sabato 30 luglio 2016

Differenze tra religione e fede!

Differenze tra religione e fede!



Da allora Gesù cominciò a dire apertamente ai suoi discepoli che doveva andare a Gerusalemme e soffrire molto da parte degli anziani, dei sommi sacerdoti e degli scribi, e venire ucciso e risuscitare il terzo giorno. 22Ma Pietro lo trasse in disparte e cominciò a protestare dicendo: «Dio te ne scampi, Signore; questo non ti accadrà mai». 23Ma egli, voltandosi, disse a Pietro: «Lungi da me, satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini!».


"Pietro lo trasse in disparte"  qui pietro ha proprio la mania di prendere Gesù in disparte come se Egli non sapesse quello che dice, perchè questo atteggiamento Pietro lo ha manifestato altre volte nei confronti di Gesù, vuole in un certo senso essere protettivo, ma al tempo stesso è perplesso. dice tra se e se: "come adesso che sei qui te ne vuoi andare?" la risposta di Gesù non è la sola di questo genere ve ne sono altra anche dopo la sua resurrezione, verso Pietro, condanna non solo le parole ma quanto l'atto di a porlo in disparte, quasi a voler avere su di esso una autorità. ed infatti le parole di Pietro tradiscono proprio questo pensiero, «Dio te ne scampi, Signore; questo non ti accadrà mai» Per cui ovviamente Gesù risponde a lui, "Via da me Satana" perchè il modo di pensare e il suo operare ha un senso ben preciso di voler comandare su Dio. infatti dice "questo non ti accadrà mai". Ciò fa comprendere che per quanto Gesù abbia tentato di far comprendere agli apostoli, il suo vero pensiero e il percorso della sua vita li in Israele, ma alcuni di loro non compresero, ed era anche ribelli a certe idee, e Pietro dimostra questo atteggiamento, di voler comandare a Gesù, quasi imporre la sua volontà.

Questo però ci pone un interrogativo visto che Gesù richiama tante volte Pietro in questo aspetto, lo rimprovera duramente, con asprezza e condanna, per quale ragione lo sceglie come capo degli apostoli? Parrebbe una contraddizione, visto che un uomo che tende a ergersi sopra Dio, viene poi cacciato da Cristo alla stregua di satana, perchè viene eletto a capo degli apostoli?

Ma vediamo di rispondere alla domande del titolo.

Per cui da questo passo, come da altri si comprende che la religione è derivata da un presupposto diverso che dalla fede, potremo dire che la religione ha la tendenza di dominare la fede, per cui essa potrebbe non essere di origine divina, ma anche contraria alla fede stessa.


Le differenze sostanziali tra la fede e la religione stanno nel fatto che la religione è creata dagli uomini sulla base delle parole lasciate da Dio, mentre la fede, è quello stato danimo che la divinità chiede allessere umano, in particolare la fede non è altro che la fiducia che luomo ripone nel proprio Dio, la fede è la fedeltà ed essa non la si ha solo verso Dio, ma verso chiunque, luomo ripone la propria fiducia, nella sposa e nello sposo, etc.

La fede è richiesta da Dio come atto del credere in Lui, mentre la religione è un insieme delle norme create dalluomo che vorrebbero imbrigliare e rispondere ai quesiti che questo si pone, verso Dio. la religione vorrebbe tentare di spiegare Dio, ma non con lo Spirito ma solo con l'uso della ragione, per cui ragione e religione sono molto simili.

Tra fede e religione quello che conta di più è la fede, cioè il credo di un soggetto verso il proprio Dio. Se una persona crede ha fede, cioè ripone la sua fiducia e dimostra la sua fedeltà al suo Dio.

Possiamo dire che la religione è un atto che viene dalluomo ed è creato da esso, sulla base della parole lasciate da Dio, la religione è composta principalmente da pensieri e parole umane, di svariati soggetti che dovrebbero secondo pensiero umano, spiegare meglio la parola di Dio, quando invece non sempre è così, specie se manca dello Spirito Santo , spesso invece la religione complica la parola lasciata, perché luomo ha la tendenza di voler dir più di Dio stesso. Nel cercare di spiegare la sua parola, esso invece la complica, non la rende più semplice, ma la rende più complicata, e spesso la religione si arricchisce di parti che la fede non ha bisogno, parlo principalmente della teologia, che tenta di spiegare la fede e il credo in Dio, e le sue parole nel contesto della vita umana.

Per cui è meglio seguire la fede, che seguire la religione.

Cristo non ha portato una religione ma un credo in Dio, Cristo vuole essere solo creduto, amato, e che luomo abbia fiducia in lui, cioè gli creda e si abbandoni a Lui in toto, dimostrando a Dio, la sua fedeltà, che altro non è che pura fiducia in Cristo. Se abbiamo fiducia totale in Dio-Cristo otteniamo qualsiasi grazia e qualsiasi cosa. 


Camminare sulle acque, è un atto di fede, e la religione non centra nulla, la religione semmai è molto più vicina alla scienza di quanto non sia la fede.


Le religioni sono totalmente un pensiero umano. 

Quindi la chiesa grande della B. Emmerick era la chiesa delle religioni, non la chiesa di Cristo-Dio.

Gesù: Dov’era Dio quando sono morti milioni di esseri umani?

Dio risponde al Mondo!


Oggi 29 luglio 2016 ore 15:00

Gesù Nostro Signore e Nostro Re.

Gesù: risuona a me da ogni dove questa domanda: “Dov'era Dio quando sono morti milioni di esseri umani?” 

Molti si chiedono perché io Dio, non intervengo sempre a salvare ogni persona di ogni popolo, le motivazioni sono così tante che voi non potreste capire ne comprendere. Ogni uomo nasce libero plasmato da Me, secondo il mio disegno, ma la terra ha in se un peccato che voi portate dentro. Chi desidera riceverà per volontà propria o dei propri genitori il mio sigillo con il battesimo, diventerà parte di Me, poi sarà peccatore per sua ed altrui volontà e alle volte si porta dietro eredità pesantissime di tempi anche lontani. Così io per salvare tutti, singoli e interi popoli devo agire talvolta drasticamente, se voglio potarvi nel mio regno eterno, purtroppo non tutti giungono. Non tutti possono accedere alla gloria Mia e del Padre Mio, solo le primizie ottengono questo, per queste ragioni voi soffrite tanto, se non fosse così, nessuno si salverebbe, la sofferenza per voi è una manna di salvezza eterna. Preferisco di gran lunga salvare un anima pura che un corpo corruttibile, perché mediante la vostra sofferenza voi purgate le colpe dei vostri padri e degli antenati che vi hanno lasciato come eredità; certi popoli sono stati maligni verso di Me, per cui invece di lamentarvi gioite perché molti di coloro che hanno patito grandi sofferenze a causa di altri e nella sofferenza hanno pregato Me e/o il Padre Mio, oggi gioiscono delle mia presenza, O mio popolo d’Israele. Se non agissi così, tutti sareste morti in eterno e la creazione sarebbe stata vana,  il Padre Mio mi avrebbe inviato inutilmente, ma io sono venuto secondo quanto era la Sua Volontà per la salvezza di tutti e non solo di pochi.

