre anime assaporate la persenza di Dio, che vi ama di un amore sconfinato, io sono li con voi figli cari , con voi con i vostri pensieri, con le vostre angosce, io vi ascolto e vi esaudisco secondo quanto mio figlio e il Padre Celeste mi hanno dato disponibilità verso di voi. In quest'ora, di dolore che affligge la Trinità, vi chiedo cari figlioli, di pregare , di amare il Signore Nostro Dio, come a lui conviene, vi chiedo di recitare 3 novene da inziarle sabato e terminarle il giorno di Natale, recitatele con il rosario a me dedicato, e con il rosario la Gloria di Dio,  ve lo chiedo per la conversione del Pontefice e del clero, perchè Gesù stenda la sua mano pietosa mano su tutta l'umanità, e faccia scendere ancora le sue grazie, anche se il tempo è breve, inoltre chiedo di pregare per tutte i figli degli uomini, che sono nella disperazione del peccato, affinche mio Figlio Gesù li tocchi con il suo ardore, perchè io sono desiderosa di protare a mio figlio molti figli, pregate per amore.
Cari figli miei amati,  vi esorto pregate perchè il mondo è nella disperazione, il mondo è caduto in un abisso così profondo che se non vi fosse l'amore di Dio a sostervi, tutto sarebbe già finito. 
Figlie, vi supplico di donare a me le vostre ansie, le vostre preghiere, e accostarvi alla santa Messa con grande pietà, dignità, rispetto, ricordanvi che lì è presente il Santissimo, con la su Regalità grande, accostatevi alla santa messa, in silenzio e accettate il dono che Mio figlio vi dona, prendetelo con gioia, con amore, con tenerezza, conservatevi puri, casti, fuggite dal peccato, ma fortificate la vostra fede, e non abbiate timore di chi vi contrasta, questo non è più il tempo dell'indugio, è il tempo delle grandi decisioni. 
O con Dio o contro Dio. Ma fate attenzione perchè nessuno consoce il senso assoluto del parlare, se non Dio stesso. Meglio per l'uomo tacere, che parlar troppo. 

Vi invito ancora pregate, pregate, pregate, questo non è più il tempo dell'attes, è il tempo delle decisioni, operate il bene con la preghiera e con le opere, siate casti nei pensieri, nelle parole, nelle azioni,operate nella grazia di Dio, le opere sono fulcro, della vostra fede.


messaggio del  24 novembre 2014

martedì 25 novembre 2014

IL VERBO, IL NOCCIOLO DELLA FEDE!

IL VERBO, IL NOCCIOLO DELLA FEDE!

Chi fa la volontà del Padre mio, entrerà nel regno dei cieli.
Questa frase detta da Gesù, è il nocciolo di tutto l’insegnamento di Gesù e di tutta la legge. 
Nella frase si cela un verbo che è il fulcro e il fondamento del verbo di Dio, che è il verbo FARE.
Fare la volontà del Padre..indica l’agire, il compiere l’opera, mettere in pratica la parola data, la legge e l’insegnamento.

Un eccellente oratore, predicatore, se non trasforma il suo parlare, in fare non otterrà il regno dei cieli.
Per Gesù vale oro il FARE, molto meno vale il parlare, è l’agire, l’azione, il trasformare la parola nello scopo della propria vita che ci rende umani, che ci rende santi.

Il Signore ama enormemente chi agisce e molto meno chi parla solo, anche se il parlare serve per insegnare, ma chi insegna deve agire trasformare la parola nel FARE, quando capirà che Gesù premia chi FA allora la sua vita sarà piena di Spirito Santo. Anche la preghiera che pur appartenendo alla parola, ma il pregare è un azione del FARE, spirituale. 

Quindi abbiamo tre modi di agire nel FARE.

Il FARE psicologico come sostegno per chi ha necessità di una parola di conforto, di affetto, di sostegno morale, di dolcezza e di pietà, per sostenere il bisognoso, nello sconforto, nella malattia, nel soccorre chiunque né abbia bisogno.  

Il FARE spirituale è la preghiera che muove la grazia di Dio verso l’uomo, è l’azione mediante la quale, ogni azione dello spirito manifesta Dio nell’uomo. In questo FARE c’è tutto la grazia che la chiesa di Dio mette a disposizione all’umanità.

Il FARE fisico che agisce direttamente sulle necessità materiali dell’uomo, il dare un sostegno effettivo, col cibo, col vestire, ecc, questo ultimo FARE è il difficile quello che impegna maggiormente, l’essere umano, perché lo priva del suo per darlo al prossimo suo, in ciò è descritto altro insegnamento di Gesù, quello che fa al piccolo lo fai a Me.  

Il FARE umilia la persona, la rende piccola agli occhi del mondo, la rende debole, fragile, ma forte nella fede. Ma se l’oratore, il laureato, il teologo, ecc non agirà con il FARE e non diventerà piccolo, umile, candido, come un bambino non otterrà il regno dei cieli.  

Se non Fai la volontà del Padre che è nei cieli, non sarai mai suo! Se non vedi in te un peccatore, non potrai mai fare la volontà di chi ti manda, e di chi ti riconosce nella debolezza figlio suo.

Dio è un essere che FA, agisce sempre, esso è sempre in movimento, non è fermo, per esistere bisogna FARE, chi non esiste non FA.

Chi agisce, FA 
Chi ama, FA 
Chi parla, FA
Chi giudica, FA
Chi crea, FA
Chi pensa, FA
Chi da vita, FA
Chi sorregge l'universo, FA
Chi si autodetermina, FA
Chi comanda, FA
Chi legifera, FA

Anche il male FA.... è proprio perchè esso FA, esso esiste. 
Trovate voi le altre espressione del FARE...

Io sono colui che è, che era, che sarà...  ma il tempo essere, in senso verbale presente, passato e futuro non identifica un verbo in se stesso, ma un tempo reale, un trascorre del tempo, identifica colui che non ha tempo, colui che è sempre esistito, colui che non ha ne tempo, ne nome, l'indefinibile. 
Io sono colui che è adesso.
Io sono colui che era prima, 
Io sono colui che sarà dopo,
Sempre lo stesso soggetto. 
Un Essere che agisce nel tempo presente, vedendo innanzi a se il futuro, volendo e potendo anche modificarlo o predeterminalo e per questo esso Agisce, cioè FA.

