sabato 27 agosto 2016

IL FUOCO E DIO!

IL FUOCO E DIO!




Un giorno il Signore mi raccontò una storia, curiosa, ma con un senso molto profondo e chiede a me di spiegarla. Non so se ci riuscirò.

Dice il Signore:” Un bambino vede la mamma fare un bel falò, rimane meravigliato del fuoco e dice alla mamma, tutto contento:

“come fa il fuoco che scalda tutti a scaldare se stesso?”
E la mamma gli risponde:” il fuoco non ha bisogno di scaldarsi, è fuoco!”


................................

Ma l'espressione del bambino cosa voleva intendere?
L'espressione parla del fuoco come un entità viva, energetica, personale, come se il fuoco fosse uno spirito e in certo qual senso lo è. Il fuoco è una forma di plasma direbbe la nostra scienza, ed è vivo perché esso si scuote, se c'è aria o per altri effetti, ma il bambino voleva questa risposta? No!

Il bambino mirava nella sua innocenza a qualcosa di ben diverso, “come fa il fuoco che scalda tutti a scaldare se stesso?” come dire se io faccio una cosa come faccio a farla se in me non c'è nulla?
La faccio perché in me c'è qualcosa che me la fa fare, qualcosa che produce e spinge la mia mente a farla, il fuoco per il bambino ha un idea personale, una mente che comanda, una forza che riscalda, una volontà, qualcosa che lo muove a portare e donare calore agli altri, non pensa di scaldare solo se stesso, scalda anche gli altri. Ma estendendo ancora di più il concetto potremo dire come fa lo spirito ad essere tale? Perché nello spirito c'è Dio che lo sostiene che è come il fuoco che sta in esso, in breve Dio è la fiamma che anima il fuoco, e ogni anima, Dio è il fulcro di ogni cosa, senza la sua presenza, nemmeno il fuoco potrebbe scaldare, nemmeno il fuoco esisterebbe, ma volendo spingersi ancora più in profondità si arriverebbe direttamente a Dio, perché la storia che sembra assurda in realtà non parla del fuoco ma di Dio, Egli scalda tutti, ma Dio chi lo scalda? Lo scalda il nostro amore, siamo noi sue creature che scaldiamo il cuore di Dio, tutte le sue creature riscaldano Dio, tutte le creature danno forza a Dio, per quello che la Madre del Verbo dice sempre, dovete pregare, perché la nostra preghiera da forza a Dio, non perché Egli non ne abbia bisogno, ma questa energia che noi gli mandiamo è un fuoco per Dio che lo fa sentire bene, che lo rende felice, che gli fa dire l'uomo è ancora degno di essere mio figlio!


Quando il mondo perderà il fuoco che tiene viva la fiamma d'amore verso Dio, ecco che il mondo è ad un passo dalla sua fine.  

Gesù poi rispose: "alimentate con il vostro fuoco il fuoco di Dio così Io e il Padre mio vi concederemo ancora molto .

...............................................


Questa parabola che GESÙ mi disse, ha in se anche un altro aspetto, spesso l'innocenza dei bambini rivela la natura di Dio; il genitore da al bambino una risposta umana, plausibile, naturale, scientifica, quando spesso i figli di tutti, chiedono a i loro genitori cose ben più elevate delle banali risposte che noi umani siamo abituati dare, perchè conformati dagli studi che facciamo, e indottrinati in sentieri e percorsi di vita, astratti e fortemente legati a questa dimensione umana.
Spesso un bambino è molto più acuto e profondo di quanto lo sia un adulto, perchè in esso abita Dio, perchè il bambino quando è puro è lo specchio di Dio, Egli l'Altissimo si specchia nella loro innocenza, Esso vede se stesso in loro, per questo, queste piccole creature che appaiono indifese spesso dicono a noi cose che tal volta appaiono assurde, ma se scrutiamo bene in profondità cosa essi ci raccontano scopriremo un mondo a noi ignoto.
Impariamo ad ascoltare i nostri bambini e rimaniamo noi bambini, sopratutto perchè Gesù disse "che nessuno entra nel regno dei cieli se non è puro come bambino", se non è candido innocente, se non è specchio di Dio, dove Dio si possa specchiare.

L'espressione di Gesù quando dice "chi vede me vede il Padre che è in me", è allusiva  a questo specchiarsi, Gesù si specchia nel Padre e il Padre in Lui, è un riconoscimento del Padre nel Figlio e viceversa.





SATANA PUO FARE MIRACOLI?

SATANA PUO FARE MIRACOLI?






La risposta immediata è certamente si!
Il motivo sta nel fatto che egli essendo stato un angelo conosce le tecniche o la tecnologia per compierli, cioè può farli come e quando era un angelo, la sua conoscenza non è cambiata è rimasta tale e quale nessuno gli ha sottratto la conoscenza della scienza, per cui egli può far tanto.

Ora perché li farebbe?
Beh le motivazioni sono tantissime, prima di tutto per rapire e ammaliare la povera gente e camuffarsi in angelo di Luce, riceve acclamazioni e farsi adorare, che è la sua mira esaltante, ma come conseguenza quella di rapire ed affascinare gli esseri umani che anche scioccamente cadono nella sua rete, senza una volontà diretta.

E come può agire?
Avendo esso molti operatori suo servitori sia volontari che in volontari, alle volte appaiono anche apparentemente buoni e santi, molti di questi si celano all'interno dei palazzi del potere anche della chiesa, e come disse lui stesso in noti esorcismi, li chiama i suoi netturbini preti, che non credono più in Cristo e nemmeno in satana, ma è questa la sua astuzia, far perdere la fede a specialmente ai preti che rinnegando l'esistenza di satana, rinnegano pure Dio. Chi non crede in satana non crede nemmeno in Dio è una consequenzialità. Ma ci sono anche dei cristiani che vengono ingannati dal maligno e loro stessi ingannano altri, questo fa si che il maligno agisca mediante questi, portando una tale confusione tra i credenti che questi non capiscono più, specie quando questi cristiani si ergono a difensori della fede o a testimoni di Cristo. Satana usa falsi veggenti e falsi maestri per ingannare il popolo cristiano, ma per arrivare a ottenere un inganno perfetto esso deve operare bene l'inganno e agire in senso “positivo” verso questi credenti di Cristo, tanto da attuare anche miracoli, guarigioni, e ogni altra cosa sia ad esso possibile, ovviamente nessun credente in Cristo saperà da chi ha ricevuto il miracolo. Ma questi “miracoli e portenti” particolari avvengono solo se il falso veggente porta al mondo una parola difforme dalla parola lascia da cristo, un esempio ci sono veggenti attualmente che sostengono che Dio è favorevole per l'unione di tutte le fedi sotto un unico culto, questo non è parola di Cristo, ma di satana per cui per far in modo che la gente creda che ciò venga da Cristo esso compie dei miracoli, ovviamente non rivelandosi, altrimenti cade il palco e si svela l'inganno. Ma la gente in questo modo crede che cioè che taluni veggenti asseriscono sia la verità e essi stessi, credono di essere presi da Dio.

Cristo disse, “che satana può fare grandi miracoli e portenti sul mondo, ma esso non può adombrare la potenza di Dio,” cosa significa questa semplice frase, vediamo di spiegarla.

Qui gli elementi interessanti sono miracoli, portenti, adombrare.

Ora la più importante di tutta la farse “non può adombrare”, cosa sta ad indicare.
Si comprende bene che satana ha un potere veramente enorme, la parola stessa “non può” indica che gli viene impedito di adombrare Dio. Cioè che il suo potere è inferiore a Dio, per cui non arriva fino a Dio, ma indica anche, che è molto potente, tanto che da arrivare molto vicino.

La stessa parola "satana" indica l'avversario e l'oppositore; per essere un avversario, bisogna poter competere con chi si avversa, e aver un potere sufficientemente grande da poter tentare di adombrare Dio. Quando in uno scontro, in una guerra ci sono due avversari uno è sempre più potente dell'altro è difficile che essi siano alla pari, per cui quello inferiore tenta di sovrastare con l'astuzia, la furbizia, la sagacità, l'inganno, etc. quello più potente, qualche volta se è molto bravo nell'arte della guerra potrebbe anche riuscirci, in un espressione della Madre di Dio che disse, “possiamo anche perdere la battaglia, ma non la guerra”, fa capire che il demonio è molto potente, molto astuto, molto pericoloso, ma se la Madre di Dio perdesse la Battaglia, la guerra seguente la vincerebbe Dio, perché userebbe direttamente il suo potere cosa che attualmente vuole evitare, quindi indica nella frase della Madre di Dio, che satana è molto ponente ma quando in Fatima dice, io uscirò vittoriosa, Essa sa già che Ella vincerà, ovviamente sta molto anche a noi aiutarla affinché essa sia vittoriosa, per questo chiede preghiere e digiuni non tanto dal cibo, quanto dal peccato.

Quindi dire che non può adombrare sta ad indicare la potenza di questo demone è assai elevata e molto molto pericolosa, tanto che è capace di fare anche miracoli e portenti. 

Ora cosa sono i portenti? Sono eventi di natura soprannaturale di portata enorme, precisamente manifestazioni di natura soprannaturale che diventano terreni, cioè materiali, come possono essere le trasmutazioni da energia e materia, come creare un oggetto materiale dal nulla, che dall'impressione di non di essere di questo mondo, che non si distrugge, oppure anche controllare gli oggetti, cose, animali, etc. Insomma cose che desteranno meraviglia tra gli uomini, stupore e affascineranno molti., quindi cose straordinarie.

Quanto potranno durare questi effetti? 
Miracoli e portenti, dipende quanto Dio permette, quanto Dio lascia fare, senza limitarne il potere. Può anche accadere che un miracolo fatto dal maligno, possa durare tutta una vita, oppure possa durare poche ore, minuti. Ovviamente ciò dipende anche dal fatto cosa Dio vuole ottenere e permette al maligno di agire in questo modo. 
Cioè qual'è il fine di Dio!