Figli vi supplico fermate le vostre mani, non macchiatele del sangue dei vostri simili, alzatele al cielo e addolcite la mia ira, perchè giorno dopo giorno cresce sempre più, al vedere tanto orrore salire a Me, e le grida delle anime assassinate che insistentemente mi chiedono di intervenire, pregate invece figli che io fermi e converta i cuori, non che io distrugga! 
Vi ho dato la più dolce delle madre, ma voi non ascoltate neppure Lei, cosa devo fare di voi?
Una sola è la Mia Parola e una sola è la Mia Legge, non vi è nessuna legge che sia superiore alla Mia, tutte quelle che sono nel mondo sono parole di uomini che si vogliono ergere sopra di Me. 
Chi non opera la Mia parola è fuori di Me, chi mescola la mia parola con un altra è fuori di Me, chi propone una legge diversa come se fosse mia è fuori di Me.
Io solo sono Dio e non v'è altro oltre a Me al Padre Mio che è in Me, io sono in Lui. 
Chi non mi riconosce e non mi crede non ci sarà posto nel Regno Eterno.

Chi offende mia Madre è come se offendesse Me.

Chi prega Me, prega il Padre che è in Me e Io Lo manifesto.

Chi prega mia Madre, prega Me, perché mia Madre è in Me e nel Padre Celeste e nello Spirito Santo.

Cari figli, d’Israele e tutti i popoli di questo mondo, convertitevi prima che giunga il vostro giorno.




°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Molti di noi, pensano che porsi questa domanda  “Dov'era Dio quando sono morti milioni di esseri umani?” sia lecito, invece per un cristiano non solo non lo è, ma è pure una bestemmia .

Ci siamo mai chiesti quante volte, abbiamo rinnegato Dio, quante volte lo abbiamo tradito, lo abbiamo condannato, lo abbiamo bestemmiato, quante volte diciamo di amarlo e poi facciamo tutto il contrario, quante volte confessiamo i nostri peccati e poi li ripetiamo senza sosta, ce ne sarebbero un infinità, e abbiamo anche l'ardire di chiederci dove Egli era? perchè non si è mosso? Perchè non ha agito? Non ci siamo mai chiesti, cosa noi abbiamo fatto per lui, cosa facciamo per meritarci le grazie, oppure pretendiamo solo di avere senza mai dare nulla? Ci ha resi liberi, perchè lo abbiamo voluto noi fin da principio, ma man mano che i secoli e millenni passavano lo abbiamo preteso ancora di più fino ad oggi, abbiamo una libertà così totale che Egli ci dice fate da soli, vediamo cosa siete capaci di fare, ed infatti, se non fosse Lui ad intervenire anche assiduamente nelle nostre povere vite, ben poca umanità sarebbe in vita oggi, ed ancora siamo ingrati, ancora siamo a Lui contrari, sempre ribelli, sempre ostili, sempre desiderosi di essere lasciati liberi, di agire pensare ma sopratutto di operare il male, ma poi quando abbiamo bisogno presto o tardi tutti accorrono a Lui, e Dio ci dice "cosa hai fatto per Me, hai rispettato la mia parola, ha dato da mangiare i poveri, ha soccorso i deboli, ai protetto gli innocenti, ai aiutato gli affamati, hai convertito, hai offerto un aiuto" oppure hai usato l'intelligenza che ti ha donato, solo per arricchirti, per truffare, per aggirare ogni legge? E ora cosa pretendi dopo che hai agito totalmente contro Dio? Eppure Lui tenta ancora di aiutarti, e alle volte sapendo che tornerai ad essere ingrato, ti salva, ma non lo farà per sempre, ricordalo. 



Noi possiamo, noi dobbiamo fermare questo nuovo olocausto che si sta compiendo giorno per giorno  sotto gli occhi di ogni popolo nel mondo, prima che diventi mondiale. 
Non possiamo rimanere indifferenti per un scopo economico e satanico.
Non facciamo si che l'apocalisse si compia e che il sangue scorra fino al morso del cavallo!
Chi si ostina a favorire coloro che portano la morte con se, non avranno la vita eterna!

sabato 23 luglio 2016

Attacchi satanici nel sonno!


Attacchi satanici nel sonno!

Non era un infermiera, vampira....ahahahah



Questi eventi non accadono solo ai santi, come fu padre Pio da Pietrelcina, ma anche ai comuni mortali, ma sono spesso dettati da un azione di bene del soggetto verso altre persone, da qualcosa che si è detto o scritto, dal bene che una persona fa, e come risposta satana si muove verso di te, spesso però il suo agire non è prodotto solo dal troppo bene che fai, ma sopratutto dal troppo male che altri ti mandano a te, sotto forma principalmente di odio, maledizioni, fatture ed opere demoniche atti ovviamente a farti del male. 

Perché ho scritto questo, perché questa notte il sottoscritto dopo aver scritto parlato, consigliato come tutti i giorni, e cercato di istradare alcune persone nel trovare la loro via, la loro strada, il loro giusto cammino verso il Signore Dio, ho subito un attacco satanico nel sonno, eppure era tanto tempo che non mi accadeva, ma ogni tanto arrivano anche questi, specie quando si somma l'odio di molti su di te, si arriva ad un livello di saturazione che poi il maligno agisce contro di te e spesso ci riesce a superare le tue difese, diciamo che questo viene permesso, per fortificarti nella battaglia contro il male. 


Piccola parentesi [Tempo addietro pensai anche un problema legato alla respirazione, con attacchi di panico, oppure a problemi ostruttivi Os, per cui decisi di farmi fare degli appositi esami molto specifici, dai quali non è emerso nulla di strano, tutto normale e questo ha escluso eventuali patologie sia a carico dell'apparato respiratorio che del nervo vago che di quello celebrale e psichico, generalmente sono soggetto molto propenso a pensare subito a problemi organici-psicologici che a quelli spirituali, spesso sono più propenso a ritenere molti mali dell'uomo a fattori di natura naturale che a quelli dovuti direttamente o indirettamente a spiriti. Anche se bisogna dire che l'azione di uno spirito è subdola si può tranquillamente confondere con problemi diciamo normali, ma è sempre meglio pensare prima ad escludere una patologia umana, anche se in certi casi sarebbe meglio fare il contrario, per un motivo molto semplice nel caso di problemi sopratutto psichici, o simili, è meglio far passare il soggetto attraverso un iter prima spirituale che psicologico, questo è dovuto al fatto che se per caso c'è un problema spirituale il trattamento psichico può durare anche decenni, con il possibile danno che poi il soggetto non esca mai più, dalla sua condizione spirituale e alcune volte i farmaci per problemi metalli sono neurotossici provocando effetti collaterali, per esempio i farmaci a base di fluoruro di litio sono neurotossici, altri a base di fluoro idem, etc. Mentre sottoponendo il soggetto a esorcismo si scarta la possibilità di prolungare le sue sofferenze all'infinito. So che la psichiatria non è d'accordo in questo, ma noi non dobbiamo guardare a quello che vuole la psichiatria ma al bene soggetto, del paziente, e spesso gli psichiatri con questi atteggiamenti dominanti ed imperativi, vogliono solo impedire che il paziente venga curato, si perché se l'esorcismo risolve il problema definitivamente, quello sarà un paziente in meno alla psichiatria, ecco il motivo perché generalmente sono contrari, perdono i soldi, è molto semplice il discorso, ma questo avviene un po in tutti i campi della vita umana, quando uno non vuole permettere liberamente ad un altro di usare certe terapie e impone le sue, lo fa principalmente per questo motivo, una questione di danaro e il denaro è di satana.] 