Per questo le sue leggi sono tutte in FA.

v  Io sono il Signore, tuo Dio, che ti fece uscire dalla terra d'Egitto, dalla casa degli schiavi.
Cioè agisci affinché tu mi riconosca come tuo DIO, cioè FA si che io sia il tuo Dio.
v  non avrai altro Dio all'infuori di me.
.  FA in modo che io rimanga il tuo DIO.
v   Non ti farai idolo né immagine alcuna di ciò che è lassù nel cielo né di ciò che è quaggiù sulla terra, né di ciò che è nelle acque sotto la terra.
v   Non ti prostrerai davanti a loro e non li servirai. Perché io, il Signore, sono il tuo Dio, un Dio geloso, che punisce la colpa dei padri nei figli fino alla terza e alla quarta generazione, per coloro che mi odiano, ma che dimostra il suo favore fino a mille generazioni, per quelli che mi amano e osservano i miei comandamenti.
.  Qui c’è già il verbo FARE “ non ti farai” ti ordino di non FARE.
.  Opponiti all’azione del FAR si che tu venga tentato ….
v  Non pronunzierai invano il nome del Signore, tuo Dio, perché il Signore non lascerà impunito chi pronuncia il suo nome invano.
.  FA in modo di non insultarmi o di non usare il mio nome in modo scorretto!
v  Ricordati del giorno di sabato per santificarlo. Sei giorni faticherai e farai ogni tuo lavoro; ma il settimo giorno è il sabato in onore del Signore, tuo Dio: tu non farai alcun lavoro, né tu, né tuo figlio, né tua figlia, né il tuo schiavo, né la tua schiava, né il tuo bestiame, né il forestiero che dimora presso di te. Perché in sei giorni il Signore ha fatto il cielo e la terra e il mare e quanto è in essi, ma si è riposato il giorno settimo. Perciò il Signore ha benedetto il giorno di sabato e lo ha dichiarato sacro.
.  FA si che il giorno del Signore sia il Sabato, metti in opera.
v   Onora tuo padre e tua madre, perché si prolunghino i tuoi giorni nel paese che ti dà il Signore, tuo Dio.
.  Agisci cioè FARE l’azione dell’onorare …
v   Non uccidere.
.  FA in modo di non divenire un assassino.
v  Non commettere adulterio.
.  Non FARE di te un adultero.
v  Non rubare.
.  Non FARE di te un ladro, truffatore, un disonesto.
v  Non pronunciare falsa testimonianza contro il tuo prossimo.
.  Non FAR si che dalla tua bocca escano parole menzognere.
v   Non desiderare la casa del tuo prossimo. Non desiderare la moglie del tuo prossimo, né il suo schiavo, né la sua schiava, né il suo bue, né il suo asino, né alcuna cosa che appartenga al tuo prossimo.
.  Non FARE del male a te stesso, desiderando i suoi averi, perché dal pensiero si passa all’agire.
.
 Fare e non Fare …

Il fuoco scalda, quindi FA l'azione del riscaldare.
L'acqua disseta quindi FA l'azione del dissetare.
L'aria turbina, quindi FA l'azione del muovere.
La terra da frutto, quindi FA l'azione del produrre
La luce illumina, quindi FA l'azione dell'ulluminare.

Ciò che  non FA è solo la morte, perchè tutto ciò che esiste FA qualcosa... 

………………………………………………………….

Notare una curiosità ….

La 4a nota musicale è il FA che sta esattamente al centro delle 7, non è un caso! 

DO- RE- MI-FA-LA-SOL-SI

A destra abbiamo il Do, Re, Mi, a sinistra abbiamo il La, SOL, Si.
la destra Da o Do , cioè comandare...eseguire un ordine... si bendice solitamente con la destra
la sinstra riceve o Si accetta. 
E' come se le due mani dicessero, ti DO, se accetti, mi devi dire di Si. ... = Do-nar-Si  = donare se stessi, Gesù si donò a noi, Sua Madre Si donò a Dio, Dio donò a noi il Figlio Suo. 
La giunzione delle due mani mette insieme le due note, le sovrappone per cui Do e Si diventano una. La 1-7, come dire il principio e la fine, notate che tra le mani giunte e il corpo si forma un cerchio. 
Perchè la Vergine appare quasi sempre con le Mani congiunte in preghiera? Perchè le Due note iniziale e finale chiudono la sequenza nella quale ci sono tutte e sette le note, come ho già detto rappresentano i 7 spiriti che stanno innanzi a Dio. Chiudere le mani significa generare uno spirito unico, S.S. è una forma per mettersi in contatto diretto con Dio, la forma di perfezione aassoluta. 
In sostanza è un azione spirituale di natura tecnologica, nella quale le energie psichiche e spirituali della persona diventano un tutt'uno. Per questo bisogna pregare con le mani appoggiate l'una sull'altra, e non tenendole aperte e distanti. 





SI(ultravioletto)-[DOREMI-FA-LA-SOL-SI]-DO(infrarosso)

Notare la particolarità

SI(ultravioletto)-[DO SI]-DO(infrarosso)

Il primo SI-DO e l'ultimo SI -DO
Diventa Si - IO - Do. 
Sta ad indicare che si DA sempre! o Darsi cioè Donarsi!
Si è dato in principio nell'Alpha, così come si è dato e si darà alla fine in Omega!
Nel centro c'è sempre la parola DO - SI che racchiude in se il tutto. 
La parola più importate è il DO-Nar-SI.

In tanti modi Dio si è donato a noi e ci ha donato.
Pensiamo un attimo:
Quando Dio ha deciso di Creare la materia, ha donato la creazione a tutti, quindi ha donato se Stesso alla sua Creazione.
Quando Dio ha creato l'uomo e tutte le creature esso ha donato a queste creature l'esistenza, cioè la vita.
Quando Dio ci ha donato i suoi precetti e comandi, esso ci ha fatto un dono.
Quando Dio ha donato all'umanità i suoi profeti, Esso si è donato e ha donato all'uomo delle guide.
Quando la madre di Gesù ha detto Si a Dio, essa si è donata a Dio, si è offerta in dono=donarsi.
Quando Dio ha generato il Figlio suo, ha donato all'umanità intera il frutto della sua Divinità, quindi si è dato, al mondo.
Quando Gesù si è immolato, per noi, esso si è donato, per espiare, per salvarci dal peccato e per vincere esso stesso la morte e il peccato, quindi si è donato a noi. 
Quando Gesù insegna e lascia i suoi comandi, agli apostoli, Esso ci ha donato la sua parola, il verbo!
Tutta la vita di Gesù e di sua Madre è un dono di Dio, per l'intera umanità
Uno dei comandi più importanti di Gesù è proprio il donarsi al prossimo. 
Gesù stesso fa del Donarsi il punto cardine della sua intera vita!