Ci sono un infinità di modi per cogliere in trappola uomini, donne e satana è il più bravo maestro di tutti, per cui se l'uomo non apre bene gli occhi, le orecchie e tutti sensi, oltre che far buon uso acuto dell'intelligenza e schiude l'anima, esso non riuscirà mai a vedere oltre la soglia, non potrà mai capire come e in quante cose satana agisce verso l'uomo.


Chi ci guadagna?
Dipende sempre dalla volontà superiore di Dio perché indubbiamente è Egli che controlla tutto, permette e non permette, lascia fare per vedere se e cosa l'uomo riesce a fare con le sue sole forze. Quindi l'essere umano è sempre sotto prova, non tentazione!


Chi ci guadagna è solo satana alla fine fine, ma prima che lui ci guadagni, altri ci guadagnano sotto la sua spinta di ricchezza e agiatezza, vedendo il bene degli altri anche questi lo desiderano, per cui basta che si faccia spazio questo insaziabile desiderio, che il gioco è fatto.....Lo scopo di Satana è allontanare l'uomo da Dio e portarlo a se stesso, quindi esso agisce molto nell'uomo, e ha un gran lavoro ogni giorno e ogni istante, basta veramente pochissimo, per farsi tentare anche per cose veramente da poco.


E per queste ragioni che bisogna ben guardarsi dai falsi profeti e dai falsi maestri, che sembrano santi, ma santi non sono. Un vero profeta, non riceve ne chiede danaro, e chi glielo offre sempre lo rifiuta dicendo, di darlo hai poveri, di donarlo a chi ne ha bisogno, e un vero profeta vive di poco, si adatta, vive nella castità e non si sposa mai, perché Dio toglie ad esso/a qualsiasi desiderio di essere sposo o sposa, ma solo sposi di Cristo.

E se non vuole o non riesce a divenir di Cristo per degli impedimenti, rimane a vita privata, e non si accompagna con nessuno, ma fa della sua vita un santuario.

Se il veggente non diventa santo, che veggente è?
Esso è preso per essere un esempio tra gli uomini, perché deve portare la parola di Cristo come Egli la lasciò e non cambiarla come qualcuno vorrebbe, inserendo cose inimmaginabili, anche fuori dalla volontà di Dio.

Oggi giorno diventa sempre più chiaro il divario tra chi crede senza aver visto e chi crede avendo visto, oggi giorno i primi sono i veri credenti, i secondi sono i fortunati, ma questi sono anche quelli che vengono maggiormente tentati e alle volte cadono, ma se cadi poche volte, è passabile ma se cadi tutti i giorni no!

Oggi giorno è importante la fede, e non più tanto il miracolo.
Diventa essenziale il credere con certezza matematica in chi, non si è mai visto prima, aver una fede oggi significa essere veramente convertito e non solo a chiacchiere, conoscere bene la parola di Cristo ed applicarla e non solo perché la domenica si va a messa, ma perché si ama capire e conoscere.


La prova è una azione di Dio, la tentazione è una azione del maligno. qui sta la differenza, è solo e solamente il maligno che tenta l'uomo, cioè lo induce in tentazione, Dio non induce nessuno in tentazione, altrimenti l'azione del maligno sarebbe vana. 
Dire che Dio induce l'uomo in tentazione è far bestemmia verso Dio e anche in questo il maligno gongola, perchè la frase detta nella preghiera più importante della cristianità, il Padre Nostro distrugge di fatto la stessa preghiera e la rende inutile, infatti guarda caso, negli esorcismi un Padre Nostro ha un efficacia quasi nulla rispetto ad un Ave Maria, quando il Padre Nostro se non detto con la formula dell'indurci in tentazione acquista tutta la sua potenza. 

Quindi il maligno gioca d'astuzia, sempre? si!. 
Sia con i veri o falsi veggenti, che con gli esegeti, con i teologi e alle volte anche con i santi poco attenti, che pensando di essere saggi pensano con la loro mente, come fu il caso di S.Agostino che venne richiamato da un angelo bambino, questi sono i soggetti molto più attaccati da Satana, perchè sono anche quelli che se operano bene, creano ad esso grandi danni. 

Non che il comune mortale non lo è, ma bisogna far distinzione, subito dopo codesti eletti del Signore, vengono i comuni cristiani, e successivamente tutti gli altri, ma dir il vero gli atei e coloro che appartengono ad altre confessioni religiose, cioè Ebrei, islamici, buddisti, ecc, sono per satana poco importanti e spesso li lascia in pace, perchè costoro non sono i rappresentanti in terra di Cristo ne sono i suoi credenti, per cui Satana colpisce tutti i credenti Cristiani, perchè li odia terribilmente, ma questo da a noi cristiani un vantaggio su tutti gli altri, quello che se ci comportiamo bene, saremo salvati da Cristo, a dispetto di tutte le altre religioni del mondo, che ahimè sono destinate ad essere preda di satana. 

Quindi non stupitevi, se satana ve ne fa passare di tutti i colori, e se si presenta a voi, o se vi trae in inganno, perchè noi siamo Cristiani e siamo a Dio preferiti. 

Però dovete far attenzione che satana essendo agguerrito contro di noi, troverà tutti i modi per ingannarci e portar lontano da noi, la nostra fede colpendoci in mille modi diversi. 
Non dimenticarsi mai che Egli è l'ingannatore perfetto, il re della menzogna, e colui che userà qualsiasi astuzia per trovarvi impreparati. 

Quindi studiate bene la scrittura, imparate tutto e di più e non accontentatevi delle briciole, la conoscenza non è di solo appannaggio del clero, ma di tutti i credenti in Dio e nel Suo Cristo.  Il migliore esorcista è colui che conosce meglio la realtà soprannaturale e quella naturale e la mette in pratica per il bene del mondo e non proprio, così sono i profeti, e ogni altro che vuole essere di Cristo. 

Un profeta, un apostolo, un mistico, può nascere di Dio ma poi potrebbe diventare servo di satana, quindi fate attenzione, perchè la trappola può sempre celarsi in quello che appare giusto, buono, onesto, ecc. 





martedì 23 agosto 2016

RICHIAMATE CHIUNQUE FACCIA PECCATO!


RICHIAMATE CHIUNQUE FACCIA PECCATO!
E' UN VOSTRO DOVERE DI CRISTIANI.



La Madre del Verbo risponde:

Molti anni fa feci alcune domande alla Madre di Gesù, su diverse cose, sapete com’è le persone sono curiose, io molto di più di tanti altri, per cui pongono una quantità immensa di domande.

1.       Madre tu preghi?
2.       E Gesù prega?
3.       Gli angeli pregano?


Premessa importante, molti pensano che la Madre di Dio , Gesù Nostro Signore,  il Padre Celeste, dicano sempre Caro figlio, o altre cose, questo è assolutamente falso, non sempre usano questa parola per iniziare un discorso, molto spesso la loro risposta è diretta, come noi parliamo tra di noi, coì fa Lei o Cristo o il Padre.

1.                 Madre tu preghi?
Il mio pregare è diverso dal vostro, essendo io figlia, sposa e madre di Dio, non prego come pregate voi, con le vostre preghiere. Il mio pregare è una supplica a mio Figlio, è un glorificare il Padre Celeste, ma non prego con le preghiere che avete voi, sono le opere che per noi contano molto, sono quelle che diventano preghiera al cospetto di Dio, il pregare degli angeli è spesso un canto di gloria. Le creature celesti cantano di gioia dal Padre al Figlio e allo Spirito Santo e a Me madre del verbo.  Ascolta figlio prendiamo la preghiera che il mio Gesù vi lascio, tu scrivila, corretta:
Padre Nostro che sei nei cieli
            Tutte le creature celesti lo dicono

Sia santificato il tuo nome
            Tutte le creature celesti lo dicono.

Venga il tuo regno
Questo nessuna creatura celeste lo dice, perché riferito alle creature umane che appartengono al mondo del visibile. Tutte le creature invisibili, cioè immortali, vivono già presso il regno di Dio.

Sia fatta la tua volontà
            Tutte le creature celesti lo dicono

Come in cielo e così in terra
Tutte le creature celesti lo dicono, perché si chiede come la sua volontà sia presente in tutto l’universo invisibile e visibile.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano
Questo nessuna creatura celeste lo dice, perché noi abbiamo già il pane cioè Cristo, siamo immersi in lui e viviamo il Dio, altro non ci serve.

Rimetti a noi i nostri debiti
Questo nessuna creatura celeste lo dice, noi non abbiamo debiti, ne peccati, viviamo costantemente nell'amore di Dio e siamo santi tutti, con diverso grado.

Come noi li rimettiamo ai nostri debitori
           Questo nessuna creatura celeste lo dice.

Preservaci dalle tentazioni
Questo nessuna creatura celeste lo dice, tanto meno la versione indurci che è una bestemmia gravissima alla Trinità, noi siamo creature immerse in Dio, non siamo e non veniamo tentate mai, il peccato per le creature celesti non esiste, sappiamo cosa sia, e conosciamo bene ogni suo aspetto, ma nessuna tentazione può venire a noi.

Liberaci dal male.
Questo nessuna creatura celeste lo dice, nessuno creatura celeste teme il maligno, perché esse anche le più piccole sono ad esso superiori. Nessuna creatura celeste teme il male, anzi è il male a temere noi, tutte le creature di Dio, sono in Dio ed è Dio che portiamo con noi che ci libera e ci rende perfetti, per cui in noi non può albergare il male, siamo esseri di energia di luce, puri spiriti siamo intoccabili, ed immortali, come un giorno alcuni di voi lo saranno.