Ritorno al discorso. 
IL fatto è accaduto alle 4 di mattina, sto dormendo profondamente, ad un certo punto credo di sognare, e sento su di me una forte pressione toracica, poi questa si estende al collo e avverto una mano che stringe il mio collo, e un altra che mi chiude la bocca e il naso, ad un certo punto inizio ad divincolarmi perché sentivo meno il respiro, mi sveglio di soprassalto impossibilitato a respirare, non riuscivo in nessun modo di respirare, ovviamente mi stava prendendo il panico, sono corso alla finestra per cercar aria, che non trovavo, e mi sono fermato un attimo e ho rivolto a Dio Padre un pensiero e ho recitato mentalmente la prima parte del Padre Nostro e subito tutto ha smesso, e ho re-iniziato a respirare normalmente, mia madre che era accorsa nella camera, mi aveva visto assai pallido, e dire non poco spaventato.

Prima di tornare a dormire, ho pregato per un po, e poi mi sono addormentato. Per fortuna questi eventi per me sono rari, ma sono dettati principalmente dal bene che faccio e anche alle cose che dico, alle verità che svelo, e alle persone che sveglio, quindi questo per me è una cosa positiva, perchè invece di indebolirmi mi rende ancora più agguerrito e ancora più convinto che sono sulla strada giusta, quella della verità. A chi posso aver dato tanto fastidio questa volta, ieri ho scritto alcune cose, un paio di critiche a Medjugorje ma non voglio pensare che mi vogliano così male, non sarebbe da veggenti, mandare maledizioni anche solo pensandolo, ma tutto è possibile non lo posso escludere, poi ho inviato delle risposte ad altri amici che mi chiedeva aiuto, un consiglio non solo spirituale ma anche di altro tipo, io non mi sottraggo mai a nessuno, faccio sempre l'impossibile per aiutare tutti, spiegando la verità delle cose, non solo nella fede, ma anche nelle cose della scienza dato che me ne intendo un pochino. Per cui tutto nell'insieme qualcosa si fa di bene, ma evidentemente in questi giorni e settimane deve aver urtato più di qualcuno, molto profondamente tanto da inviar a me il suo odio, la più grande maledizione che agisce prima di tutte le altre, è l'odio profondo viscerale che la gente concepisce nel profondo del suo cuore, come disse appunto di Gesù, "il cuore dell'uomo è la fonte del male" è si, è proprio così, poi ovviamente tutti i propositi che ne derivano, tutte le idee che si concretizzano in esso, come satana in un esorcismo disse, "se il pensiero, rimane pensiero, non è peccato, ma quando passa nel cuore diventa peccato," il demonio ha confermato le parole Sante di Gesù, come può satana non conoscere profondamente la verità dei vangeli e della sacra scrittura!! La conosce assai bene, altrimenti non avrebbe le capacità e la parola giusta di contrastarla. Il demonio non va a tentoni come noi, le cose le sa e molto bene pure, solo che le rifiuta ma al tempo stesso le riconosce e usa le stesse per accusare noi. 

Perché Gesù a Fatima fece dire a Sua Madre, che i bambini non dovevano dormire con una corda? Perché sa bene che satana nella sua grande malignità, può tentare di uccidere le persone che indossano catene, collane, corde, fili, spaghi, anche rosari, io per fortuna non indosso nulla ne dormendo ne da sveglio. Vi sono stati eventi realmente accaduti che il maligno, ha tentato di strozzare persone nel sonno proprio mediante l'uso del rosario, catenine, cordigli, etc. Le azioni del maligno sono diverse e come sappiamo possono andare da eventi naturali e preternaturali e a soprannaturali, può agire sia spiritualmente che anche nella realtà fisica. Generalmente non può uccidere lui di persona gli viene impedito, da uno stretto controllo degli angeli carcerieri, ma in un tempo in cui esso è libero dalle sue catene, esso può far molto di più di quanto noi immaginiamo, non essendo più nella condizione di essere strettamente tallonato da degli angeli appositi, esso è molto libero di fare anche uccidere di persona e potrebbe anche spingere l'uomo ad uccidere senza alcun motivo apparente, poi ovviamente l'essere umano non credendo in Dio e parlo della scienza, essa deve darsi una spiegazione,  di un evento di qualsiasi tipo con raziocino e dir che esso è stato prodotto da eventi voluti dall'uomo, o anche da pazzia improvvisa e trovar anche una qualche non reale motivazione logica, quando spesso questa furia omicida che spesso parla alle menti e le spinge a far quel che non vogliono fare, è proprio questa azione nefasta di satana che essendo libero di agire quasi indisturbato, ha campo libero, di far l'alto e il basso quello che desidera, specialmente con coloro che non gli oppongono alcuna resistenza, o chi non è legato profondamente al credo Cristiano, o anche talvolta a cristiani, che nel loro essere tali non lo sono quasi per nulla, se non nell'apparenza, nell'esteriorità, ma nella sostanza non lo sono, per cui non hanno nessuna remora nel trattenersi, spesso sono soggetti psicologicamente violenti e satana con questi ci gioca molto. Per cui quando alla TV si sente dire "ma era anche un buon cristiano", piano bisogna veramente vedere se lo era, realmente, tutti a parole siamo  buoni cristiani, ma nei fatti spesso cambia molto, e non sempre chi fa volontariato è un cristiano. Bisogna sempre chiedersi obbiettivamente e in verità, se  codesto soggetto faceva del bene, che idee aveva o esternava esternava, aiutava i poveri, soccorreva gli affamati, dava da bere ai viandanti, convertiva, spargeva la parola del Signore, o/e era razzista, come sovente accade tra di buoni cristiani!? Ecco bisogna vedere se si è veri cristiani. Tutti vengono accomunati oggi a buoni cristiani, ma pochi lo sono realmente, anche tra i preti, non tutti sono santi. Quindi, alcune volte gli attacchi satanici verso di noi umani sono spesso sfuggenti, vengono nascosti molto bene, si celano alla vista e spesso vengono anche in aiuto a chi è lontano da Dio, non tutti sanno che alcune volte il maligno pur di tenersi ben a cuore alcuni umani, li rende molto ricchi, e molto intelligenti, gli da fortune enormi, li fa stare nei più alti livelli della società, li rende famosi, spesso Vip, come infatti aveva tentato anche  Cristo, di offrigli le ricchezze di questo mondo, pur che esso lo adorasse. Questo ci fa capire di quale potere ha nelle sue mani, e se non si è sufficientemente protetti e propensi ad essere di Dio nella verità del verbo, si viene usati come suoi strumenti di morte, per portar morte scompiglio, disastri, e tutto quello che tu puoi servire alla causa di satana per il suo scopo finale. 