DonarSi!





sabato 15 novembre 2014

L' amarezza di Gesù!

Cari figli, miei amati...
il cuore mio è amareggiato nel vedere che tanti richiami della mia Santa Madre non sono serviti a nulla, fuori è luce dentro è tenebra, molti figli fingono di amarci  e si  perdendo volontariamente, immersi nella mancanza di certezza della fede, educati da falsi profeti.
Cosa è servito il mio insegnamento,  le mie parole, cos'è servito il mio sacrificio?
Invece di abbracciare con ardore la fede, senza timore, fuggite da essa; dove sono i tesori accumulati nei cieli? Dove sono i fedeli?

Non amate il sacrificio in nome Mio, dove sono le armate terrene dei miei consacrati, che sempre vittoriosi come un tempo ritornavano ogni giorno all'ovile. Le pecore sono miste a capri, ogni cosa ormai non è più.

L'umanità ha preso la via del suo ultimo respiro, molti figli credendo di ascoltare la voce del Padre, ascoltano le voci delle loro menti, dei cuori malvagi presi da demoni feroci, altri invece si lasciano condurre da uomini, e solo pochi tra voi tutti, sono miei.

Sono angosciato per voi, uomini, sono angosciato perchè non comprendete il grande male che create a voi stessi, gli uomini della terra bracolano nel buio e le tenebre avanzano sotto gli occhi di tutto il mondo e voi impassibili lasciate fare. Su figli miei amati, vi ho dato una madre, una dolce madre,  affinche ognuno di voi si aggrappi tenamente al suo cuore immacolato e cerchi in esso la sua salvezza. Pregatela, date onori a lei come se fossi io, considerate che Essa è mia Madre, amatela come fosse la vostra piccola madre terrena, amatela di gioia anche se siete nella disperazione, amatela con sentimento puro, amatela e rispettatela con cuore sincero, così otterrete le grazie che chiedete, e lei vi proteggerà contro il drago antico, vi donerà secondo la mia misericordia le grazie che chiederete, con vera fede .

mercoledì 12 novembre 2014

PREGHIERA DI LIBERAZIONE


Preghiera di liberazione.

Preghiera di liberazione , 12 Novembre 2014

Fratello Sono l’angelo del Signore Nostro Dio.

Questa preghiera di liberazione è voluta dall’Immacolata Madre di Dio.


O Santa Madre, tu che sei la nostra condottiera celeste, Gloria dell'Altissimo Nostro Signore, Padre, Figlio e Spirito Santo, sguaina la spada delle tua fede ardente, combatti per noi, piccoli ed indifesi figli del tuo figlio l'Emmanuel, esercita quel potere che l'Eterno Padre Celeste, ti ha donato e posto come Regina Immacolata su tutte le creature, sii Tu la nostra arma letale, contro ogni attacco demoniaco, ogni peccato che i demoni istillano in noi, notte e giorno. Sii Tu nostra sicura protezione, e noi  ti onoreremo come desidera il tuo Santissimo Figlio, e Nostro Signore Gesù.  Schiaccia sotto il tuo piede O Vergine Santa la testa di colui che osò tentare le vette celesti  e fu sradicato dal suo posto, dal valoroso condottiero S. Michele Arcangelo, e da ogni angelo santo che combatté contro il drago antico. O Santa Maria Immacolata concezione, sradica, distruggi, annienta, anche nei nostri cuori, nelle nostre menti , corpi ed anime, l’antico serpente e i suoi accoliti, sempre pronto a ghermire i tuoi figli, che come leone feroce, va per il mondo a sbranare le anime, per dannarle nel fuoco della geenna. Ti supplichiamo discendi con potenza nei cuori, nelle menti, nei corpi e nelle anime degli uomini che accorrono a te, che si pongono sotto il tuo santo manto, sotto la protezione celeste, porta con te, in noi lo Spirito Santo, affinché la sua presenza ci liberi da ogni pensiero immondo, da ogni peccato, e ci nutra della gioia, della gloria sua Onnipotente. O tu Glorioso Adonai, Eloah, Elohim, Sii magnanimo verso coloro che sono sinceramente pentiti dei loro peccati,  ti chiedono supplichevoli di guarirli, di infondere il tuo S.Smo Spirito in loro, affinché ogni tormento passi, ogni malessere svanisca, ogni afflizione, e ogni male siano  dissipati e che la gloria Tua sia in loro, come in Maria tua dolce ed umile Figlia, Sposa e Madre. Per questo canteremo a te O dolce Padre, gli inni e eterni e ci consacreremo a te per l’eternità.

Segue 3pater, 3 ave, 3 Gloria, 3 angelo di Dio.

la preghiera dovrebbe essere posto in modo diverso, visto che è l'angelo che parla. 




ACQUISTATE IL VOLUMETTO LA GLORIA DI DIO  TROVERETE RIUNITE TUTTE LE  
PREGHIERE NELL'ORDINE VOLUTO DALL'IMMACOLATA. 

sabato 8 novembre 2014

Ogni Giorno come l’inizio e la fine della vita.

NASCERE PER RISORGERE




Messaggio sabato 8 novembre 2014

Cari figli

Sono l’Immacolata Concezione vengo a voi, dalla potenza del Padre Celeste.
Per supplicarvi di pregare molto, di fare penitenza, di aver amore per un mondo pieno di dolore, di morte, di male, un mondo che non cerca più il suo salvatore in Cristo Gesù, ma innalza l’uomo sugli altari. Fate della preghiera la vostra arma, il vostro scudo, perché solo chi crede, ama e fa della parola di Mio Figlio Gesù, la sua parola, sarà chiamato figlio dell’Altissimo.  

O potenze dei Cieli, della terra, siate pronte per il giorno e l’ora, che il Verbo vi chiamerà.

O uomini della terra, pregate incessantemente l’Altissimo nostro Signore, che sia magnanimo con voi.