Per cui figlio come potrei recitare il Padre Nostro, se non nelle parti sopra dette, altro non posso dire. Se io come figlia, sposa e Madre del Figlio e del Padre dello Spirito Santo, pronunciassi questa preghiera nella condizione in cui sono, farei peccato contro il Padre celeste e il figlio e spirito Santo, per cui essa è per voi, non le creature Celesti, mio figlio ve la insegno, finché era tra voi in terra nella forma carnale di figlio, ma nella sua forma Divina, non la pronuncia, perchè pregherebbe se stesso che è nel Padre. Nessun uomo o donna può dire che io la Madre del Verbo prego con questa o altre preghiere, perché sta mentendo, o non sa che ciò non è possibile, per cui mente sempre. A coloro che io appaio veramente non potrei mai pregare con essi, con le preghiere che voi andate esprimendo verso di Me e verso il Figlio e il Padre Nostro e lo Spirito Santo.


L’ave Maria, è una bella preghiera che voi avete composto sulle parole che sono rimaste a testimonianza nel vangelo, ma Io non potrei mai pregare con essa, nessuno essere celeste prega se stesso.


Il Gloria al Padre, al figlio e allo Spirito Santo. È una preghiera di ispirazione divina, ma anche questo, non prego perché lo Spirito Santo è in Me, chino il capo quando voi dite gloria al Padre e al Figlio, e li mi fermo.
Nessuna altra preghiera che voi avete io posso dire, tranne quella che io dettai a te, un semplice inno che recito al Padre Celeste.

2.                 E Gesù prega?
Mio figlio, non prega nessuno, perché esso è nel Padre, Egli supplica il Padre di concedergli alcune grazie, ma più di questo non fa, quello che Lui fa, come ogni altro essere celeste fa, è dare al Padre è un immenso amore, più di così non potrebbe fare, dare tutto l’amore corrisponde pregare, Egli come figlio del Padre, riconosce il Padre come fa qualsiasi figlio umano, anche prostrandosi se occorre, ma ciò è una rarità, perché il Padre Celeste non vuole, per quanto Amore Egli da ed infonde in tutte le sue creature, io sempre m’inchino al Padre Celeste, come ogni essere sottoposto a Lui, perché Egli è la vita di tutto è da Lui che tutto origina e dal Figlio Mio prima di ogni tempo ed io gli fui madre, prima di esserlo sulla terra tra voi.

3.                 Gli angeli pregano?
Ogni creatura angelica dedica al Padre inni di gloria e di gioia, il loro pregare è diverso da vostro, essi sono i servitori del sommo Re della gloria, essi sono liberi nel loro agire, ma sono ben contenti di esserlo, perché da Dio ricevono tutte le grazie che possono aver bisogno, per cui per ognuno di loro prostrarsi a Dio è la cosa più bella che possono fare, Egli li ringrazia dandogli ogni cosa serva a loro.
Anche le anime umane che diventeranno celesti, pregheranno con gli stessi inni degli angeli, e con preghiere che l’uomo non ha mai sentito sulla terra, salvo qualche raro caso. Verranno ripetuti i salmi più belli a gloria e onore a Dio, nella sua Trinità Eterna.

Figlio, chi dice che il Padre Celeste, Dio onnipotente ed Eterno prega sta bestemmiando gravemente e rischia la vita eterna.

Figli, non immaginare che io prego, e non vi inventate queste cose, per accreditarvi un valore presso gli uomini, perché il figlio mio ha dato ad alcuni figli la capacità di vedere chi mente e chi sconvolge la parola santa.

Figlioli, ascoltate se sentite qualcuno che dice che io, il figlio Mio, il Padre Mio, lo Spirito Santo pregano avete il compito e il dovere di richiamare chiunque fa ciò, soprattutto in pubblico, anche fossero preti, profeti  o chiunque, non potete esimervi dal tacere, chi lo fa è complice di quel peccato, come per ogni  altro peccato.



Preghiera che la madre di gesù mi disse:

link: Qui

 L’Inno che la Vergine Maria dedica a Dio Padre.

Splendida preghiera che la Vergine S.S. ci dona !

Amatissimo Padre Mio, Io canto soavemente la Gloria Tua, sopra tutti gli esseri viventi e santi, tu che mi hai voluta come Madre, Figlia e Sposa Tua, per farti da Madre. Tu che abiti in Me, con l’ardente Tuo cuore.
Io mi commuovo al sol vederti tutto il mio essere esulta, ogni battito del mio cuore mi riempie di te, mio dolce Padre.



sabato 20 agosto 2016

Chi non prega non mi ama!


Chi non prega non mi ama!


Messaggio 18 agosto 2016

Gesù:


Molti mi dicono Signore, io sono disperato, non so cosa fare della mia vita, cerco in ogni dove ma non trovo nulla, nessuno mi aiuta, ma tu dove sei, esisti, io non ti vedo, ne ti sento.
E io vi rispondo, se non pregate come potete ottenere, come potete sentirmi?
Mettetevi in preghiera, chiudete le vostre mani tenendo tra di esse, Me.
Aprite a me le vostre porte, lasciatemi entrare ed io vi darò l'amore del Padre Mio che è nei Cieli che è in Me. Datemi voi stessi e avrete quello che è giusto secondo quanto il Padre Mio ha disegnato per voi. E se chiedete di più dovrete far qualcosa di più, ed io vi esaudirò; tutto è commisurato.

Pregate con qualsiasi preghiera, sono tutte belle le preghiere che vengono dal vostro amore per Me.
Pregate anche la mia Mamma, pregate anche mio Padre, ma pregate.
Chi non prega non mi ama e non si ama, ne ama il prossimo!
Imparare la costanza e fate sorgere in voi la volontà, questo sono le due piccole cose che servono, ma se non trovate tempo, per una piccola preghiera, non potete pretendere che io vi salvi, vi esaudisca.

Non fate entrare nei vostri cuori, pensieri malevoli ostili che fanno male a voi, dubbi, e perplessità su di Me, satana è sempre in agguato, qualcuno dice che io sia un illusione. Se io fossi un illusione, anche voi lo sareste, chiedevi invece chi impedisce alle stelle di andare errando, senza una metà e senza crear danno? Chi impedisce a loro di deviare dalle loro dimore? Chi sorregge l'universo da un eternità senza che esso si distrugga? Se l'universo fosse cresciuto come la vostra scienza crede, non ci sarebbe equilibrio e tutto colliderebbe, solo distruzione ci sarebbe nulla si sarebbe potuto creare di fisso e stabile. Io e il Padre ho fondato nell'universo pilastri stabili ed eterni, celati agli uomini, perchè esso non devii dal suo destino. 

Chi dubita di Me, non è degno di Me.




venerdì 19 agosto 2016

DIVIDERÒ LE PECORE DAI LUPI.

Cosa vale per me?




Gesù: 19 agosto 2016. ore 5:06

Cari figli,


Molti di voi, si chiedono cosa valga di più per Me.

Voi avete fatto nascere molti ruscelli dalla mia parola, alcuni sono diventati grandi fiumi, altri sono rimasti piccoli, altri ancora sono nati-morti. 
Litigate tra di voi, per imporre chi deve governare sugli altri, quello che deve essere il primo, senza accorgervi che così facendo create ancora più divisioni, malumori, odio e alimentate satana.
E mi chiedete cosa valga più per me? Non lo sapete cosa vale per me!!!
Per me non valgono i vostri concili, non valgono le divisioni nel mio ovile, non valgono le leggi che gli uomini si creano per gli uomini, per darsi statuti e fissare un governo di uomini anche nella mia chiesa, avete abbandonato lo Spirito per la carne e le futilità, siete cresciuti in orgoglio, invece di divenire miti e umili, avete aperto tutte le porte, ma tenete chiuse quelle del mio Verbo Santo. 
Per me vale solo quello che è la mia Parola, altro non me ne curo, sono cose vostre che avete creato voi, per voi, che volete dominare sul mondo dei morti e adattare il mio pensiero, al vostro, No figli, la mia parola è una ed immutabile, chi la cambia se ne assume le conseguenze, ma io solo sono il giudice.
Ma avete realmente capito cosa vi ho chiesto, cosa sono venuto a portare?
Cari figli degli uomini per quanto io abbia fatto, non avete ancora capito il mio messaggio.
Brancolate nel buio delle tenebre del peccato. 
Vi perdete, nelle cose del mondo, vi immergete in una realtà che potrebbe scivolarvi ogni istante dalla mani, e non vedete cosa vi circonda veramente! 
Cari figli, provate a vedere oltre la soglia,  provate  a cogliere i miei tenui bagliori di luce e ascoltate la mia voce che non volete udire. 
Siete come sordi e ciechi condotti da altri sordi e ciechi.
Cercate risposte nel mondo, ma non le trovate. 
Siete più attratti dal mondo che da Me e pretendete che vi dia tutto, quando voi non fate nulla perchè io mi accosti a voi.
Cercate e troverete, bussate e sarà aperto. 
Ma se nel vostro cercare e bussare non è insisterete nessuno vi aprirà.
Dissi fuori gli immorali, gli idolatri, i fattucchieri, i pagani, dal mio tempio Santo, invece voi cosa state facendo? Il contrario!
Dissi a Pietro va e cura l'ovile, ma voi cosa ne avete fatto di questo ovile?
Un covo di lupi rapaci, trasformate gli agnelli in lupi e le pecore sono allo sbando, perse in altri ovili che non sono il mio e quelle che sono rimaste, insegnate cose che non sono mie.
Recuperate le pecore prima che io decida di tornare, affinché sia buono con voi. 
Dividerò le pecore dai lupi ma non sarà indolore!



lunedì 15 agosto 2016

Preghiera per combattere le opere di Satana.

Preghiera ispirata da un angelo.


Preghiera per combattere le opere di Satana.









°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Oh Angeli e Santi istillate nel cuore degli uomini una goccia del sangue di Nostro Signore Gesù affinché tutti i demoni si allontanino dai loro cuori.

Oh Madre del Divin Figlio, istilla nel cuore degli uomini una goccia del sangue del tuo Gesù affinché tutti i demoni si allontanino dai loro cuori.