Per cui quando un vero Credente in Cristo, lo è realmente, non lo dice, lo dimostra anche nel silenzio, parla comunica, dispensa consigli, prega per altri, agisce tutto per Dio, ma sopratutto dice sempre la verità, e sta nella verità, ovvio che in queste condizioni l'odio che satana prova per costoro è enorme smisurato, e più queste persone toccano gli interessi di molti, e pongono interrogativi ad altri, più esso si scatena e scatena l'odio anche negli stessi cristiani, che apparentemente credono di essere ben difesi, ed invece molto spesso si lasciano andare a pensieri cattivi, maligni, senza pensare che dietro a quel pensare c'è satana che istiga, induce alla tentazione, che provoca, che suggerisce e mette cattivi pensieri nella testa, e li pungola fino al punto di ottenere quello che vuole, vera e propria tentazione, possiede talmente tante risorse che noi non immaginiamo minimamente. Per cui gli attacchi nel sonno sono spesso dettati da desideri di altri soggetti verso chi è attaccato, desideri di morte, di vendetta, di odio, etc e chi può desiderare di mettere a tacere una persona che dice la verità? Tanti e tantissime persone, i motivi sono tantissimi, vari e anche inconsueti, la mente umana è un labirinto di nascondigli, dove celare qualsiasi verità o menzogna, gli interessi sono sempre tanti, ma sopratutto è il danaro che istiga maggiormente, l'interesse personale, e anche sentimentale alle volte, può scatenare ire gelosie, odio, maldicenze, etc. Possiamo dire che l'odio lo attiriamo a noi per varie ragioni, sia che abbiamo ragione, sia che abbiamo torto, l'odio è una forma di frustrazione, della persona che arriva ad un limite di sopportazione e si scatena in essa il desiderio di odio che poi può confluire in una vendetta, di qualsiasi tipo, anche una fattura a morte, può essere considerata un evento di odio, assolutamente si, e se devo dire la verità dovrebbe essere anche annoverato tra i reati contro la persona, perché quando un soggetto arriva a spingersi a produrre e desidera la morte di un'altro esso commette peccato, ma non solo verso Dio, ma anche verso l'essere umano e anche verso le leggi di quello stato. Perché le fatture i malefici, non si fanno solo verso i soggetti umani, ma anche verso le nazioni, i popoli, etc. si possono esercitate verso qualsiasi persona o cosa esista. 

La scienza, intesa anche come politica, magistratura, psichiatria, etc, dice che sono tutte stupidaggini, lo sarebbero se gli stessi scienziati, magistrati, psichiatri, politici, etc non fossero superstiziosi, invece molto spesso codesti soggetti sono assai superstiziosi, e quando sentono parlare di certe cose, fanno gesti tipici, tipo le corna, si palpano, etc, ecco questa è la dimostrazione che in realtà gli uomini di “scienza” credono nascostamente a queste realtà e basta veramente pochissimo perché ci sia l'appiglio per satana, d'altronde esso è il principe della menzogna e dei nascondigli e delle trappole. Se l'uomo chiunque sia non credesse in nulla satana forse non gli darebbe fastidio, ma certamente starebbe ben con le orecchie tese perché questo non cambi idea e non si converta alla religione Cristiana, perché l'importante non è appartenere alle altre religioni, non gliene frega assolutamente nulla, di tutte le altre religioni del mondo, a lui interessa solo che le persone non diventino cristiani, questo è il suo obbiettivo primario, impedire a chiunque di convertirsi a Cristo. Se l'uomo appartiene ad altre religioni a satana sta molto bene, perché è contento, perché il 99% delle religioni in realtà pregano dei pagani, che altro non sono che manifestazioni di satana stesso e certamente a lui non fa piacere che la gente cambi partito, per cui spesso fa dire a falsi veggenti, che Dio vuole che tutti gli uomini stiano assieme, alludendo alla creazione di un unica religione mondiale, per altro in questo momento già in via di creazione, per cui potete immaginare a quante persone do realmente fastidio, e quanto satana mi odia perchè gli scombussolo i suoi piani di morte.

So che c'è molta gente che mi vuole molto male, come anche alcuni mi vogliono bene, ma non mi preoccupo più di tanto, perché so che Dio non permetterà che nessuno mi faccia realmente del male, quando sei nella verità, nulla ti può toccare, ma alle volte viene permesso per rafforzare le tue difese “immunitarie.” ;) 


mercoledì 20 luglio 2016

INDURCI IN TENTAZIONE E' UNA GRAVE OFFESA A DIO

Riflessioni sul Padre Nostro!





La versione Italiana della chiesa cattolica.


Padre nostro, che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà, come in cielo così in terra.
Dacci oggi il nostro pane quotidiano,
e rimetti a noi i nostri debiti
come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non ci indurre in tentazione,[1]
ma liberaci dal male.
Amen.


[1] Nella versione della Bibbia della Conferenza Episcopale Italiana, 2008, "e non ci abbandonare alla tentazione".

Vediamo di capire bene cosa significa esattamente la parola abbandonare.


Significa: Lasciare definitivamente e per sempre, qualsiasi cosa, persona, animale, etc.
Lasciare una persona senza  protezione, come dire ti abbandono a quello che sarà il tuo destino.

Ci dobbiamo porre una domanda, Dio potrà mai abbandonare un suo figlio al suo destino qualsiasi esso sia? Perché l'abbandono implica che, chi lo esercita non torni più indietro. Quindi non eserciti più su quell'individuo nessuna forma di protezione. Quindi lasciato totalmente in balia di qualsiasi avversità e destino, indicherebbe menefreghismo, totale apatia, verso quel soggetto.
Ora a tale condizione ci vengono in contro le parole di Gesù, in riferimento al discorso dei Gigli del campo, dove appunto Cristo fa riferimento a come il Padre ami ogni sua creatura, la vesta, la nutra e gli dia ogni sostentamento, facendo comprendere che se nutre, veste i gigli, che sono erbe, più belli di come fu vestito Salomone, perché dovrebbe far diversamente nei confronti di chiunque altro.

Questa risposta di Cristo ci fa capire che Gesù non ha mai dettato ad alcuno quella frase, posta nella sua preghiera, non ha pronunciato “Non ci abbandonare”, perché essa disattende queste parole della parabola dei Gigli.