Affinché nessuno sia impreparato e ognuno abbia la sua lampada e il suo olio, il suo tesoro nascosto nei cieli, per il giorno e il momento. Non attendete, i drammi della vostra vita, per chiedere perdono; ogni momento sia per voi motivo di pensare a ciò che avete fatto e ciò che potrete ancora fare, per il vostro prossimo. 
Fino all’ultimo Dio vi da tempo.

Siano i vostri giorni , come il vostro primo giorno di vita, pieno di gioia e di speranza e siano come l’ultimo vostro giorno di vita, pieno di afflizione perché ciò che volevate fare non lo avete fatto e lo vorreste fare.


Vi benedico figlioli cari assieme al mio Gesù.

mercoledì 5 novembre 2014

Siate fecondi e moltiplicatevi.

CRESCETE E MOLTIPICATEVI!

Tutti noi conosciamo i versetti  nella genesi dove Dio comanda ad ogni essere vivente, da lui creato di crescere e moltiplicarsi.
genesi: 22 Dio li benedisse: «Siate fecondi e moltiplicatevi e riempite le acque dei mari; gli uccelli si moltiplichino sulla terra».
Ovviamente lo fa anche verso l’umanità,
genesi:28 Dio li benedisse e disse loro: «Siate fecondi e moltiplicatevi, riempite la terra; soggiogatela e dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo e su ogni essere vivente, che striscia sulla terra».
Dando come incombenza quella di avere una progenie, figli dei figli, che popoleranno la terra.
Prima ancora di dare i 10 comandamenti, Eloah cioè Dio, comanda di essere fecondi, di moltiplicarsi e di divenire un popolo grande..

Ovviamente si può leggere anche il crescete in termini diversi, per esempio potrebbe intendersi crescere in fede, ma quando dice moltiplicatevi può aver un senso di aumentare di numero come fedeli,ma in questo caso specifico la frase è molto chiara nel contesto del momento storico, dove Dio chiede alla progenie di espandersi su tutta la terra e creare di conseguenza un popolo forte e grande…

Ora ben si comprende che per Dio, quello che è importante è che l’umanità cresca in numero, ma quello che salta subito all’occhio,è che dietro a queste richiesta, di crescere in numero, si legge la volontà di Dio di comunicare all’uomo il suo Amore per la sua creatura, e quindi come un qualsiasi essere “umano”  anche se divino, esso trasmette una volontà che gli appartiene,  quella di dare amore, anche nella moltiplicazione o fecondità si da amore.

In effetti Dio stesso, è un essere pieno d’amore, il quale deciderà di darsi un figlio umanizzato, anche questo è un atto di successione “ereditaria” un atto di secessione di stirpe , un atto d’amore, anche l’Onnipotente si è dato un figlio. Per quale ragione lo stesso figlio, pieno d’amore come il Padre suo, Dio, non può esprimere il suo amore, totale verso questa umanità, e verso i singoli se non a nostro dire, solo nel sacrificio per tutti?

No è sbagliato! Il sacrificio venne poi, anche se era già stato determinato fin dall’inizio dei tempi, ma nella sua vita terrena questo figlio di Dio, poté dare il suo amore a chi egli amava di più. infatti esprime un concetto d'amore più ampio verso il suo apostolo preferito Giovanni, più che degli altri...ma l'amore che si intende in questo caso è un amore puro, fatto di cose pure non c'è malignità, potremo vederlo come l'amore che c'è tra una madre e il suo piccolo, è lo stesso amore che Gesù ha per Giovanni Apostolo... un amore filiale....

Nei vangeli apocrifi si narra che Gesù avesse una fidanzata, io ritengo che il termine fidanzata sia tutto errato per quei tempi, sicuramente Gesù apprezzava le donne non sotto il punto di vista delle bellezza esteriore, ma della lro bellezza interiore sulla quale egli basa tutta la sua vita terrena, Gesù vede le donne come vede gli uomini, in una luce di amore, totale e filiale materno e parteno al tempo stesso, Gesù si sente padre e madre d ogni essere umano, come il Padre suo trasmette a Lui, perchè Lui e il padre sono sempre in continua sintonia, anche nel sentirsi affettivamente e amorosamente vicino ad una donna, scuramente Gesù manifsta la natura stessa del Padre Celeste considera sua Madre come il suo più grande amore dopo il Padre Celeste, ma certamente aveva le sue ammiratrici, e vivendo come essere umano, tra sofferenze, dolori ecc, certamente il Padre suo lo ha fatot vivere in una condizione umana, al fine di provare umanamente la sua stessa natura per capire fino in fondo i limiti di questo essere inferiore. Quindi Gesù vede la natura di fidanzato come un natura puramente eterea, puramente platonica, nche se Gesù avesse amato una donna ma il suo amore era di natura filiale, dato che egli stesso conosceva la sua vera natura, di essere Divino, sapeva di essere figlio di Dio e quindi un Dio, per cui il suo dare amore anche se avesse dato un bacio o più di un bacio, era sempre una cosa estremanete pura, dove nessuna malignitià poteva esserci, dove nessun intendo negativo poteva esserci, Gesù è un Dio di amore e da amore, a tutti coloro che lo circondano, la sua fortissima potenza la sentivano anche i muri, fugurimoci se un essere umano, con tutte le sue sensibilità non avvertiva un essere come Gesù un Dio in terra, una qualsiasi donna sicuramente era affascinata da Gesù ne era ttratta e sicuramente qualsiasi donna si innamorava di lui, solo per il fascino della potenza che lo circondava, di quell'aurea divina che porta/va in se, se al giorno d'oggi, qualsisi persona che viene toccata dal suo amore si innamora di Lui senza nemmeno vederlo o toccarlo, prova a pensare cosa significava averlo a portata di mano, qualsiasi essere umano era attratto da lLui come fosse un enorme calamita. Quindi è facile che ci fossero state donne che si sono innamorate di Gesù, in modo platonico, ma è diverso se lui si è innamorato di una di loro, io non so se possa essere avvanuto ciò, ma non troveri nulla di male, se ciò fosse vero, non troverei alcun peccato, perchè sicuramente Gesù vedeva questa donna come una sposa, come un gemma prezionsa da non toccare, sicuramente essendo lui perfetto in tutto, e intoccabile da male egli non poteva dediderare cose che non gli appartengono. Quindi egli non poteva desiderare un donna in forma maliziosa come facciamo noi, perchè egli è Immacolato, per tanto la donna era sicurmente vista come una rarità, Quindi ritengo che se Gesù fosse stato findanzato era sicuramente inteso in senso platonico, a meno che non ci siamo documenti che dicano diversamente... ma ripeto il male non sta in un bacio sulla bocca, il male sta nella malizia  nel cuore dell'uomo, non in un atto d'amore.