Oh Spirito Santo eterno amore, istilla nel cuore degli uomini una goccia del sangue del tuo Gesù affinché tutti i demoni si allontanino dai loro cuori.

Oh Figlio redentore del mondo istilla nel cuore degli uomini una goccia del tuo sangue affinché tutti i demoni si allontanino dai loro cuori.

Oh Padre d'Infinita Bontà istilla nel cuore degli uomini una goccia del sangue di tuo Figlio Gesù affinché tutti i demoni si allontanino dai loro cuori.


Pater, Ave, Gloria
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Oh Angeli e Santi istillate nel cuore degli uomini una goccia del sangue di Nostro Signore Gesù affinché provino vergogna dei loro peccati.

Oh Madre del divin Figlio, istilla nel cuore degli uomini una goccia del sangue del tuo Gesù affinché provino vergogna dei loro peccati.

Oh Spirito Santo eterno amore, istilla nel cuore degli uomini una goccia del sangue del tuo Gesù affinché provino vergogna dei loro peccati.

Oh Figlio redentore del mondo istilla nel cuore degli uomini una goccia del tuo sangue affinché provino vergogna dei loro peccati.

Oh Padre d'Infinita Bontà istilla nel cuore degli uomini una goccia del sangue di tuo Divin Figlio affinché provino vergogna dei loro peccati.


Pater, Ave, Gloria
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Oh Angeli e Santi istillate nel mio cuore una goccia del sangue di Nostro Signore Gesù affinché tutti io abbia una forte fede.

Oh Madre del divin Figlio, istilla nel mio cuore una goccia del sangue del tuo Gesù affinché io abbia una forte fede.

Oh Spirito Santo eterno amore, istilla nel mio cuore una goccia del sangue del tuo Gesù affinché io abbia una forte fede.

Oh Figlio redentore del mondo istilla nel mio cuore una goccia del tuo sangue affinché io abbia una forte fede.

Oh Padre d'Infinita Bontà istilla nel mio cuore una goccia del sangue di tuo Figlio Gesù affinché io abbia una forte fede.

Pater, Ave, Gloria

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°


Qui voglio precisare una cosa, le preghiere o gli esorcismi contro le opere di satana e contro ogni genere di demoni, non si fanno con l'intento di voler far del male al demone nel senso di ucciderlo, perchè uno spirito non muore essendo esso immortale, ma si agisce non nel male, ma nel bene dato che il male per un demone è in realtà il bene, si avete capito giusto, istillare in un essere umano qualcosa che appartiene al bene significa "uccidere" il male, soggiogarlo e allontanarlo, quindi il demone proverà grande dolore, grande sofferenza, perchè il bene è a lui ostile, e il demonio sfuggirà qualsiasi cosa sia fonte di bene, per cui come recita la preghiere che funge da esorcismo, istillare il sangue di Dio in un essere posseduto, funge come una condanna terribile, corrispondente ad una tortura eterna, quindi di conseguenza chiede di istillare il sangue, le lacrime, di Cristo ha proprio l'effetto di far fuggire l'entità demoniaca dal soggetto sui cui si fa questa azione. Per cui non si deve mai chiedere male al male, ma si chiederà sempre del bene sul male, se si vuole ottenere l'effetto di far fuggire lo spirito demoniaco, altrimenti se si chiede male, esso si rafforza e invece si allontanarsi da noi si avvicinerà e si rafforzerà. 

venerdì 12 agosto 2016

Cosa accade all'anima fortunata dopo la morte?

DOPO LA MORTE TUTTI VOLEREMO LIBERI?


Molti si chiedono cosa c'è dopo morte, se le cose andranno bene come molti pensano e sperano. Mettiamo per ipotesi che questi fortunati siano stati bravi, e vanno alla casa del Padre, molti pensano che poi avremo un corpo glorioso, il quale altro non è che la nostra stessa anima però purifica ed energizzata, da renderla non solo splendente ma sfolgorante, dove in essa non ci sia nemmeno una particella subatomica fuori posto. Raggiunta questa dimensione, molti pensano di poter girovagare come credono, liberi come uccellini di poter svolazzare di qua e di là, fare corse all'impazzata, scoprire mondi misteriosi, far in sostanza quello che si vuole, tutte queste idee nascono in seno alla fantasia umana desiderosa di liberarsi una volta per tutte delle catene del corpo, ma anche questo pensare, in realtà ha un qualcosa di maligno, perchè sapendo la verità, spesso coloro che la conosceranno hanno un momento di sconforto, provando un senso di impotenza e non potendo fare quello che vorrebbero, a questo punto accade, che l'essere umano, potrebbe ripensarci a divenire immortale nel regno di Dio. Ma questo non ci deve minimamente toccare, perchè in realtà siamo liberi, ma dobbiamo anche in questo Regno eterno, conquistare questa libertà, non certo con la fatica e le pene che avevamo sulla terra, ma mettendo a disposizione del tutto ciò che siamo.

Prima di tutto quando si giunge alla Casa del Padre, per un certo tempo quanto nessuno lo  sa, tutti devono rendere onore e Gloria Dio, per lo meno per essere stati premiati, salvati, perdonati, per cui almeno per questo dobbiamo sottoporci e questo trattamento, l'anima lo fa senza nemmeno opporvisi, anzi è quello che auspica, l'anima cerca Dio, l'anima lo desidera con tutta se stessa, l'anima anela a Dio, è il suo obbiettivo principale ed unico, giungere a Dio, essere amata da Lui e amarlo.  Questa è l'idea principale di ogni anima che giunge nel regno eterno, stravedono per Dio, le anime farebbero qualsiasi cosa pur di meritare di essere perfette agli occhi di Dio, se un anima non è perfetta nemmeno vuole entrare in paradiso, rimane lì dov'è finché sarà così pura da entrare incondizionatamente nel Regno Eterno. Per cui il transito delle anime, dal così detto purgatorio è lento anzi lentissimo, c'è chi ci sta millenni, secoli, anni, ci sono i fortunati che passano veloci, c'è chi ci sta qualche mese, qualche settimana, qualche giorno, qualche ora, ma quasi tutti gli umani, tentano sempre di ritardare l'arrivo, per poter dire mi avvicinerò di più a Dio, potrò stargli più vicino, c'è come una corsa, ad essere meglio degli altri, quindi più purghi e più sei contento, è paradossale ma è così, per cui dovremo purgare molto qui, per purgare meno di là. 

Quando le anime acquistano il corpo glorioso, e si troveranno innanzi alla Maestà di Dio, esse gli viene insegnato quello che da umani non sapevano, le menti di queste si uniformano, i nuovi che entrano conosceranno tutto quello che i vecchi sapevano, fin dove è permesso loro sapere. Non tutte le le anime sanno tutto, sanno quello che giusto che sappiano per quello che andranno a fare, per la sede che occuperanno. Ma gran parte di queste sono in costante contemplazione di Dio, e al tempo stesso possono interagire tra Dio e loro,  anche occuparsi di coloro che hanno lasciato sulla terra. Noi umani possiamo aver la capacità della bilocazione, queste possono trilocarsi essere fisicamente innanzi al Padre Celeste, servirlo come Egli vuole, ma allo stesso tempo possono essere altrove. La conoscenza che ognuno di questi esseri di luce, energia, etc, è infusa in tutti a seconda del grado occupato, in relazione a quanto bene quest'anima ha fatto durante il suo soggiorno sulla terra nel corpo mortale. Per questo è importante che qui facciamo molto e bene, al fine non solo di impiegare meno tempo a transitare, ma anche per poter conoscere di più di altri, chi conquista la corona della Gloria otterrà anche un posto vicino alla Gloria di Dio, ma più è elevato questo essere terreno, e più saranno i compiti che di là questo avrà, cioè più lavoro ci sarà da fare e più responsabilità quell'anima avrà. Ognuno di noi, porta con se il bagaglio delle buone opere, che avranno un grande peso, che quell'anima ha usato bene la vita terrena secondo le prescrizioni e la legge di Dio. Più anime una persona o un anima porta con se alla casa del Padre maggiore sarà la sua ricompensa e ovviamente anche in conoscenza otterrà molto. Devo dire a coloro che fantasticano che non lo facciano perchè non avranno quello che credono, ma ciò che avranno sarà molto di più e molto meglio. 

Il Signore vi dirà: "perchè volete avere solo una parte quando potreste avere tutto?"

Il Signore è contento di condividere tutto, e far conoscere tutto a tutti, ma bisogna anche meritarlo, per cui sapremo tutto di tutto, e potremo essere ovunque, nello stesso tempo o in tempi differenti, in luoghi diversi, tutto è in relazione a quanto avremo creduto e quanto ci saremo sinceramente fidati, cioè fatto quello che ci veniva chiesto. Quindi tutto sta finché siamo in vivi, tra gli uomini, quando non lo saremo più, non potremo più aver la possibilità di aver di più, quel che abbiamo fatto è stato fatto, altro non si può avere. Infatti esistono diversi livelli di santità, così come vi sono diversi tipi di angeli, anche se il discorso degli angeli è un po diverso. Ma cmq sia anche loro hanno una gerarchia, e un grado e un importanza, e ognuno di costoro fa qualcosa di importante e diverso, per cui le anime non stanno li senza fa nulla, lavorano, certo è tutto fatto per la maggior Gloria di Dio, e per le anime, ma tutto si fa in felicità. 

Quando saremo nell'aldilà conosceremo tutta la verità intera e la coscienza dell'anima potrà vedere tutto quello che Dio ha visto e conosce, ma vi assicuro che alla vista di Dio tutti noi ne saremo così tanto rapiti che ci basterà per sempre, null'altro di più potremo desiderare, lo sa bene satana, che lo ha perso per sempre. 

L'anima auspica solo poter ritornare a Dio, ma da quando è nell'uomo si sente ed è prigioniera di una mente che alle volte è anche contro Dio, e l'anima può sempre rischiare di finire male, causa i desideri scellerati di questa mente di questo uomo, quindi in Noi viviamo una battaglia continua, tra la coscienza dell'anima e quella del corpo, chi vincerà?