Ora la Chiesa degli uomini che attribuisce un senso diverso alla frase inserita nel Padre Nostro, come se volesse in qualche modo scusarsi con Dio per aver erroneamente inserito una frase non conforme al pensiero di Cristo, “non ci indurre in tentazione”, ma questo modo di pensare fa comprendere che la chiesa sapeva bene che il termine indurre e abbandonare sono due parole simili, che in sostanza nessuna delle due va bene nel senso reale che Cristo volle attribuire a tale frase.

Gli uomini di Chiesa, hanno di proposito attribuito un senso diverso alla parola indurre, dando un senso diverso alla frase, ma così facendo si sono tirati la zappa sui piedi da soli, perché sia nella recita innanzi agli uomini che poi a Dio. Nel momento in cui io conosco la verità e cerco di coprirne il senso attribuendo ad essa un altro senso, sto facendo un operazione di copertura, senza pensare che chi ti giudica non è l'uomo, ma Dio stesso, questo fa comprendere che chi ha scritto questa forma erronea, ma voluta, in realtà lo ha fatto scientemente, dimostrando a Dio che in realtà esso stesso non crede in Dio. Perché chi avesse scritto quell'errore e non sapeva cosa scriveva esso non avrebbe colpa, ma dato che esso sapeva e ha tentato di occultare il senso reale della parola indurre con un altra ha fatto un peccato ancora più grande.

Ma la frase conosciuta da tutti e “Non ci indurre in tentazione” ora stando ad un messaggio che io ricevetti Padova, agosto 1995


"Caro figlio, Sono qui con te che ti ascolto nella preghiera. 

Un giorno mia Madre ti chiederà di sostituire l’errore portato avanti dalla chiesa nella mia preghiera che lasciai ai mie apostoli. 
Mai pronunciai non c’ indurre in tentazione . Il popolo pronuncia tale parola senza capirne il senso e qualcuno crede per tale errore che, Io-Dio induca in tentazione l’uomo. Dunque chiedo a te figlio mio, come posso aver detto al Padre Mio che nei cieli, di cui IO Amo di un Amore immenso ed eterno e di cui faccio parte, tu m’induci in tentazione? Io, sono Dio, Io-Padre-Spirito Santo mai ho pronunciato tali parole ….. Tu quella parola la sostituirai con questa preservaci dalle tentazioni. (tuera nos a tentationibus). Questo è un ordine, se la chiesa non ti crede non ti preoccupare, Io sono Dio, Io dispongo, delle mie cose come voglio.” 

Piccola nota a margine, qualcuno con pensieri maligni direbbe “dispotico”, ma anche con Pietro, Gesù disse le stesse cose: “posso io fare delle mie cose quelle che voglio?”. Ma la chiesa in secoli ha fatto quello che i precedenti sacerdoti ebraici hanno fatto verso Dio.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Si evince chiaramente che Cristo non solo è adirato per quanto una parte della chiesa ha commesso contro questa stessa sua Preghiera, ma fa comprendere chiaramente che la frase Non c'indurire in tentazione è errata e Cristo pone a noi delle domande che pare strano che una chiesa nella quale ci sono stati numerosi santi, nessuno di questi abbia mai posto obbiezione, evidentemente o essi sono stati condizionati dalla chiesa stessa di quei tempi oppure per qualche ragione a me non nota Dio non ha fatto presente tale cosa.

La frase che fa riflette è:

Come posso aver detto al Padre Mio che nei cieli, di cui IO Amo di un Amore immenso ed eterno e di cui faccio parte, tu m’induci in tentazione?”

Questa frase dovrebbe profondamente far comprendere che nessuna delle due versioni proposte dagli uomini di chiesa è giusta, proprio per il fatto che Cristo essendo Figlio di Dio, non avrebbe mai potuto aver pensato quelle cose del Padre Suo, tanto meno dette; oltretutto questo Indurci e abbandonare alla tentazione è anche una bestemmia, per cui Cristo come poteva pronunciare simili parole verso il Padre Suo, non poteva! Se un uomo come tanti lo comprende, come mai un intero nucleo di chierici in 2000 anni non lo ha compreso?
Oppure devo pensare che invece qualcuno lo comprese e si fece orecchie da mercante, per infierire contro Dio?


Pater noster, Qui es in caelis, sanctificetur nomen Tuum, adveniat regnum Tuum,fiat voluntas Tua sicut in caelo et in terra. Panem nostrum quotidianum da nobis hodie et dimitte nobis debita nostra, sicut et nos dimittimus debitoribus nostris; tuera nos a tentationibus, sed libera nos a malo.


Inoltre l'indurre è solo tipico di chi porta con se un induzione al peccato, e l'unico tentatore è satana, altrimenti verrebbe meno tutte le richieste che mediante moltissimi santi, ma sopratutto la stessa Madre di Dio, ha fatto in tanti secoli verso di noi, apponendosi con forza e fermezza all'azione nefasta di satana che induce alla tentazione.

Allora qualcuno si chiederà, ma nella Bibbia vi sono diversi passaggi dove Dio dispone delle cose, verso gli esseri umani. Abbiamo un esempio molto interessante quando satana su volere di Dio tenta Giobbe, il discorso è questo, Dio non è tentatore esso mette alla prova gli esseri umani, è colui che comanda tutto, e dispone di ogni cosa, ma Esso stesso si è differenziato da colui che tenta e che porta con se menzogna. Quindi Dio è un Essere che pone alla prova qualsiasi sua creatura, ma non nella tentazione perché essa gli è avversa, invece il tentatore satana, fece sua la tentazione per cui egli agisce con quello che egli ha disposizione, la tentazione o l'induzione ad essa.

In pratica la prova e la tentazione sono due aspetti della stesa medaglia.
La prova è una condizione del bene, mentre la tentazione è una coercizione, ed è solo di esclusivo appannaggio del male.

La diversità tra le due tipologie è enorme, la prova è fatta unicamente per attestare un bene, cioè per verificare che un dato soggetto o "oggetto" funzioni bene, la prova altro non è che un test, una verifica, un esame e può essere effettuata in molti modi.
Mentre la tentazione non è una prova anche se potrebbe divenirlo, in certe condizioni.

Ma la tentazione ha come presupposto, che si cerchi di convincere l'essere umano con la forza o con il sotterfugio, cioè con l'inganno, ecco perché viene detta induzione, cioè il soggetto umano viene indotto con l'astuzia e l'inganno a far qualcosa che non farebbe in condizioni diverse.

Il caso di Giobbe va letto bene e va compreso perché alla fine Dio volle provarlo mediante l'azione di satana, perché in quel caso Dio voleva che Giobbe superasse se stesso e fosse in grado di distrugge la tentazione, cioè di vincerla. Ma che Dio come Padre Eterno induca alla tentazione assolutamente no! Il Figlio suo, non avrebbe mai potuto pronunciare verso il Padre Suo questa frase, per cui si comprende che chi l'ha trascritta ha fatto un errore, ma il problema più grave fu fatto in chi, l'ha per secoli lasciata così, anche comprendendo che qualcosa in essa non andava, quindi in questo si evince malizia e sicuramente una forte azione del tentatore.