Personalmente non troverei nulla di disdicevole in ciò, anzi dimostrerebbe solo che Gesù ama, gli esseri umani come il Padre Suo, e rispetta i comandamenti alla lettera. Ama il prossimo tuo come te stesso, ma nessuno di noi può dire come Gesù non amasse questi esseri, visto che lui è il Dio dell’amore. Come suo Padre prima di Lui, ebbe la sua sposa in Maria, perché mai il figlio non poteva avere una fidanzata? Chi glielo vietava? Nessuno, neppure il Padre Suo Celeste che anzi, sicuramente aveva già previsto per il figlio suo unigenito una sposa che non fosse solo un simbolo, come lo è la chiesa, ma anche una sposa umana, come fu Maria per il Padre Celeste. Cosa vi era di male? Nulla! Per lo meno dimostra che era ben lontano dall’idea che tutti se ne sono fatti di un Gesù tutto dedito solo al suo gruppo apostolico, e quasi un "eunuco", dimostra che era contrario a gay, perché se avesse avuto attenzioni per una donna, certamente la poneva prima degli apostoli. iL fatto stesso che salva la Maddalena, e la rende sua seguace, fa capire, che poteva avere delle attenzioni, dopo tutto non si può escluderlo a priori che non possa essere stato così, nessuno di noi era presente in quei tempi, e anche i testi antichi, potrebbero non aver contemplato una simile evenienza, soprattutto perché gli apostoli, principali testimoni delle vicende di Gesù avevano un po’ tutti un atteggiamento contrario alla figura di una donna, che potesse essere anche amata dal proprio mentore o maestro, per cui potrebbe essere che la dimenticanza fosse stata voluta, sia per il proprio retaggio ebraico, che spinti da altrui pensieri, come furono quelli di Paolo di Tarso il quale sappiamo bene essere stato estremamente maschilista; quindi rimuovere il ricordo di una donna amata dal Maestro fu una cosa facile, se la stessa come raccontano questi apocrifi parrebbe addirittura essere stata a capo del gruppo degli apostoli. Ma nell’ipotesi che fosse così la faccenda, allora si capirebbe molto bene una certa acredine da parte di alcuni apostoli contro qualsiasi figura femminile, che finché era in vita Gesù era un piccolo capo tra loro…. Certamente se fosse vera la cosa, e non ne siamo certi, ma potrebbe pure essere, perché non ci sarebbe nessun male se Gesù avesse avuto anche una fidanzata o un amica, dopo tutto anche suo Padre Dio ha una sposa umana, in Maria.

Ora il problema grosso sorge perché la chiesa vuole rifiutare a tutti i costi questa possibilità, ma ciò è semplicemente sciocco e ridicolo, perché il primo a dar l’input della moltiplicazione è proprio Dio Padre, il Padre di Gesù, è Lui che sceglie Maria, poteva sceglierne altre, no! Ha fatto una cernita tra tante, per cui si è innamorato di quella fanciulla, Maria, la quale poi concepisce Gesù, Il figlio dal canto suo non smentisce il Padre Suo, e applica anche in questo concetto primordiale di Amore. La chiesa rifiuta questa cosa per una questione completamente maschilista, ancora di retaggio antichissimo, direi primitivo, nel quale si vuole fare della donna solo una schiava, una concubina, invece ci sono state tante donne nella bibbia che hanno avuto importanti ruoli, di cui Dio le ha valorizzate, spesso più dei rispettivi Re…anche la storia della chiesa ci mostra donne importanti, tra sante e ddirittura per volere supremo di Dio , una papessa, dimenticata dalla storia...
  Non possiamo proprio escludere che Gesù non avesse attenzioni anche verso una donna che non fosse solo sua madre, dopo tutto, la maddalena la troviamo sotto la croce, come se facesse parte della famiglia stretta di Gesù e dei suoi amici … come fu anche Giovanni apostolo, così amico, di Gesù da divenire figlio adottivo.  Ritengo molto probabile che Gesù fosse stato mandato non solo per soffrire e col sacrificio salvare l’intera umanità,  anche per vivere realmente, come viveva un qualsiasi essere umano, per provare e toccare con mano le difficoltà di una vita normale e mortale di qualsiasi essere umano. Penso che Dio nella sua infinita sapienza, in qualche modo abbia voluto toccare con mano, la realtà da lui stesso creata, un conto sapere tutto e un conto è provare umanamente a vivere quella realtà come un qualsiasi essere inferiore, in questo modo in un certo senso ha superato se stesso, non solo umiliando la sua deità, ma soprattutto vivendo con mano, la realtà che egli stesso creò, come un essere umano. Quindi ritengo che dopo tutto, Gesù poteva anche aver avuto un fidanzata, certo questo pensiero, per noi è scandaloso, ma dopo tutto, se ci pensiamo bene lo stesso Padre Eterno ha scelto una donna mortale per far da madre a suo Figlio. Quindi il figlio non avrebbe fatto nulla di male, se non la stessa cosa che aveva fatto prima di Lui il Padre suo Celeste. Dopo tutto qui non parliamo di esseri umani, ma di Dei, sbagliamo sempre quando rapportiamo Gesù a noi, perché Gesù è un Dio, quindi come tale può fare quello che vuole, certo noi pensiamo sempre che per essere il capo di una chiesa santa, si debba essere perfetti cioè privi di peccato, ma sicuramente....ma la perfezione sta nell'anima principalmente e noi non possiamo giudicare le azioni di un Dio...neppure quelle di suo Figlio.... ma Gesù in questo non ha fatto nessun peccato, perché il Padre Suo ebbe con Maria un figlio.
Quindi non è l’amore tra una donna e un uomo il peccato, il peccato sta nell’impurità del gesto, nel pensiero, e nelle azioni impure, ma quando l’amore tra due persone è puro, non c’è peccato. Anche Dio fonte dell’amore, può aver desiderato un figlio, so che il discorso è complesso soprattutto perché si teme di offendere Dio, ma la verità potrebbe essere più semplice di quello che si pensa.
Ritengo che non si affatto incompatibile una possibile fidanzata o sposa di Cristo,  con l’immagine di un Cristo solo tutto proteso ad insegnare, la legge, e far comprendere le sue parole.