Tutto sta all'uomo se comprende nelle sue libertà dove vuole porsi e dove e cosa vuole vivere, nell'aldilà.

Dico solo questo, l'idea sola di finire in un inferno o in un nulla, dovrebbe tormentare chiunque, e far desiderare a chiunque di tentar di andare nel più bel posto possibile, perchè se per caso, coloro che affermano che nulla c'è e se per caso costoro sbagliano, condannano se stessi al nulla o ad un inferno di tormento eterno.

Cosa ci cambia, credere o non credere? 

Il problema è che a molti il credere pesa, perchè vorrebbero tutto, senza far nulla, senza dar nulla e senza doversi sprecare per gli altri, ed invece Dio è stato prudente in ciò, e ha trovato il sistema per saper chi merita e chi non merita. 






Il sole, le stelle, i pianeti, la materia.

anche se non è proprio la sezione giusta ma metto questo articolo in questo blog....




Il sole, le stelle, i pianeti, la materia.







Vediamo di parlare di quello che il Signore mi mostro sul nostro universo e quello che poi mi fece comprendere.

Il mio desiderio grandissimo di sapere cose sempre nuove è sempre stato una cosa impressionante in me, chiedevo sempre nel mie preghierie al Signore che mi rivelasse quei segreti che l'umanità difficilmente avrebbe potuto conoscere.
Tanto tempo fa Signorie mi portò in un "viaggio" che per me durò un tempo indeterminato invece fu di pochissimi minuti.

Questi eventi accaddero tra il 1979-2001. Poi con il tempo andarono diminuendo, per tante ragioni.

Ma in quegli anni, potrei dire le mie missioni spaziali erano non giornaliere, ma settimanali si, certo pensare adesso la cosa fa assai ridere, pure a me, e quasi uno potrebbe pensare un po svitato lo deve essere, ed invece non è così. Considerando che essendo stato di famiglia povera, e non potendo avere tanti libri che parlavano di scienze e tenendo presene che in quegli anni non è che ci fosse chissà cosa rispetto ad oggi, nemmeno in conoscenze in questo settore, non potevo certo imparare chissà cosa, perché Dio compensava la mia ignoranza con questi viaggi di natura spirituale.

Solo dopo molti anni ritrovai qualcosa nelle scoperte degli uomini, ma rispetto a quello che io conoscevo erano ben poca cosa, ma non feci parola con nessuno, trascrivendomi tutto, proprio il trascrivere che mi permise di fissare molto bene i ricordi.

Delle tante cose che mi furono mostrate e ne compresi il funzionamento, una fu la questione delle vita oltre il nostro pianeta. Tutti noi siamo alla spasmodica ricerca di una forma di vita di qualsiasi tipo, sperando che qualcosa esista, non mi fu fatto vedere se esiste qualcosa di più rispetto a noi, ma fu invece mostrato che nell'universo ci sono le basi, per accogliere la vita umana e come trovarle.

In pratica il Signore mi disse, che le stelle sono state edificate sulla base dei pianeti, che esse devono sostenere e non tutte le stelle possono sostenere la vita, anzi quelle che possono farlo, sono poche, e che le loro caratteristiche si doveva ricercare nella nostra stessa stella. Esistono in fatti delle stelle, che assomigliano alla nostra ma per radiazione non permettono la vita così come noi la conosciamo. La nostra stella emette delle onde particolari che l’uomo non ha ancora scoperto, e disse che non scoprirà facilmente nemmeno nei prossimo 80anni, per quanto la tecnica stava evolvendo, ma nelle direzione errata, e disse che non tutto era male. Continuava a dire che non contava tanto la dimensione del pianeta o della stella quanto invece proprio la radiazione emessa dalla stella stessa. Mi mostro dei sistemi di stelle anche doppie e triple, dove una delle tre però era diversa dalle altre, e compensava in qualche modo l’energia emessa dalla altre per mantenere questo tris di stelle stabile in equilibrio. Mi faceva vedere come l'infinitamente piccolo cioè l’atomo e altre sub particelle inferiori allo stesso, funzionano esattamente come quelle di maggiore dimensione cioè i sistemi solari, e gli ammassi di sistemi solari sono come le molecole, non vi è molta diversità, le forze piccole sono uguali in proporzione a quelle grandi, e come gli elettroni possono spostarsi nelle chimica moderna tra gli orbitali così lo possono fare in tempi diversi e per ragioni differenti anche i pianeti e come i nuclei anche le rispettive stelle si potrebbero comportare, se sottoposte a certe forze. Mi mostrò come il sole abbia sia in se una parte neutronica che una parte protonica, mentre i pianeti fungono da elettroni, il sistema rimane stabile finché la vicinanza di altri sistemi non determini variazioni nella stella, allora può accadere che gli influissi magnetici dei sistemi solari, di cui il sole, come tutte le altre stelle, funge da grande solenoide magnetico che permea tutto il sistema solare fin oltre il limite esterno, se questi sistemi si avvicinano troppo accade che il sistema più piccolo possa subire dei danni, e perdere qualche pianeta, che come negli atomici esso passa al sistema maggiore, ma in questo caso accade che il sistema solare diventa instabile, allora subentrano delle forze nella stella piccola, che pongono in equilibrio il restante del sistema, mi fu mostrato che la stella in queste condizioni può aumentare di volume come contrarsi, pur di mantenere la stabilità dei pianeti, e solitamente in questi casi essi si spostano ad orbite più basse, quindi c’è tutto uno spostamento planetario che non crea scontri tra i pianeti stessi, è un evento simultaneo, quando invece ad entrare nei sistemi solari solo corpi vaganti ma di dimensioni varie, ci sono altri problemi legati al fatto che questi viaggiano solitamente a velocità superiori ai pianeti del sistema stesso, questo crea delle forti tensione tra i pianeti e questi altri corpi che penetrano nel sistema solare, se essi sono come i meteoriti che già conosciamo, i problemi maggiori sono di schianto sui pianeti, ma se invece sono piccole stelle, o planetoidi di varia dimensione a campo magnetico, allora cambia il discorso, ovviamente tutto dipende da dove è posizionato il pianeta interessato, perché se questo si trovasse in linea di collisione, poco c’è da fare, mentre se si trova una distanza di sicurezza potrebbe risentirne ed esserne attratto, alle volte questi si slacciano dalla gravità della stella, per andare all'inseguimento di queste stelle vaganti, siccome comunque sia le stesse sono attratte dalla massa della stella principale che generalmente è quasi sempre maggiore rispetto all'intrusa, poi il pianeta che è all'inseguimento potrebbe risentire nuovamente della grande attrazione della stella ed esserne riattirato, prendendo in questo caso una posizione più interna, se ciò accade potrebbe esserci una ridistribuzione dei pianeti più interni, tutto dipende dalla massa, del pianeta inizialmente spostato.

Mi fu fatto vedere che alla volte un sistema solare che ha una sola stella può diventare doppio, questo accade quando la distanza tra la stella e i pianeti è molto elevata perché la stella è di dimensioni ragguardevoli, allora se per caso entra nel sistema solare, una stella più piccola o quasi simile anche questa può rimanere intrappolata ed entrare in orbita della stella principale.

Ho visto anche dei sistemi che avevano due stelle con i relativi pianeti ciascuna ma che si muovevano sia in direzioni simili che contrari ma uno dei due un piano dei pianeti orizzontale l’altro obliquo oppure entrambi obliqui e le due stelle si muovevano come un inseguimento l’una dell’altra., attorno ad un centro vuoto, questo movimento genera un campo magnetico particolare come un toroide che ovviamente influenza notevolmente tutti i pianeti dell’uno e dell’altro sistema, questi particolari sistemi pare che non siano destinati a vivere a lungo, perché tra le due stelle c’è passaggio di materia, anche se fossero uguali di dimensione, se una delle due stelle si riduce troppo di massa rispetto all'altra poi quella che diviene troppo piccola può precitate nella prima fondendosi, ci sono dei casi in cui questo non accade, dipende dalla massa della stella e dalle sue proprietà energetiche e magnetiche

Mi è stato fatto vedere che esistono stelle che hanno una dimensione piccolissima anche meno del nostro sole, che però sono di centinaia di volte superiori sia in gravità che per energia magnetica, del sole stesso, mi pare di aver capito che la massa di queste curiose stelle è dovuta principalmente alle sostanze con cui sono composte e da loro nucleo altamente denso, dove gli atomi sono praticamente ultra compressi, questa compressione è dovuta al fatto che la rotazione del nucleo è velocissima rispetto alla superficie luminosa delle stella, questo genera un campo magnetico particolare che comprime verso il suo centro tutta la materia, ma ci sono in questi nuclei stellari almeno 3 o 4 punti di sfogo, se non ci fossero la piccola stella può diventare buco nero, nei punti dove sfoga ci sono esternamente come degli sbuffi, per cui la stella solitamente viaggia ad un velocità notevole, anche se poi, se abbinata ad un stella doppia essa viene frenata da questa, come se la trattenesse, quindi sistemi sono fortemente instabili.
Se invece va da se, essa si muove a grande velocità ma si sposta molto lentamente nello spazio, spesso queste stelle formano delle spirali di grande dimensione di materia attorno se.