Inoltre in qualsiasi vera apparizione della Madre di Dio, Ella mai pronuncerebbe tale frase, sapendo che essa è errata, anche se potesse farlo, cosa che si sa bene che la Madre di Dio, nemmeno la recita.

La versione che Cristo propone è corretta perché dire preservaci dalla tentazioni è giusto, come segno di tutela della persona da chi agisce nella tentazione, quindi si supplica Dio di proteggerci dal tentatore e dalle sue malizie e non si arreca a Dio nessun danno, cioè non si promuove una bestemmia. Accusare Dio di essere colui che ci tenta è fare il peccato più grave in assoluto, quello contro lo Spirito Santo, per quello Gesù mi disse tu pronuncerai questo, per impedirmi di pronunciare bestemmia e io come suo emissario devo trasmetterlo a tutto il mondo, nella speranza che il mondo venendo a conoscenza di tali cose, non voglia condannarsi da solo.

Finché l'uomo non conosce la verità su un dato fatto, diciamo non fa peccato, nel senso più grave del termine, ma quando questo essere umano viene a conoscenza di tale fatto, esso deve prendere una decisione per se stesso, perché la verità gli è stata rivelata e innanzi a Dio non può più dire, io non sapevo, ora lo sa! Quindi ora conoscente la verità!

Anche se non mi crederete farete un peccato lo stesso, perché comunque sia, il Signore poi vi dirà, " ti ho inviato qualcuno che ti ha informato ma non hai creduto", per cui la condanna ricade egualmente su di te.


Sta solo a voi decidere cosa fare. 

martedì 19 luglio 2016

Crociata contro l'opera satanica!

Corona all'Immacolata per distruggere la Massoneria e ogni opera Satanica.


Messaggio 19 luglio 2016 ore 15:00


Gesù Signore Nostro: 

Caro figlio, mio apostolo ascoltami. 

Il tempo volge al suo termine ma avete ancora un pò di tempo. 

Desidero ardentemente che tutti assieme a te, dedichiate alla mia S. Sma Madre, in Onore del Padre Celeste e dello Spirito Santo, una corona al giorno, con l'intenzione di distruggere il braccio armato di satana (la massoneria e le sue opere). 

T'invio uno Spirito(angelo), ascoltalo, ti suggerirà una preghiera, da aggiungere per ogni mistero. Chiunque reciterà questa preghiera nel rosario, otterrà la grazia che desidera e otterrà la certezza che Io lo salverò, sé ogni giorno fino alla vittoria finale, farà quanto Io ho prescritto ai miei apostoli. Amate Il Padre Mio e la Madre Mia come fossero vostri genitori, custoditeli nel vostro cuore, nel profondo delle vostre menti, create per loro nelle vostre anime un tabernacolo, chiedendo al Padre Mio Celeste di piantare in voi il seme della santità. 

Non ascoltate nessuno che con voce forte, vi imponga a nome Nome Mio di non far quanto Io Dio vi ho comandato, nessuno che mi Ami va contro la Mia autorità! 

Comando alla mie schiere angeliche di proteggere chiunque reciterà questa preghiera nella corona, perché voi siete per me più preziosi dell'oro fino, vi proteggeranno a costo della loro stessa vita, anche contro chiunque ha in se il potere da me dato. 


°°°°°°°°°°°°°°°°°° 

Ho atteso un po, e poi ho ricevuto come mi era stato detto, questa preghiera. 


Preghiera. 


In Onore e gloria del Padre Celeste dello Spirito Santo del Figlio Suo Gesù il Cristo. A Te, Dominatore della Creazione, fonte di ogni mistero, origine di tutte le cose create ed increate. Ti chiedo a Nome del tuo Figlio Gesù il Cristo e del Tuo Santo Spirito di donare a Tua Figlia, Sposa e Madre Immacolata, l'armatura invincibile per dominare e distruggere tutta l'opera di satana, in coloro che ad esso sono asserviti. 

O S. S. Madre del verbo Immacolato, Domina, comanda, combatti, condanna, distruggi, brucia, lava, in verità, giustizia e pietà, ogni forza satanica che gli uomini asserviti ad essa esercitano contro i figli di Dio. O dolce Immacolata S.S. Nostra Madre, per la volontà del Verbo Immacolato esaudisci le nostre suppliche secondo quanto è gradito al Padre Celeste. 


°°°°°°°°°°°°°°°°°° 

O S. S. Madre del verbo Immacolato, Domina, comanda, combatti, condanna, distruggi, brucia, lava, in verità, giustizia e pietà, ogni forza satanica che gli uomini asserviti ad essa esercitano contro i figli di Dio. 


Questa frase include tutti i tipi di opera satanica esistenti, dallo spiritismo ai riti satanici, alla massoneria, ai terroristi che combattono contro i cristiani, etc, qualsiasi cosa sia fonte alimentata da satana. 

Questa preghiera andrà recitata esattamente così com'è scritta. Dopo la lettura del mistero si inserirà la preghiera. Per tanto ho pensato di aprire un nuovo gruppo apposito su Facebook chi volesse aderire è aperto a chiunque, dove far confluire più persone possibili, per la recita di questa Corona, ho anche inteso che qualsiasi corona andrà bene, basta che si preghi con le intenzioni del messaggio e con l'inserimento della questa preghiera ad ogni mistero. Per esempio se si farà la tipica corona dell'Immacolata, o quella del Carmelo, o quella della madonna del Rosario, o quella delle lacrime, o quella divina misericordia, o quella del Padre Celeste o quella dello Spirito Santo o quella delle sette piaghe, o quella dei Nodi, o quella agli angeli custodi, o qualsiasi che conoscete, va bene lo stesso. Dato essa è per l'Immacolata Madre del Verbo, ovviamente sarebbe meglio quella standard, ma non ci sono restrizioni di sorta, chiede solo che questa preghiera venga inserita in ogni rosario che facciamo. Mi sento di dire che sicuramente avremo dei forti attacchi sia da parte di un certo clero, che da parte di atei, pagani e quant'altro, ma dico a tutti di non aver paura, anzi questi attacchi ci rafforzeranno, ci renderanno più agguerriti, a combattere con tenacità questa guerra, faccio solo una raccomandazione, chiunque si sognasse vagamente di far di questa preghiera una variante a scopo di lucro, Dio punirà come lui vuole l'anima che farà questo.


Chiedo per tanto a chiunque di non cambiare alcun senso alla preghiera, nemmeno se questo venisse da qualsiasi esponente della chiesa. Sappiamo bene quanto Bergoglio ha fatto ai danni dell'ordine dei Francescani dell'Immacolata, per qualsiasi motivazione avesse avuto, per cui non temete che il Signore ci proteggerà, nemmeno se da esso dovessero muovere scomuniche, Dio penserà anche a questo.