Gesù  può e non può essere sacerdote perchè esso è la dinvinità alla quale si deve le proprie attenzioni, e si da tutto di noi, esso è Dio, e come tale deve essere visto, non un uomo! Esso viene considerato il pastore dei pastori, certamente, ma è anche Pastore Re, così come è Dio.
Un sacerdote serve la divinità, adora Dio, lo prega e lo invoca, è colui che esegue i suoi compiti, ed è colui che intercede verso l'uomo e porta a Dio le richieste degli uomini, quindi Gesù come Dio e come divinità, come essere soprannaturale può anche avere una sposa e non solo la sposa raffigurata come la chiesa.

Quello che con questo discorso può ledere qualcosa è il messaggio che Cristo da a Pietro, di lasciare la sua famiglia, per esso, ma credo che Cristo così facendo volesse dire che coloro che devono divenire sacerdoti devono  tassativamente privarsi di una compagna. Qualcuno dirà, ma se Dio ha trovato in Maria la sua sposa per darsi un figlio perché mai noi chiesa dobbiamo provarci di eventuali famiglie e mogli? i motivi sono semplici, primo e lo ripeto, non confondiamo Gesù con qualsiasi essere umano, Gesù è figlio di Dio quindi un Dio, ognuno di noi è solo umano, Gesù è Dio e come tale fa tutto in modo perfetto e anche l’amore che ha dato o può aver dato a chiunque era senza peccato, mentre noi umani spessissimo diamo un amore impuro, ben poco disinteressato, e molto peccaminoso.

Quindi la richiesta di Gesù, di avere una chiesa di sacerdoti casti aveva una sua funzione, quella di evitare all’uomo attacchi satanici, che con il peccato sessuale sarebbero e sono molto frequenti. Quindi è logico chiedere agli apostoli la castità sapendo che l’uomo cade facilmente in questi peccati, che si farebbero anche con la moglie, perchè il dire a Pietro lascia tua moglie ecc, indica proprio che si fa peccato di lussuria anche con essa, se il tuo amore verso di lei non è di tipo puro.
L’uomo non è Dio. Cristo è Dio.

Per me potrebbe essere stato anche vero che Gesù poteva aver delle attenzioni per una donna, non ci sarebbe stato nulla di male, e nulla di peccaminoso.
Inoltre dobbiamo anche pensare che un Dio ragiona in modo molto diverso da noi, lui è Dio, noi solo uomini. Non è che per questa ragione noi dobbiamo sentirci inferiori, ma il dato di fatto è questo, la chiesa sbaglia quando pensa a Gesù come un essere umano, hanno sempre sbagliato, i suoi pensieri non sono quelli di un essere umano ma di un Dio, che va ben oltre il pensiero umano… ed invece ogni singola parola che si legge negli scritti di tutti i santi, teologi, è sempre rivolta a Gesù come un essere umano, addirittura la stessa parola del Padre Celeste, è sempre letta alla luce di una mente inferiore che la riduce alla sua bassezza.

Poi chi dice che Maria non possa essere una sacerdotessa, questo è sbagliato perché se essa è Regina sopra ai santi, martiri e perfino angeli, significa che essa ha un potere più grande di tutti costoro, e possiede anche un suo trono, certamente non eccessivamente lontana dal figlio Suo. Quindi se il Figlio suo, è Re, e lei è Regina, non certo è la sposa del figlio, ma certamente è la sposa del Padre Celeste. Come si fa a dire che non può essere anche sacerdotessa,? Non si può, solo perché taluni esseri umani maliziosamente ci hanno inculcato che le donne sono inferiori! Ma Gesù mai parlò di inferiorità femminile, anzi se fosse stato così, non avrebbe salvato la Maddalena, cosa  che invece fa. Anzi direi che Gesù era sicuramente circondato da molta gente e sono certo anche da molte donne, che lo seguivano, oltre che uomini. Si è, sempre detto che la sposa di Cristo è la chiesa, ma sicuramente la chiesa è la sposa, ma non sposa carnale, penso che Gesù come il Padre suo, avrà voglia di prendersi una sposa? O no! Io penso di si! O pensiamo che non possa averne, sbagliato, come il Padre Celeste trovò in Maria la sua sposa terrena, perché mai il Figlio non possa ripetere la stessa cosa? Chi lo dice, che non può, noi? con la nostra solita presunzione che vogliamo dettar legge a Dio stesso!  Ma se è un Dio, potrà far delle cose sue quello che vuole, o no! Visto che tutto gli appartiene.

Gli esseri umani, sentenziano pure Dio, come se fossimo autori dell’esistenza di Dio, quando non siamo neppure proprietari della nostra stessa vita.

Ma abbiamo capito chi è Dio? No!

Brancoliamo ancora nel buio delle tenebre della nostra coscienze, ma Dio non lo conosciamo.

Con  da questo discorso nessuno si deve sentirsi autorizzato nel dire, ma dato che Gesù avrebbe (non si è sicuri) baciato una donna, allora noi possiamo fare quel cavolo che vogliamo, no, no! Anche se fosse vero che Gesù ha baciato una donna, ma c'è bacio e bacio, il bacio sentimentale non è il bacio lussurioso pieno di peccato, facciamo una distinzione in ciò....  Quindi un bacio sulla bocca può essere setimentale e dice solo che si ama quella persona ma si ferma lì, senza andare oltre... mentre se uno bacia con tutti i tiri che facciamo noi, compresa linguetta...o in altri posti, che non sia solo la bocca... quello non è un bacio d'amore ma di lussuria, che mira al sesso....

Quindi nessuno si senta autorizzato a pensare, ma dato che Gesù forse ha avuto la findanzata, allora noi siamo autorizzati ad aver e far quel che ci pare, perchè solo i lussuriosi e i maligni vedono il male dove non c'è.

martedì 28 ottobre 2014

Elohim

Elohim

Il termine è molto discusso da sempre, la sua interpretazione è, sia singolare che plurale, sta ad indicare l’immortalità di un soggetto e di alcuni soggetti, significato è il Dio immortale e gli dei immortali.
Elohim è il plurale di Eloah
Elohim è inteso al singolare nella fattispecie di  Eloah come unico Dio immortale.
Molti pensano che gli Elohim sarebbero gli angeli  in senso generale,  altri credono che siano alieni, altri esseri o razze di umanoidi, ecc. ma non è affatto vero non sono nulla di tutto ciò.
Non sono alieni,ne razze umanoidi, teorie moderne … invenzioni favolistiche …
Non sono ne angeli, ne arcangeli … perché non lo sono da un espressione di S. Michele arcangelo … si evince che non lo sono ….  