Le ultime scoperte di questi mesi, che definiscono ipotetiche stelle di neutroni io le ho viste in questi viaggi dello spirito, quando ho letto il documento in questione, ho tirato fuori questo testo che avevo scritto a mano molti anni fa, e ho riletto questo particolare, che esistono delle stelle che sono identiche ai nuclei degli atomi, non ci sono solo quelle di neutroni ma anche di elettroni, e protoni, solo che nessuna di queste potrebbe sussistere se fosse fatta interamente di una sola specie di sub-particella anche ad altissima densità, per cui i loro nuclei che non si vedono ovviamente sono costituiti da altre particelle, le stelle di neutroni e neutrini, meglio dire, hanno il nucleo composto interamente da protoni, sono questi che mantengono stabile la corona esterna di neutroni-neutrini, mentre tra i protoni interni e la corona esterna entrambe formate dalle rispettive parti pure, la zona intermedia è infatti formata da entrambe le parti, proprio come negli atomi normali, è solo il nucleo che sono tutti protoni, rimangono stabili perché tra l’interno e l’esterno ci sono potenziali energetici simili, così mi fu spiegato. Anche le stelle di elettroni esternamene sono tutte elettroni, questi determinano enormi quantità di energia, sono stelle molto luminose che producono nelle spazio tempeste di radiazioni; mentre internamente sono positroni, queste si formano quando avvengono le esplosioni stellari o supernove, come le chiamiamo noi, non mi addentro a spiegare altro perché non posso.

Esistono anche sistemi di sole stelle, dove può essere che al centro ci possono essere 1-2-3 stelle attorno alle quali ruotano altre 1-2 stelle e anche esserci una terza stella più esterna. Le varietà di sistemi solari, sono talmente tante che portele catalogare tutte è difficile.

Disse che lo studio della materia micro è molto simile a quello che governa nel grande, e se comprendi bene il piccolo poi capirai anche il grande, perchè  simile solo che in dimensioni ben maggiori.

Mi disse che il nostro sole, ogni tot di tempo, ma non mi ricordo quanto, può cambiare polarità. Non ho capito se intendeva un rovesciamento magnetico, oppure la stella nelle sua interezza, e se è il sole a mutare il suo campo magnetico anche le terra muta, e il cambiamento non è tanto superficiale quanto profondo nella stella, e questa invia ogni tot di tempo delle onde gravitazionali verso tutto il sistema solar, queste possono mutare alcuni valori nei rispettivi pianeti, non solo particelle ioniche e di plasma.

Sul piano dei pianeti, invece mi è stato fatto vedere che sono stati creati pianeti di qualsiasi tipologia di elementi chimici, esistenti e anche sulla terra non esistono, ci sono pianeti dove la quantità di metalli preziosi per esempio è molto prossima al 69% tipo pianeti d’oro, di metalli o pianeti di iridio, etc., esistono anche pianeti di cristalli, che si sono formati grazie alla presenza di masse immense di ossidi e elementi chimici puri che soggiogati dalle rispettive stelle e essendo all’inizio delle loro storia nei pressi di queste, erano in uno stato praticamente di fusione continua, poi pian piano nel corso del tempo per altre ragioni si sono spostati ed hanno assunto orbite superiori ovviamente i cristalli a temperature più basse, iniziano a geminare e grazie alla gravita della stella e per altre ragioni questi uscivano dalla crosta del pianeta formando pinnacoli immensi grandi come montagne tutte di cristalli di qualsiasi natura, anche diamanti.

Mi fu detto che l’umanità avesse preso una via diversa da quella che avevamo già intrapreso, Dio ci avrebbe fatto conoscere una sviluppo diverso facendo sorgere dentro di noi scienziati, capaci di portarci molto lontano, ma dato che le cose le abbiamo prese in questo modo, ovviamente tutto è spostato ad un tempo più lontano, il Signore ha detto che ha creato tutto questo per noi, non solo per stupirci, ma anche per lanciare l'uomo tra le stelle. Poi ha aggiunto che l’uomo deve evitare le aree dello spazio dove non è presente almeno in apparenza materia o dette oscure senza vita, sono aree mortali per l’essere umano.

E’ ritornato a ribadire che il nostro sole è una stella particolare che non ve ne sono molte di simili, che l’uomo è stato creato in simbiosi con il sole, nessun essere umano potrebbe mai sopravvivere senza la luce indiretta o diretta di questo sole. Il nostro DNA si struttura con il sole è “ magneto” sensibile con il sole. La luna invece influisce sul nascituro cioè sulle caratteristiche del carattere, perché essa è un satellite, con delle particolarità che vanno ad interferire sul DNA e i suoi spostamenti nell'arco del giorno, de mesi, determinato alcune caratteristiche. Noi pensiamo che le stelle lontane non interferiscano, grazie all'enorme distanza; ed invece si, i sistemi tra loro diciamo “si sentono” e c’è uno spostamento di energie tra un sistema e l’altro come se fosse tutto un grande organismo, che distribuisce le sue energie e rimane in equilibrio. Per cui tutti i sistemi di stelle e le varie costellazioni, ammassi etc in realtà rimangono stabili perché servono per sostenere il sistema solare dove vive l’uomo, tutto è stato fatto in funzione dell’essere umano, quindi l’essere umano non gli verrà mai permesso di estinguersi.

Gesù mi disse che all'inizio delle creazione degli universi, prima della materia come la conosciamo noi, l’elemento che esisteva era un forma particolare di acqua, che schematicamente la vidi come la forma dello Spirito Santo. Non metto, ne scrivo la formula. Da questa mediante il potere di Dio si è formato tutto, questa non è acqua normale, ma un acqua che dallo stato spirituale passa a quello materico, ve n’era così tanta che riempiva un solo universo. E’ un acqua che ha una forza vitale enorme e venne usata per estrarre da essa tutta la materia, dagli elementi più leggeri si è passati a quelli via via più pesanti. Non pensiate che abbia detto tutto, ho detto solo quello che posso dire. Potrei spiegare alcuni meccanismi stellari, ma non lo farò, perché ritengo che la scienza debba studiarli da sola, senza alcun aiuto e poi sarebbe un indebito vantaggio, tutto deve percorrere il tempo naturale della storia, non anticiparlo..



giovedì 11 agosto 2016

Il più grande carisma



Un Carisma non Carisma!!!



La chiesa ci ha abituato a pensare che la fede arrivi mediante volontà di Dio, sarà vero?
Vediamo di capirlo se è così o no?

Prima di tutto bisogna partire del presupposto che Dio non impone nulla è un Dio che ci lascia la massima libertà possibile, questo è sempre stato il suo presupposto, egli non ha mai voluto imporre all'uomo sua creatura che Egli gli credesse, e questo pensiero lo ha fatto fin da subito con i primi capostipiti che Egli creò della razza che Egli pose sulla terra.

Il primo atto di fede Egli lo chiese ad Adamo ed Eva, subito dopo la loro creazione essi credettero in Dio, cioè nel loro Creatore, non vi era motivo che non fosse così, solo che poi Egli volle vedere e por innanzi a loro una prova, per attestare quanto fosse grande questa fede, che essi avevano in lui. Quindi fu la prova della fede. Prova che non superarono, come ben sappiamo.

Con tutto il popolo d’Israele Esso Dio, pose prove su prove per attestare che gli esseri umani, lo amassero realmente e non in modo fittizio, ne obbligando nessuno, ne imponendo a nessuno il suo credo. Infatti nel popolo d’Israele vi sono stati parecchi soggetti giuda, che si sono susseguiti nel corso della storia di questo popolo, come anche poi con e dopo Gesù. Ma questo fatto ci dimostra una cosa, che Dio non ha mai obbligato nessuno a credere in lui, in modo impositivo, ha sempre lasciato tutti liberi di credere o non credere in lui, per quanto esso sia il nostro creatore, e anche in questo aspetto Egli non esige di essere creduto come creatore, ci lascia liberi anche in questo, almeno per quello che è la nostra vita sulla terra, e il nostro pensiero finché siamo vivi in questo mondo di materia. Poi però quando non apparterremo più alla materia e torneremo alla dimensione che Egli ne è il padrone indiscusso, saremo soggetti alle sue direttive e leggi, in modo preciso e non potremo più dire c’è o non c’è.

Quindi da ciò cosa si evince che Dio non impone a nessuno di credere in lui, per costrizione. Questo però cosa ci fa capire, che il così detto carisma delle fede è un idea concettuale umana, che vuole dire che Dio t’inculca nella tua mente di essere accettato da te, niente di più falso, Dio non farebbe mai una cosa del genere, quando Egli ci dice siete totalmente liberi, significa che lo siamo in tutto e per tutto, ma fin dove il nostro vivere presente , cioè nella materia ci permette di spingerci, ma oltre questo la libertà nostra cessa, perché noi non dominiamo l’invisibile, ma solo il visibile, per cui la libertà è intrappolata nel visibile non nell'invisibile. Ma la fede è un concetto di libertà, un concetto estremamente caro a Dio, perché in questo modo Egli ci prova, ci testa, vede se siamo adatti a Lui, non tutti crederanno e non tutti pur quanto suoi figli e creature, sono adatti per essere suoi. Per cui la fede non ci è imposta ma siamo sempre e solo noi ad accettarla. Quindi quanto la chiesa afferma è in parte errato, Dio attende che noi lo accettiamo, attende che in noi si faccia strada il desiderio di Lui, attende che in noi si apra un breccia che gli permettiamo di entrare, ma come altrettanto accettiamo noi per nostra volontà unica e sola che Egli è Dio, così altrettanto  velocemente possiamo uscire da questo concetto, perché la fede non è una materia rigida che rimane stabile nel tempo, magari, fosse così, ma non lo è, e la dimostrazione ce la danno proprio due antenati comuni Adamo ed Eva, che inizialmente avevano fede, e poi la persero, per poi recuperarla.

Quindi la fede non è un imposizione del Signore, è una nostra esplicita volontà, siamo noi che desideriamo conoscere, amare, ma prima di tutto credere in Dio, in Cristo, nello Spirito Santo, nella Madre Sua, siamo noi, e solo noi.  Dio non ci inculca nulla ne subdolamente, ne in altro modo.
Ora vediamo quante forme esistono di fede e come essa si crea in noi.