E ricordate, che chi scomunica un altro uomo per ingiusta causa, la sua scomunica ricadrà su se stesso, una scomunica non ha effetto se Dio non la benedice. Personalmente Chiedo agli ortodossi e a quanti vogliano unirsi in questa battaglia, di applicare la stessa cosa, visto che anche voi siete figli di Cristo Nostro Dio. Per cui chiedo a tutti di rendersi ognuno artefice della propagazione di questa preghiera, così come è stato chiesto, per cui per non urtare la sensibilità di altri recitatela nelle vostre famiglie e/o in gruppi di preghiera e nei luoghi preposti alla fede, questo è il tempo del coraggio ma anche della prudenza. Dio ha bisogno di vivi e non di morti. 


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Link per aderire su facebook: Rosario Crociata

lunedì 18 luglio 2016

MESSAGGIO CRIPTICO MA NON OSCURO

C'È  DA FARE, MOLTO DA LAVORARE

fontefoto


Circa un mesetto fa, durante la messa del 18 giugno Sabato, Gesù come al solito mi parla e mi dice una frase semplicissima ma di grandissimo significato, estremamente vasto, ma ovviamente bisogna anche saper interpretare le parole con esattezza.

Gesù : "c'è  da fare, molto da lavorare"

Questa frase cortissima è tipica del linguaggio di Dio, essa in se stessa racchiude un senso vasto, un significato profondo.

Ora spiegare l'esatto senso del messaggio lo potrei fare, però visto che c'è tanta gente desiderosa come al solito di leggere e copiare penso che ne darò solo un senso generale e non dirò nulla sul discorso temporale, per non dir ad altri soggetti quanto tempo ci rimane, prima di un determinato evento, visto che tutti vogliono sapere sopratutto questo. 

Prima di tutto chiediamoci perchè usare questi due verbi

FARE E LAVORARE.

Sono due verbi che richiamano l'inizio dei tempi. 
Perchè dico l'inizio dei tempi, perchè nel momento della creazione furono usati solo un tot numero di verbi, non tutti quelli esistenti che si rifanno ad altri e poi questi ai altri ancora a ritroso nel tempo fino a pochi verbi, che sono quelli che identificano esattamente l'identità di Dio, cioè le sue prerogative fondamentali, mettiamola così, per non dirvi null'altro. 

FARE  indica un azione del creare. 
LAVORARE indica  l'azione del produrre, cioè portare frutto, ha in se anche il senso di generare. 

Creare e generare potrebbero aver un senso simile ed invece non è così. 

Nella realtà di Dio, tutto si muove mediante il VERBO  che non è solo la parola ma realmente l'uso del verbo, cioè di verbi, ma solo e solamente con alcuni verbi che sono fondamentali dai quali si ottiene il potere. Potere che produce e crea, dissolve, distrugge etc.

Ora dirvi quali sono questi verbi non li dirò!
Oltretutto non funzionano detti con le nostre lingue moderne o antiche, dovremo conosce la primigenia lingua, che nessuno conosce per ottenere quello che si desidera. 
Le preghiere ricche di verbi, anche se non sono quelli originali dell'origine, ma comunque sia svolgono lo stesso una certa azione, minore sicuramente, per quello bisogna ripetere molte volte le preghiere e per molto tempo, prima di ottenere qualcosa.

Andiamo avanti.

C'è da FARE, indica che bisogna agire, operare, modificare, cambiare, ma cosa intende dire con questo, intende dire che c'è bisogno di attuare delle strategie al fine di portare a casa un risultato, c'è da cambiare qualcosa, da far capire qualcosa, c'è da spiegare qualcosa, c'è da riportare all'origine quello che stato mutato, stravolto nel corso del tempo, c'è da rivelare, c'è da chiarire, c'è da precisare, c'è da porre ordine, ci sono da fare molte cose. 

MOLTO DA LAVORARE  in questo caso mi chiede che bisogna che gli dia una mano a cambiare la realtà, quindi lavorare cioè cambiare cose, cambiare le persone, bloccare, intervenire, cambiare mutare. Un artigiano quando forgia un vaso, fa un lavoro ben preciso di plasmare l'argilla, un falegname plasma il legno, nello scolpirlo, un pastore porta al pascolo le greggi e le accudisce, un ingegnere lavora con la mente, mentre tenta di ottenere un risultato, modifica la materia; e così chiunque altro.  

Diciamo che Dio vuole intervenire, e lo farà, che l'uomo lo voglia o no! 

Qualcuno si chiederà ci vorrà molto tempo, dipende! Il tempo è relativo. 

Dio non ha fretta come crediamo noi, anzi tutto il contrario.
Chi ha fretta è colui che sa che non ha più tempo.
E sarà lui ad accorciare il tempo.

Il messaggio è tanto interiore quanto esteriore, è tanto spirituale quanto terreno. 

Ho solo detto qualcosina...

lunedì 11 luglio 2016

Non pronunciate invano il nome di Dio!



Non pronunciate invano il nome di Dio!







Perché in Israele era fatto divieto l'uso del nome di Dio?

Gesù oggi durante la messa me l'ha spiegato, questo motivo è nato per una domanda che ho posto al confessore, ma esso non ha saputo esattamente darmi una spiegazione. Per cui poi durante la messa, come solitamente avviene il Signore m'ha spiegato, l'esatta motivazione.


Quando vi dico non bestemmiate ho le mie giuste ragioni, ma voi faticate a capire.


Io sono il Signore, tuo Dio, IO sono colui che è, Io sono !"


Ci fu un tempo che il popolo d'Israele faceva gran uso dei Santi e Sacri Nomi, sia nelle funzioni che invanamente, pronunciando anche bestemmie come avviene ed è avvenuto in ogni tempo e certamente non finirà. Per cui qualcuno saggiamente decise d'imporre al popolo tutto, di far dimenticare i Sacri Nomi, per non far più offesa alla Maestà del Padre Mio e a Me che sono in Lui.

La bestemmia è un atto di peccato gravissimo, contro il Padre Mio, lo Spirito Santo e Me, è grave anche contro la Mia Santissima Madre.
Ma anche il maligno può suscitare una bestemmia in voi, involontaria, tentando di farla divenire volontaria, è sempre lui che fornisce alle vostre menti quelle parole che diventano bestemmia e se non fate nulla per resistergli nel pronunciarla, vi fa commettere peccato, perché basta poco, che voi cadiate nella sua rete.

Spesso coloro che sono a me dediti, cioè quelli che un giorno potranno divenire santi, spesso durante la loro vita e giornata il maligno suggerisce loro parole quando esso vede nelle loro menti presentarsi un Nome Sacro. Egli velocemente con un guizzo, aggiunge nella mente delle parole che non provengono da costoro, con il risultato che si genera una bestemmia, e costoro sentono nella loro mente qualcuno che bestemmia. Non sono costoro a desiderare la bestemmia, ma il maligno che li tenta, esso non pronuncia mai di sua spontanea volontà i sacri nomi, per cui usa questo stratagemma, costoro invece forti nello spirito si ribellano subito opponendosi, a questo pensiero non loro, e rispondono al maligno, con una preghiera per allontanare da loro il pensiero che è stato loro suggerito. Così avviene anche per tutti gli altri, chi non è addestrato alla preghiera, e a resistere a questi attacchi demoniaci si lascia prendere e pronuncia senza quasi volontà la bestemmia, producendo un grande peccato, perché affermato con volontà.