Solitamente qualsiasi essere umano se gli appare un angelo o un arcangelo come S. Michele qualsiasi essere umano per automatismo ha la tendenza a genuflettersi o abbassare il capo per un senso di inferiorità e per sottomettersi … ma questo arcangelo cosa disse in alcune apparizioni … non vi inginocchiate perchè io sono come voi … cosa intendeva dire, che egli è un servo di Dio … come noi, inoltre se fosse stato un Elohim esso non avrebbe detto quella frase, e avrebbe acconsentito una genuflessione, dire automatica, senza porre freno all’essere umano, ma giustamente sapendo di non essere un Elohim egli ferma l’essere umano … questo ci fa capire che gli Elohim sono altri, e chi sarebbero?

Vediamo un po’ in apocalisse, di vedere com’è costituita la corte celeste.
C’è Dio Eloah o Elohim (Trinità)
4 esseri viventi (Elohim)
24 vegliardi (Elohim)
Perché dico che i 24 vegliardi + 4 esseri viventi, sono gli Elohim? molto semplice dal comportamento che tengono innanzi a Eloah.

Cosa fanno ogni volta che Dio parla o si pronuncia, si prostrano questi Elohim, che sono tutti Re per cui prendono le loro corone e le depongono ai piedi di Dio … il togliersi la corona e porla i piedi del Primo Elohim ha il senso si consegnare i propri poteri a Dio.
Assieme a questi 24 Re e 4 esseri viventi, c’è ne un certo numero di principi non identificati … gli arcangeli sono generali che appartengono all’esercito di Dio, 4 esseri viventi, i 24 vegliardi, i principi fanno parte della corte celeste … 

Ora La madre di Gesù, l’immacolata Vergine Maria, è stata proclamata da Eloah quale Regina, il titolo non è casuale, è superiore agli angeli compreso S. Michele, e questo ci fa capire quale posizione occupa, essa dopo la sua assunzione presso la corte celeste è diventa un Elohim, anche se dipende da Dio e da suo figlio, dallo Spirito Santo. Non potrebbe essere diversamente dato che solo gli Elohim possono stare presso la corte continuamentee appiccicati al trono in modo fisico/reale. 

Ricordiamo che Dio non dipende dall’essere umano, è completamente fuori dal mondo umano, cioè esso è libero in toto da noi, non dipende da noi, fa quello che vuole, quindi può trasformare un essere umano, in un Elohim … a parte che la Madre di Gesù è un po’ fuori da quello che noi pensiamo. Il fatto di essere immacolata, cioè senza peccato originale, praticamente simile ad Adamo ed Eva prima del peccato, anche se Maria era di più di loro …  si sa che la chiesa non accetta queste teorie, e le considera eresie, perché si basa sulla parole di S. Paolo che ha squalificato la donna, come essere inferiore, ma S. Paolo aveva delle remore forti contro le donne e aveva un forte retaggio ebraico, dove la donna era considerata come serva, invece l’atteggiamento di Gesù nei confronti della donna è completamente diverso da quello di  Paolo di  Tarso, anzi direi opposto … lo si vede con la maddalena, e poi in altre occasioni … Qui c’è da chiarire un certo discorso, chi vuole credere a  Paolo di Tarso, che ha detto la sua verità sulle donne, si deve ricordare che così facendo si oppone a Cristo, se Cristo è colui che ha posto la legge allora Paolo di Tarso in questo contesto non ha detto la verità. Ma se non ha detto la verità in questo contesto, in quanti altre occasioni non ha avrebbe detto la verità?

Perché gli angeli non so Elohim, perché non posseggono potere proprio, indipendente, autonomo, anche se hanno corone, ma quelle sono intese come dominio, e come possessori di un potere che però non gli appartiene direttamente ma gli è dato …. faccio esempio per capirci …
Abbiamo un pila atomica, essa per funzionare deve essere collegata ad apparecchi, noi sfruttiamo gli apparecchi per ottenere quello che ci interessa … ecco è la stessa cosa …
In Pratica la pila atomica sono gli Elohim, gli apparecchi sono i poteri, noi siamo gli angeli …
I poteri vengono dati agli angeli a seconda dei loro meriti … per quello Gesù dice accumulate un tesoro nei cieli, perché in realtà il tesoro è inteso come meriti, chi ne h di più avrà più doni, cioè più poteri. E meriterà anche una corona … e quindi di conseguenza anche una posizione … diversa da altri … più o meno vicina ad Eloah …

Quindi il potere è di proprietà di chi è Re o principe, perché chi è Re o principe, è autodeterminato, chi non lo è non è, gli angeli per quanto siano potenti ecc, non lo sono, dipendono dagli Elohim, anche noi non siamo autodeterminati spiritualmente perché dipendiamo dalla nostra anima che è superiore al nostro corpo. L’anima fornisce l’energia per sostenere il corpo, anche se il nostro corpo funziona autonomamente si pensa, questo è quello che scienza crede. In realtà è l’anima che sostiene con un energia particolare il corpo … Potremo dire che tutto quello che è vivo ha una sua energia, un suo spirito, si!
Sono gli Elohim che posseggono il potere vero e proprio e lo danno o trasmettono a chi ne bisogno, in modo automatico o più o meno.  Qualcuno dirà che gli angeli non potrebbero fare nulla senza che gli Elohim volessero, no , non è vero gli angeli posseggono una base di potere, e man mano che crescono in meriti ne hanno di più, ma per svolgere alcune funzioni superiori devono attingere il potere dagli Elohim, gli Elohim posseggono poteri tali che nessun Angelo possiede. Inoltre gli Elohim hanno potere proprio cioè lo sviluppano in loro stessi, sono loro stessi il potere.

Il trono di Dio lo ripeto com’è fatto …
Abbiamo il leone che sta a destra e il vitello che sta sinistra, aquila, l’angelo …
Quello che ci interessa sono i due esseri viventi ai lati, Cristo si siede sempre a destra del Padre Celeste ed è chiamato il Leone, mentre a sinistra di Dio non c’è nessuno.

