Visualizzazione post con etichetta IO sono. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta IO sono. Mostra tutti i post

giovedì 12 giugno 2014

IO SONO!

IO.

L’IO è un termine che sta indicare come tutti sappiamo la prima persona di un qualsiasi verbo … ma nella notazione spirituale identifica una sola persona  cioè il creatore, il Padre Eterno! Solo il primo essere può usare il termine IO, che lo identifica, perché indica autodeterminazione, la parola IO è la fonte  ”oscura”  del potere,  è il termine, con e per il quale tutto è stato determinato, indica precisamente il soggetto che detiene il potere.  In ebraico ’NY = significa energia espressa dall’Aleph  che identifica IO.

Quindi Dio si identifica con tutti i primi pronomi prima persona di tutti i verbi, ma specialmente con Io sarò, Io sono, Io ero..  Ehyeh è il termine ebraico che identifica il nome primo di Dio, ma non solo un appellativo ma la stessa essenza di Dio nei 3 termini, io sarò, io sono, Io ero.  Non solo come credono gli ebrei, io sarò.  Praticamente le tre persone dell’IO, io sono , io ero, io sarò si sovrappongono per formare un solo IO che è colui che non è mai nato, che non ha tempo, che non età. Identificarsi con  ero, sono e sarò, indica il passato il presente e il futuro, che si fondono in uno stesso istante, infatti non esiste ne passato, ne futuro perché tutto è sempre presente, in ogni istante, cioè il presente non è altro che il futuro prossimo. È come l’espressione matematica  +1  / 0 / -1…

 -1 = identifica il passato; già passato nel momento che era futuro, per divenire il suo presente,

 0= identifica il futuro che nell'istante che si è determinato (0)  diventa istantaneamente passato, lo zero identifica anche l’origine

+1 = identifica il futuro che appena si determina, cioè si concretizza diviene presente(0)ed immediatamente passato.

Quindi ciò che realmente esiste è il futuro, il presente è un passio istantaneo che diventa passato …
Da qui la parola IO o 10  come potete notare +1/0 hanno una posizione-relazione tra di loro precisa, 0 è l’origine cioè il Padre , l’+1 del futuro, è il Figlio. Che assieme formano la forma del 10=IO , nella posizione descritta in apocalisse, abbiamo che il figlio sta alla destra del Padre. il figlio cioè +1 e il padre sempre presente espresso come 0, ma non inteso come il nulla, ma il tutto! perché lo zero in questo caso è espressione di universalità.

Potremo anche dire che tra +1 e -1 ch'è …quindi la relazione matematica diviene +1 -1
Quindi non zero(0) ma infinito ; lo zero e l’infinito sono infatti è un cerchio, che chiude il suo percorso, nel momento che lo inizia,+1 -1 trovano la loro collocazione nel medesimo momento temporale;  il cerchio ripiegato su se stesso diviene infinito, quindi lo zero è in realtà il simbolo stesso dell’infinito!

Di conseguenza abbiamo che lo zero 0=O  è l’energia dell’origine, dalla quale trae fondamento tutto, e tutto è permeato  di tale energia. Fa capire anche che il figlio esisteva già perché l’IO non sarebbe stato mai determinato, quindi +1/0 è la persona effettiva sia del Figlio che del Padre è la relazione che c’è tra l’uno e l’altro. Quando Gesù dice disse stesso che egli è il Padre, ovviamente dice la verità perché sta in realtà dicendo che lui è 1 cioè il primo, Gesù non dice altro che Lui è lo stesso soggetto del Padre, incarnato in un corpo originato dallo stesso Padre cioè . In pratica abbiamo che il corpo umano divinizzato è stato generato dalla natura del Padre per incarnare il Padre e ottenere un figlio cioè 1 il futuro! Io sarò! Gesù è io sarò. Il Padre è io Sono, cioè Immutabile, Onnipotente, Infinito, Eterno.

Però si può anche scrivere così: (+1) (-1) dove gli 1 sono racchiusi nel simbolo

Quindi abbiamo (A = +1) ∞ (Ω = -1)

Alpha e Omega si sovrappongono per formare un solo segno e un solo individuo, come un anello, che non ha ne inizio, ne fine. Il futuro diviene presente ed è già passato, nello stesso istante.
Quindi il Padre e il Figlio sono/è un tutt'uno, espresso dall’IO e/o dal 10 che identifica anche i 10 comandamenti.