Il primo caso

è determinato dall'evento dei due crocefissi assieme a Cristo-Dio
Dopo che Gesù, Signore Nostro, venne crocefisso e vennero issati con lui altri due uno per parte, uno era critico e sbeffeggiava il Signore e l’altro invece lo rimproverava, nessuno dei due era mai stato un cristiano, nessuno dei due era stato un osservante, perché altrimenti non sarebbero stati dei ribelli a Dio e agli uomini, per cui uno preso da pietà verso Cristo, riproverà l’altro per le male parole e facendo questo riconosce Cristo, ma questo è ancora poco, Egli dice proprio a Gesù che lui è Dio e gli crede in quel preciso momento.  In quest’uomo vi è l’atto di conversione volontario, nessuno gli ha detto di credere, nessuno gli ha suggerito nulla, nessuno gli ha imposto, è stata una sua libera scelta, se non c’è libera scelta non c’è fede;  se non c’è volontà privata e propria non c’è fede libera, il credo si forma solo e solamente su un atto di riconoscimento di Cristo, un atto di assoluta convinzione che Cristo è Dio, se c’è questo atto, allora la persona crede, ha fiducia e pone tutta la sua fedeltà in Dio, o comunque sia nell'altro, inteso anche come prossimo. Questo ci fa capire che non è Dio che ti da l’input o ti da la spinta alla fede, ma essa deve scaturire liberamente da  te, per tuo atto d’amore, altrimenti non c’è volontà propria e non c’è libertà, e Dio non potrebbe mai vedere se quell'essere lo ama veramente per sua vera convinzione o perché Egli stesso lo ha indotto o costretto o lo ha influenzato, per cui la Fede è solo un atto che viene da noi, è il credo che noi poniamo in Dio.

Noi non crediamo perché Dio ce lo impone assolutamente no! Quindi solo accettazione libera.


Il secondo caso è quello degli apostoli.

Gesù inizia la sua vita pubblica da un certo punto in poi, gli apostoli ovviamente l’annoverano da quando loro lo hanno conosciuto, ma non possono sapere se Egli, l’avesse già iniziata in parte qualche tempo prima.
La chiesa poi fa iniziare la vita pubblica dal battesimo sul fiume Giordano, da li inizierebbe la vita pubblica di Gesù e non si sa neppure esattamente quanto fu, in senso cronologico del termine.

Noi abbiamo la tendenza di voler stabilire con precisione quasi millimetrica i tempi esatti, ma Cristo ci fa capire che queste relazioni temporali  tutto sommato non sono importanti, potrebbero esserci voluti 3-5-7 anni, per noi non cambierebbe nulla, nessuno lo saprà mai, questo nostro modo di fare è determinato dalla scadenza dei giorni, cioè dal passaggio del sole nelle ore della giornata che ci rende tempo-dipendenti e abbiamo la mania di scadenzare tutta la nostra vita, con una frenesia impressionante, gli strumenti elettronici accentuano ancora di più questa nostra frenesia e questo sistema nevrotico di vivere il presente, e a ciò adattiamo tutto, il nostro presente.
Ora tornando al nostro discorso.

Gesù sceglie i suoi apostoli, anche in questo della scelta ci dovremo soffermare un attimo prima di proseguire, perché  li sceglie?Quale fu il sistema che gli apostoli potessero in qualche modo accreditare un qualche bagaglio di tipo misterico a Gesù, visto che non lo conoscevano? Quale vociferare vi era attorno a Gesù, perché gli apostoli gli diano subito un iniziale fiducia?

Questo ci fa capire che Gesù aveva già iniziato per conto proprio prima ancora di scegliersi i discepoli, a predicare a farsi conoscere nel territorio, in sordina, probabilmente facendo molti miracoli, per cui era conosciuto come un uomo che parlava molto bene del Signore etc., lo si comprende dal modo in cui gli apostoli non tutti, lo accolgono come se fosse stato qualcuno di cui averne rispetto, qualcuno che era conosciuto, qualcuno che già in quelle terre si vociferava.

Perché se ci pensiamo bene, anche oggi giorno, se uno x qualsiasi si presenta al mondo, di punto in bianco senza creare precedentemente un aurea di minima conoscenza, molto difficilmente verrà mai preso sul serio, a meno che non abbia creato attorno a se qualcosa anche di piccolo, in modo di essere creduto, con più facilità, oggi giorno chiunque pretenda un posto nel mondo deve fare così, è indubbio che sia così, per cui anche a quei tempi sicuramente Gesù era già in parte conosciuto, non come poi lo fu con i discepoli, ma un qualcosa vi era, perché lo vedono subito come un maestro.

Gesù gli sceglie, ma all'inizio sono tutti così credenti in Cristo che appena lo hanno veduto si sono convertiti a lui? No!
Lo seguono perché ne sono affascinati, dal modo di fare sicuro, schietto, e perché Gesù dimostra loro che lui è superiore a loro, da dimostrazione senza volerlo, che Egli, sa e fa cose che altri non fanno con assoluta naturalezza, come se tutto quello che fa gli appartenesse, gli fosse proprio e loro ne sono affascinanti e al tempo stesso forse anche un po’ impauriti, sicuramente avevano timore.

E lo seguono, ma gli credono veramente? Ancora No!

Tant'è vero che Gesù dice ad essi :”uomini di poca fede!” questa frase indica che non avevano ancora maturato quella convinzione che serviva loro di aver la fede che Cristo voleva in loro, fede da far miracoli, e che non erano ancora convinti del tutto che Cristo era Dio, erano  titubanti, alle volte credevano, altre no, per cui Gesù li provava in continuazione, per vedere e per far maturare in loro la convinzione che Egli era Dio, senza però dirglielo, e la risposta di Gesù dice proprio questo, non avete ancora la fede necessaria per far quel che vi dico, avete in me poca fiducia, non mi credete del tutto, siete perplessi. Come Pietro che tentò anche lui di camminare sulle acque ma sprofondava, perché il senso dello sprofondare è indice di mancanza di fede, di debolezza nelle fede, di uno scarso credo, di incertezze e dubbi, di non saper riporre le fede in chi è giusto riporla. Allora questi episodi che ve ne sono molti, nei vangeli, ci mostrano come i discepoli, avevano una fede insicura, per cui non era dettata da Dio, non era da Dio imposta, ma era solo una loro scelta, una loro volontà di vita, erano loro a dir a se stessi io ci credo, io ti credo, tu sei per me il Figlio di Dio, e Dio stesso.

Nessuno costrinse alcuno degli apostoli a credere, nessuno inculca loro di credere in Gesù, nemmeno il Padre Eterno. Quindi da questo si comprende che Dio attende che le persone maturino una coscienza in se, le porta a comprendere diversi aspetti della fede, le tocca in diversi modi, gli fa percorrere dei  percorsi al fine ultimo che essi liberamente accettino e credano in lui, infatti poi gli apostoli in tempi diversi in modi diversi credettero a Cristo quale Dio, il primo che credette in modo assolutamente incondizionato a Gesù fu Giovanni, lo dimostra in tanti passaggi dalla narrazione nei vangeli, è quello che riconosce Gesù sempre per primo, prima degli altri, prima di Pietro è quello che dice a Pietro ma quello è Gesù, e solo dopo che Giovanni lo riconosce anche Pietro lo vede, ma questo fa ben capire che Giovanni aveva un credo e una fede molto più evoluta e elevata di Pietro stesso, tant'è vero che Gesù lo preferisce a Pietro e a tutti gli altri.

Fino ad arrivare al famoso dito di S. Tommaso l’ultimo irriducibile che faceva una fatica terribile a comprendere e credere in Cristo, quello che era il più ostico tra tutti.

Questa misura, questa gradazione  tra gli apostoli, del grado di fede ci fa comprendere che vi sono svariati gradi e tipi di fede tra gli uomini, e non tutti hanno la stessa fede, non tutti arrivano alle vette della fede nello stesso modo, e non tutti, sono perfetti come Cristo vorrebbe, i 12 apostoli ci indicano una graduatoria, dal primo all'ultimo,  il primo è certamente Giovanni in assoluto, ma il secondo per paradosso, che credeva in modo più forte e deciso in Cristo fu quello che lo tradì, Giuda. Perché dico questo? Giuda aveva ben compreso chi era Cristo e aveva ben compreso che Egli poteva se avesse voluto, far tutto quello che voleva, ma quello che Giuda non comprese, che Cristo non era lì  per ribellarsi al sistema -uomo, ma per altre ragioni, il fatto che lo abbia tradito indica che Egli lo ritenesse in grado  di portare a termine quello che voleva e attuare il suo potere, lo aveva dimostrato tante volte e in questo fa capire bene che Giuda credeva veramente che Gesù era figlio di Dio e Dio stesso, ma in lui  mancava quell'amore di abbandono a Cristo, che lo faceva ancora legato al mondo, per questo Egli non era come Giovanni un puro vero e proprio, come Cristo voleva, ma era uno che credeva si in Cristo come Dio, ma che voleva imporre a Dio un certo controllo, un po’ come fa la chiesa di oggi;  mentre Pietro aveva una fede che mentre Gesù era tra di loro, ma anche dopo, credeva a momenti e a  momenti aveva grandi slanci di fede, ma altrettanto aveva depressioni di questa fede, quindi era altalenante nel suo credo, lo dimostra in tanti passaggi e in tante affermazioni che fa verso Cristo e anche in relazione agli altri apostoli, essendo il più anziano del gruppo e certamente più anziano di età di Gesù, questo è poco ma sicuro, dimostra anche atteggiamenti tendenti al dispotico, all’autoritario, quasi a voler superare Cristo stesso, nelle sue decisioni ed è per questo che anche Egli non raggiunse mai la fede che aveva Giovanni, per quanto auspicasse questa elevazione.

Infatti Giovanni è l’unico che ha le visioni apocalittiche per il mondo e per la Chiesa, è l’unico che continua ad avere un rapporto con Cristo e Dio privilegiato ed è l’unico ad essere chiamato figlio di Maria da Cristo, questo lo eleva molto sopra a tutti gli altri apostoli. Ovviamente l’ultimo in questa graduatoria è S. Tommaso che riesce a rimanere nella graduatoria dei 12. Perché solo dopo la risurrezione di Cristo Egli credette veramente in Gesù.