 Ma chi rappresenta allora il vitello?
Andiamo un attimo in dietro al tempo di Mosè . quando gli israeliti vengono condotti presso la montagna sacra a Dio, il fatto della costruzione di un vitello d’oro non è casuale, perché non hanno fatto un leone d’oro?, solo perché in Egitto vi era il culto del vitello? No! L’origine del vitello è antica anche presso altri popoli, adoravano animali con le corna, e alcune loro divinità le avevano, capre per esempio … sia i bovini che gli ovini hanno corna e sono erbivori, mentre il felini no!…. quindi le divinità pagane e sataniche si raffigurano come esseri con le corna erbivori, non carnivori. Perché?  Vi lascio la risposta a voi..
Perché Cristo fa il paragone tra i caldi e i freddi e tiepidi oltre al significato che ben conosciamo.  Ne ha un altro a livello spirituale, separa il bene dal male e  accomuna i tiepidi con il male … come per dire solo chi è caldo merita il regno dei cieli …. 

Chi sono i freddi? 
I freddi sono coloro che stanno con il male … Il leone ha un manto che vira al rossiccio,  mentre vitello può avere un manto variegato ma anche che si mimetizza molto bene con le erbe, e spesso è nero bruno scuro quindi freddo … quindi il vitello è identificativo del male. 

Perché presso il trono ci sono 4 esseri? 
In apocalisse vengono descritti come simili a leone, vitello, aquila, e angelo … quindi non sono animali! Sono 4 razze, che nella loro costituzione assomigliano a questi animali … il resto pensatelo da voi …

Riepiloghiamo gli Elohim sono un certo numero di esseri che fanno parte direttamente della corte celeste … quella direttamente e strettamente connessa con Dio, sono tutti Dei … non per nulla Dio o Eloah si fa chiamare il Re dei re cioè un imperatore, e Re degli eserciti, ecc.

Come poteva un angelo o un arcangelo anche molto potente essere in grado di tentare un colpo contro il suo creatore ?
Potrebbe un operaio prendere il potere di un capo di stato, non di certo a meno che questo non distragga.
Potrebbe un generale da solo, senza nessuno tentare di sostuirsi ad un Re? Molto difficile, può tentare ma senza un aiuto che lo sostenga sarebbe difficile. 
Non parliamo di esseri umani, ma parliamo di dei e angeli.

Un'altra domanda, Dio in Enoch si definisce come Colui che E’ uno Spirito uscito dall’invisibile. Perché dice uno spirito, e non Lo spirito? … 
Perché ce ne sono altri, simili a Lui, inferiori come potere, ma ce ne sono … quindi Dio cioè Eloah fa parte di una razza di Dei, che si definiscono spiriti, per non dire cosa sono realmente. 
Gli dei che si sono sottomessi a Dio sono un certo numero … e sono coloro che si prostrano faccia a terra e cedono le loro corone, a Dio … 

C’è un'altra espressione, che dice le tenebre non l’hanno accolta, perché le tenebre non accolgono la luce? 
La spiegazione umana ovvia è lettura puramente umana...che non perlustra le frontiere dello spirito.  

E chi fa parte di queste tenebre? 
Gli spiriti che abitano le tenebre, che non sono spiriti di luce come lo è Dio.
Quindi qui cosa ci fa capire, che ci sono due spiriti, uno domina la luce e uno le tenebre, ma Eloah sovrasta tutto ciò perché è il creatore di tutto. Mentre gli altri dei Elohim sono creatori di una parte. Quelli della luce e quelli delle tenebre che non hanno accolto la luce, e si sono separati da essa. Infatti in genesi dice e Dio separò la luce dalle tenebre una la chiamò giorno e l’altra notte..

Eloah in sostanza sarebbe il Padre degli Dei … il primo e l’ultimo cioè il sempre esistente. Colui che non ha Nome. Tutti gli altri sia quelli che occupano la posizione nella luce che quelli delle tenebre sono Elohim.

Come potrebbe un semplice Arcangelo contrastare la potenza di un solo Elohim? 
Come potrebbe muovere guerra contro l’Onnipotente? Se non possiede un suo potere? La frase di San Michele  dice: “ Sei tu come Dio?” in realtà la frase è intesa così:“Sei tu come Eloah? o chi è come Eloah?” 
Chi poteva effettivamente sfidare il Padre degli Dei? 
Non certo un angelo, non certo un generale, un principe si!
Gesù dice :“ho visto cadere dal cielo come folgore Satana! Da dove è caduto, dalla corte …

La vergine! ha un potere enorme tanto da dominarlo effettivamente e concretamente . 
Ecco perché lui la odia ferocemente più di Cristo stesso, perché è stata elevata sopra di lui. Lei è Regina, mentre lui era/è un principe, di bellissimo aspetto, splendente perché purissimo, candido, ecc, possiamo dire un delfino … uno che poteva aspirare ad essere di più, uno che poteva porsi alla sinistra... Il simbolismo di schiacciare è proprio indicativo di un potere dato, di dominio … il senso di precipitare indica anche il toglie potere, precipita da una posizione alta ad una posizione bassa, viene in sostanza ridimensionato, per quanto sia sempre quello che è, le catene hanno un senso di bloccare impedire che esso usi quel potere. La preghiera contro satana svolge la funzione della catena e anche di arma. Le corna, stanno ad indicare il potere che possiede … non sono messe li per nulla. Il Leone ha una criniera che fa da corona, per esempio sansone aveva molti capelli egli stesso pensava che fossero i suoi capelli a donargli il potere, però la criniera umana ha un senso simile a Leone, infatti noi usiamo anche il termine chioma per indicare i capelli, il termine ha un vicinanza con la chioma degli alberi che è formata da molti rami fitti … Quindi in origine gli eserciti angelici erano 12, dopo la caduta di Satana, Lucifero ecc … sono rimasti 9 e 3 sono partiti con il maligno … può essere che dopo la presa di coraggio di S. Michele esso abbia meritato il titolo di Principe infatti viene definito il principe delle milizie celesti, la sua nomina terrena non è stata una volontà umana come pensiamo noi, cioè il capo dell’esercito tutto intero …  potrei andare avanti con altri riferimenti biblici…













I santi sono importanti, ma Dio lo è di più.

L'uomo non si accontenta mai delle parole di Dio, e con il suo pensiero crede e pensa di dire meglio di Dio. Premessa, il te...