Per questo al popolo d'Israele imposero di non nominare i nomi sacri.
E questo dico a voi, fate attenzione perché i demoni sono subdoli, viscidi e rapidi nei loro intenti. 
Lo dico anche per coloro che sono a me asserviti, che non dovrebbero mai e poi mai aver nelle loro bocche la tendenza alla bestemmia. Se siete stati a Me consacrati, dovete voi stessi farvi forti, nella lotta contro la tendenza generale di questo mondo, che oggi più che mai bestemmia con impressionante facilità.


E ricordate che Io vi perdonerò per le bestemmie che  avete involontariamente riversato contro di Me, il Padre Mio e la mia Santissima Madre; ma se non chiedete perdono, neppure quelle volontarie saranno a voi rimesse. Ricordate che l'unica bestemmia che nessuno vi toglierà sarà quella contro lo Spirito Santo, quindi attenti alle parole che affermate, per essere bestemmia essa deve passare per la volontà che la rende azione, altrimenti rimane solo un pensiero, che è meno grave di una un azione. "


domenica 10 luglio 2016

Gesù ci dice come si ottiene la vita Eterna!

Cosa bisogna fare per ottenere la vita Eterna!



Messaggio di oggi 29 Luglio 2016, 12:15

Sulla parola del Vangelo di questa mattina il Signore ha fatto una precisazione.



In tanto riporto il passo di oggi.

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Luca 10,25-37.
In quel tempo, un dottore della legge si alzò per metter alla prova Gesù:
«Maestro, che devo fare per ereditare la vita eterna?».
Gesù gli disse: «Che cosa sta scritto nella Legge? Che cosa vi leggi?».
Costui rispose: «Amerai il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua forza e con tutta la tua mente e il prossimo tuo come te stesso».
E Gesù: «Hai risposto bene; fa' questo e vivrai».
Ma quegli, volendo giustificarsi, disse a Gesù: «E chi è il mio prossimo?».
Gesù riprese: «Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gerico e incappò nei briganti che lo spogliarono, lo percossero e poi se ne andarono, lasciandolo mezzo morto.
Per caso, un sacerdote scendeva per quella medesima strada e quando lo vide passò oltre dall'altra parte.
Anche un levita, giunto in quel luogo, lo vide e passò oltre.
Invece un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto lo vide e n'ebbe compassione.
Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite, versandovi olio e vino; poi, caricatolo sopra il suo giumento, lo portò a una locanda e si prese cura di lui.
Il giorno seguente, estrasse due denari e li diede all'albergatore, dicendo: Abbi cura di lui e ciò che spenderai in più, te lo rifonderò al mio ritorno.
Chi di questi tre ti sembra sia stato il prossimo di colui che è incappato nei briganti?».
Quegli rispose: «Chi ha avuto compassione di lui». Gesù gli disse: «Va' e anche tu fa' lo stesso».

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Prima, vediamo di chiarire alcuni aspetti che sempre vengono tralasciati, perché definiti non importanti o secondari, ma questo è errato.

La risposta di Gesù non è io vi dico, ma cosa sta scritto nella legge. Gesù riporta semplicemente quello che nella legge del Padre Suo era già conosciuto, non dice nulla di nuovo e nulla di più che non fosse già conosciuto da tutto il popolo d'Israele. Non è una parola nuova ma ripete semplicemente la parola già esistente. Il teologo risponde a Gesù ripetendo a pappagallo quello che la legge contiene, non dice nulla di suo e nulla di più. Ovviamente Gesù risponde con verità, il dice “«Hai risposto bene; fa' questo e vivrai»” sta ad intendere che ha riportato giusto, con le giuste parole, come scritte nella legge.

L'esempio che Gesù fa nel racconto, sta ad indicare che il prossimo è chiunque s'incontra nella vita di tutti i giorni, dallo povero al ricco, non c'è differenza, il Signore non guarda ne al colore della pelle, ne alla sua ricchezza o povertà, nemmeno la religione, ma semmai guarda al cuore di colui che si appresta a dar soccorso. 



Ma il Signore mi ha fatto una precisazione a tutto questo discorso e che va oltre ad esso.

Dice:

Non praticate la pietà solo perché vi ho detto che otterrete la vita eterna, perché in questo caso la perderete.

Molti in ogni tempo hanno creduto che il mio parlare, fosse inteso come un obbligo, come se Io, indicassi nel mio pronunciarmi una qualche forma di imposizione per giungere alla vita Eterna. No!

Non obbligo nessuno a credermi per costrizione, non impongo a nessuno la mia volontà, siete liberi di decidere senza vincoli, sé credere in me o no!

Ho solo fatto la volontà del Padre Mio che mi ha mandato, facendo le Sue Opere e le Mie.

Ma il Mio parlare non è una costrizione, non impongo nulla a nessuno, avverto che se non si fa quello che affermo, non avrete la vita eterna.

Voi dovete muovervi a pietà del prossimo, per vostra volontà e vostro desiderio, non perché Io ve l'ho detto.

Io voglio vedere in voi verità, onesta, nel fare e nel muovervi a pietà verso il vostro prossimo, non voglio vedere che quanto fate, lo realizzate perché avete come metro la salvezza eterna, No!

Voglio che voi crediate e siate quello che sentite di essere in quel momento, non voglio figli, che fanno tutto ciò solo perché io ve lo ho detto, No!

Voglio da voi la verità e la sincerità, cioè desidero che il vostro muovervi verso il prossimo non sia dettato dalle mie rassicurazioni di una vita eterna, ma sia dato dal vostro amore per il prossimo, da un vero sentimento di bene, di compassione, di misericordia; altrimenti voi agite solo per fatto di ottenere la vita eterna e non per vera motivazione e sentimento profondo verso il prossimo.


Quindi non pensate che io vi darò la vita eterna solo perché ve l'ho promessa, se farete quanto vi ho annunciato, ma se lo farete con spontaneità, senza pensare di ottenere la vita eterna, senza pensare di ottenere un guadagno, un beneficio da me e senza chiedere a me nulla Si! Altrimenti vi dirò via da Me, non siete degni di Me. Come io ho fatto tutto per voi, senza chiedervi nulla in cambio, così voi dovete far per Me tutto senza chieder nulla in cambio, neppure la vita eterna. “


I santi sono importanti, ma Dio lo è di più.

L'uomo non si accontenta mai delle parole di Dio, e con il suo pensiero crede e pensa di dire meglio di Dio. Premessa, il te...