Nessuno essere umano dovrebbe mai usare questo termine, perché non ci siamo autodeterminati, ma siamo stati determinati da colui che è IO,

IO SONO COLUI CHE … SARÒ /SONO-(E’) / ERO

Spieghiamo alcune cose …

Io sono colui che sono (in ebraico אֶהְיֶה אֲשֶׁר אֶהְיֶה‎, ʾehyeh ʾašer ʾehyeh) 

Ehyeh asher ehyeh  si traduce con "Io sarò ciò che sarò”  significa colui che si è determinato, cioè colui è stato generato da se stesso. In pratica colui che non ha tempo, il sempre esistente. La chiesa cattolica cristiana ha tradotto il termine con la frase “io sono colui che è/sono”

la parola ""io sono colui che sono/è""" sta ad indicare che Egli è un essere che si è autodeterminato, ..""io sono"" prima persona del verbo essere ed identifica l’essere supremo, cioè  (essere)=esistere;"" colui""" indica la soggettività, o detto anche complemento oggetto """che sono/è""" se fosse """"che sono"" indica se stesso .... la frase sta ad indicare la medesima persona, o meglio dire il primo cioè il creatore... Il Padre ; mentre se fosse """ che è""" sta indicare la terza persona ed esprime la sua funzione trinitaria.. egli è sarebbe la terza persona singolare.

Ma il termine più esatto è espresso dalla traduzione ebraica “”io sarò ciò che sarò”” se anche il termine” io sono colui che sono “esprime lo stesso senso.  Solo che cambia la determinazione perché dire io sono colui che sono indica se stesso, adesso nel tempo presente , mentre dire io sarò ciò che sarò … è diverso … determina il futuro, uno è 0 e l’altro +1.  Ma dato che il divenire viene prima del presente ecco che la posizione è rispettata +1 /0/-1

Apocalisse :  Io sono l'Alfa e l'Omega, dice il Signore Dio, Colui che è , che era e che viene , l'Onnipotente!

Io sono, cioè se stesso; Che è , Che era, Che viene … che è, il presente; che era, il passato; che viene, il futuro, colui che determina l’inizio nell’Alpha e la fine nell’Omega. Quando i due aspetti sono sovrapposti di ha il tempo presente, IO SONO.

Poi sull'origine dei nomi di Dio.. beh ci sarebbe da parlare molto, ma forse la gente si perderebbe, quindi li cito solo:
Eloah (Dio, nella sua unicità); Elohim (Dio al plur.(nella sua funzione trinitaria); Adonai (Signore dei Signori); Ehyeh-Asher-Ehyeh (io sarò cioè che sarò)= (Io sono colui che sono) ; YHWH (Io sono colui che sono); El Shaddai (Dio Onnipotente); HaShem (Il Nome); YHWH Tzevaot (Il Signore degli eserciti: Sabaoth in traslitterazione latina)

Legato a questo discorso dell’IO pongo anche un altro discorso …

In molti testi “profetici” s’incontra spesso la parola IO, e spesso la si legge nelle parole stesse dettate “presumibilmente dalla stessa divinità” però, un conto è che sia Gesù, il Padre o lo Spirito Santo a pronunciare l’Io, ed un conto che sia la Vergine Maria o gli angeli a pronunciare l’Io.
Perché?  Semplice, la Vergine Maria è un essere umilissimo,  nella sua perfezione di umiltà, infatti è chiamata l’ancella del Signore;  sappiamo bene che la parola Io, espressa dagli esseri umani è sinonimo di non umiltà, cioè di arroganza, oppure di ignoranza, ma se in un essere umano, sussiste lo S. Santo l’ignoranza non c’è più, perché lo S. Santo corregge le forme di ignoranza, dando l’istruzione per quel che serve, anche nell'istante che serve, non è detto costantemente.

Ora la madre di Dio, pur essendo essa stessa beneficiaria della potenza di Dio, essa in presenza degli esseri umani non dice mai Io, se non in alcuni casi.. . Lo può usare solo, quando Essa si presenta con un titolo in funzione dello Spirito Santo. .... appunto ... "Io sono l'Immacolata Concezione"....qui non è Lei che lo esprime, di sua volontà, ma per volontà di chi la manda......cioè del Padre!  

Quindi, ciò fa capire una cosa estremamente importante, che fuori da questo ambito, essa per se stessa non dice mai IO, perché come detto sopra la parola IO va in funzione con l’essere supremo, il quale è l’unico a poter fregiarsi di questo titolo, IO SONO!  Di conseguenza abbiamo che tutti coloro che scrivono “profezie o testi simili” e pongono nel testo delle frasi dette dalla Vergine fuori da un certo ambito di perfezione nell'umiltà, sono da considerarsi testi non autentici.

Dico anche non autentici, per un alto fatto, satana sa bene questa cosa, dell’IO e se volesse far scrivere un testo simile ad un originale farebbe molta attenzione a porre la parola IO. Con questo ho voluto far capire come distinguere un testo scritto da una “divinità” e un testo scritto per mano d’uomo! L’uomo che solitamente è ignorante in materia spirituale, cioè ignora le cose dello S. Santo e spesso non è neppure preso da esso, dice frequentemente IO, quando scrive a nome della Vergine o degli angeli …

Ora dopo aver scritto queste cose, sono sicurissimo che da oggi in poi tutti i veggenti veri e falsi correranno a sistemare i testi, per renderli più conformi ad un certo standard. 
Mi raccomando fate un buon lavoro che così l’inganno sarà più perfetto! Che l'onesta  è un optional!!

FALSE VERITÀ

Noi uomini pretendiamo che il Signore ogni giorno che passa ci dica una cosa diversa, ci informi di tutto quello che dovrà accader...