Ma ciò ci fa capire che la fede è un atto prima di tutto derivato dal desiderato dall'uomo, e non è un imposizione di Dio che fa sull'uomo, se manca il credo in Dio, non c’è nessuna fede.
Per essere fede è necessario che sia l’uomo a crede in Dio e non che Dio imponga all'uomo la fede.

Terzo caso.
Ci sono stanti tanti santi e anche semplici persone che sono diventate grandi credenti in Cristo.
Gli atti degli apostoli, ci mostrano per esempio la conversione di San Paolo, come atto tra i primi cristiani convertiti a Cristo dopo che Gesù scelse i 12 apostoli. , perché oggettivamente parlando tra i 12 non esiste Paolo di Tarso, che potrebbe aver rimpiazzato Giuda iscariota. Ora come è avvenuta la conversione di Paolo di Tarso , leggendo i racconti degli Apostoli, egli fu colpito da un bagliore accecante che lo rese cieco, e Cristo fece udire la sua voce dicendo “perché mi perseguiti?”, in questo frangente Cristo non impone a Paolo di credere in Lui, ma lo sta solo provando, vuole vedere se Paolo è la persona adatta per rimpiazzare l’apostolo perso, non fa coercizione, ma parlandogli e togliendogli la vista, vuole porlo innanzi ad un bivio, ad una decisione o con lui o contro di lui, non gli sta infondendo la fede, il credo, ma lo sta solo provando, non gli da la fede, non gli trasmette la fiducia e la fedeltà necessarie per acquistare le fede, cioè il credo, ma lo prova e lo mette nelle condizioni di comprendere. Non gli dice, tu devi credermi,  tu devi aver fede in me, perché così lo decido Io,  gli pone solo degli enigmi, lo prova, gli da la possibilità di capire e di cambiare, altro non fa e attende. Attende che la cecità faccia il suo effetto, attende e pone altri sul suo cammino che lo porteranno a capire. Paolo non è uno stupido, è erudito quanto basta, per capire, ma è condizionato dalla sua condizione di servo dell’impero e schiavo di preconcetti antichi, per questo Dio agisce così in modo forte, solo con la forza sa che Paolo forse si arrenderà, gli pone tutti gli strumenti per capire, ma non è Dio che gli impone di credere, Dio invece attende che sia Paolo a cedere, e a dir di Si a Cristo, e sarà quello che poi arriverà a fare, almeno come negli atti degli apostoli ce lo propongono.

Ma nel corso della storia della chiesa, in questi 2000 anni ci sono stati molti altri casi, simili, in cui Dio, esercita il suo potere nel mondo per catturare anime, anche nei tempi moderni, e ne abbiamo molte testimonianze di atei, pagani, etc, e altri culti, come islamici, che si raccontano, di essere stati anche assassini come lo fu Paolo di Tarso che furono provati con il fuoco vivo, per poi approdare a capire chi fosse Cristo, e accettarlo, ma soprattutto dire di loro  spontanea volontà,  io ti credo Dio, questo è quello che Gesù aspetta da tutti, che siamo noi nella nostra libertà di credere in Lui, senza che Lui, ce lo imponga, e sta proprio in questo, l’amore che Dio esercita verso di noi, nell'essere liberi di accettarlo, liberamente. Nessuno tanto meno Lui Gesù Cristo vero Dio, imporrebbe a nessun essere umano di essere creduto, ama troppo la libertà per essere un Dio prevaricatore, Gesù non impone mai a nessuno di credergli, attende con pazienza che noi diciamo SI a Lui come fece la Madre Sua al Messaggero del Signore, l’Arcangelo Gabriele, messaggero che per altro, doveva solo portare l’annuncio che Dio la scelse come sua Sposa e Madre del Suo Figlio, anche in questo caso è Maria che accetta liberamente di aver questo onore di essere la Madre del Verbo, anche se in questo caso, Ella stessa nacque diversamente da noi. Per cui  Ella in un certo senso, rispose si nella sua Liberà ma essa era già creata per quel ruolo. Ma qui, il discorso è un po’ diverso.

Per cui esiste il carisma della fede? Si e no!

No! Come pensa la chiesa. Perché in realtà Dio non interferisce e non da la fede, ma attende che noi la meritiamo, cioè il primo input deve venire inesorabilmente da noi, siamo noi che prima di tutto accettiamo e siamo convinti di quello che affermiamo, come il ladrone sulla croce, è lui che decide per sua volontà di credere in Cristo, Gesù non fa nessun atto di coercizione su di lui. Quindi egli crede che Cristo è Dio, ed è quello che Cristo vuole da tutti noi. Essere creduto, per nostra pura volontà e nostro puro desiderio.

Non ci obbligherà mai.


Si, perché dopo che noi abbiamo compreso e capito e dopo che siamo diventati credenti in Lui, nel nostro intimo che Lui è il vero e solo Dio Onnipotente,  allora Gesù-Dio ci mostra le sue grazie e si mostra a noi come premio per avergli creduto, senza che Lui lo imponesse a noi. Infatti Gesù cosa risponde a costui che sta sulla croce, che in quello stesso giorno Egli avrebbe visto il regno eterno.
Ecco Gesù da il premio a costui, premio per avergli creduto.

Quindi il carisma delle fede, è prima di tutto nostro, cioè noi dobbiamo meritarlo, noi dobbiamo accettarlo, ma senza coercizione, altrimenti quella non è fede, non è credo, in Cristo.

Dobbiamo desiderarlo ardentemente con tutto noi stessi, sentirlo profondamente in noi, capirlo e essere portati a capirlo, ecco anche il ruolo degli apostoli che devo portare il mondo a capire che Dio è Dio, che Cristo è Dio, il ruolo degli Apostoli è questo fondamentalmente, riuscire a convertire le genti;  ma Dio sa che non tutti si convertiranno per quello che poi in apocalisse dice:” fuori dalla città rimarranno gli idolatri, gli immorali, etc, e io non li vorrò dentro nella mia città”, questo fa capire che la fede non viene per coercizione, che un prete non deve diventare tale perché altri glielo impongo, che nessuno avrà la fede perché Dio gli dice di averla, No!, questo non avverrà mai. Dio attende che noi comprendiamo, che noi capiamo, che quello è il miglior bene per noi, che quello è la nostra salvezza, che il credo in Dio deve essere un atto di amore verso di lui, senza chiedere nulla in cambio a lui, allora si che colui che ha espresso verso Cristo questo sentimento-volontà-desiderio otterrà la Corona della Gloria. Ma solo e solamente così.

Dio non trasmette a nessuno il credo in Lui.
Attende che noi crediamo in Lui, attende che noi facciamo il passo verso di Lui, chi dice il contrario non ha capito nulla.

Sarebbe troppo comodo se fosse Dio, a dire questo, quello e quell'altro devono essere così, no, dove starebbe la libertà, non ci sarebbe, è sempre la stessa cosa, siamo noi che decidiamo di Accogliere il bene o il male, siamo sempre e solo noi.

Noi dobbiamo dire ti credo che tu sei il Cristo di Dio, che tu sei Dio.
Solo allora l’uomo avrà tutte le grazie che egli vuole, tutta la conoscenza e la sapienza, qualsiasi cosa, solo allora Dio si rivelerà a Lui, ed Egli  gli  porterà la Corona della Gloria, cioè il compimento del suo credo in Dio, solo dopo il credo vero profondo e non dettato da una preghiera detta a pappagallo senza quasi capire nemmeno il senso, non è quello il Credo che Cristo vuole da noi, ma il vero riconoscimento che Gesù è il tuo vero Dio, questo è quello che Dio vuole, allora si avrà, si otterrà la fede, dopo che l’uomo ha accolto e fatto suo il Cristo, Egli gli darà il Carisma solo Dopo.

Quindi chi non crede, chi non ripone il suo credo, chi non ha fiducia e non ha certezza, chi non ripone la sua fedeltà in Cristo non otterrà il regno eterno. Ne tanto meno il carisma della fede.


Questo cosa ci fa capire che Dio non ammette la costrizione verso nessuno, che non ha mai detto ad alcuno di costringere altri, di accettarlo, e che se la chiesa ha pensato ciò, ha compreso male le parole di Cristo, e spesso purtroppo dobbiamo dire che la stessa nel corso di questi 2000 anni, ha commesso gravi crimini contro l'umanità in nome e per conto di Cristo, quando Esso non centrava proprio nulla, con le decisioni degli uomini di chiesa, In ciò possiamo dire che Cristo-Dio si differenzia enormemente dall'operato di certa Chiesa, che ha usato Cristo come scusa per ingigantire il suo dominio, e costringere milioni di persone a divenire cristiani contro voglia. Purtroppo ben si comprende che la Chiesa ha compiuto tanti mali, senza rendersene conto, in nome proprio e non di Cristo, sfruttando Cristo come fanno ora gli Islamici con Allah, nello stesso identico modo.
Salvo il fatto che Dio non ha mai voluto che la chiesa imponesse alcun che ad alcun essere umano.
Andare per il mondo a portare la buona novella non significava, imporla alla genti, ne far guerra a loro per costringerle ad accettarla con la coercizione e la forza, ma portala senza sforzo e senza dar battaglia a nessuno. Invece la chiesa degli uomini ha interpretato come gli piaciuto di più, le parole di Cristo! A proprio uso e consuma, avrebbe ottenuto molto di più in modo pacifico che non con la costrizione e con la distruzione anche di genti.  Questo non era nell'idea di Cristo!!!
Ma dell'uomo che vuole sempre dire di più del suo stesso Dio.

Il segreto delle vita eterna.

Il segreto delle vita eterna. Tutti noi andiamo in cerca di ottenere la vita eterna, ma quanti l'ottengono? Il cristiano c...